LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Campidoglio perde pezzi
Francesca Mariani
Il Tempo 8/9/2007

A rischio la zona di Monte Caprino Numerosi cedimenti. Recintata l'area


La rupe capitolina frana e si cerca di correre ai ripari con urgenti lavori di consolidamento, in passato gi si erano verificati numerosi cedimenti di masse tufacee. Ora la situazione si sta facendo pi grave, anche a causa della estrema friabilit della roccia, e sul Campidoglio scattato l'allarme.
A rischio la rupe capitolina sul lato di Monte Caprino, quello che da su piazza della Consolazione, dove stanno prendendo il via i lavori di consolidamento, sotto l'egida dell'assessorato alle politiche culturali del Comune di Roma, condotti dalla Soprintendenza.
Lavori quanto mai urgenti - spiega il soprintendente ai beni culturali del Comune di Roma Eugenio La Rocca - perch le condizioni rischiano di diventare drammatiche. Il soprintendente non nasconde la preoccupazione per una .situazione che negli ultimi tempi si sta facendo davvero preoccupante. Si sono registrati diversi distaccamenti della pietra -spiega La Rocca - che devono essere contenuti anche per l'incolumit della gente. La natura tufacea del colle non aiuta. una pietra friabile, che non si consolida nel tempo, e le superfici tendono a sfarinarsi. L'azione della pioggia, poi, accentua questi distacchi. Bisogna anche considerare che negli anni Trenta il Campidoglio stato isolato, sono state demolite tutte le case sulle pendici, cosa che ha reso la rupe separata dal contesto cittadino. Pertanto il colle ha solamente pareti di tufo. Una condizione che tre anni fa stata gi affrontata con lavori sulla rupe sotto la Terrazza Caffarelli. Lo stesso sovrintendente ridimensiona l'allarme: Nessun pericolo di frana della rupe.
Lavori e interventi di tal genere sono all'ordine del giorno.
L'appalto dei lavori stato gi aggiudicato e fra tre mesi partiranno gli interventi - avverte Porfirio Ottolini, dirigente dell'ufficio tecnico dell' edilizia monumentale della soprintendenza comunale - Intanto la zona stata completamente recintata e interdetta al pubblico. Con un costo complessivo di circa 1,3 milioni di euro, i lavori termineranno entro la primavera del 2009. Articolato l'intervento di consolidamento: Questa porzione di rupe capitolina caratterizzata dalla presenza di grottoni scavati nella roccia - racconta Ottolini - ai cui lati emergono ancora muri in laterizio originari di vecchie costruzioni demolite negli anni Trenta. Il nostro intervento mira a rafforzare tutte queste murature che oramai fungono da contenimento della rupe.
Ma si lavora anche a livello del terreno mediante incate-namenti con tiranti orizzontali laddove la terra di riporto, spiega Ottolini. Particolare attenzione anche alla roccia tufacea che, continua il dirigente dell'ufficio tecnico dell'edilizia monumentale della soprintendenza comunale, verr consolidata con malte idrauliche stuccate dello stesso colore, in modo da evitare che schegge di tufo si stacchino ulteriormente e cadano gi. L c' un'altezza di venti metri e la caduta pu essere pericolosa.
Inoltre, l'obiettivo anche di ripristinare il belvedere di Monte Caprino con affaccio sul Foro: Con questi lavori - conclude Ottolini - consolideremo anche il terrapieno che sostiene i giardini della rupe sul lato di Monte Caprino per riaprirli al pubblico.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news