LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cari guelfi, cari ghibellini: salvate (insieme) Firenze
Franco Zeffirelli
Corriere della Sera, 13/10/2003

Roma, Venezia e Firenze: come possiamo aiutare queste tre meravigliose citt a rimanere quella sponda dell' anima e della mente a cui tutti gli uomini civili, almeno una volta nella vita, vorrebbero approdare? Come possiamo difendere l' immenso patrimonio artistico, sottrarlo ai pericoli legati all' assalto cui sono sottoposte ogni giorno? Roma, per la verit, abituata da sempre a ricevere, e a contenere, immense moltitudini, eterogenee e multirazziali. Roma Caput Mundi. Con l' Impero Romano prima, poi con le invasioni dei barbari che la sfasciarono per rimanerne alla fine prigionieri, e ancora con la Chiesa, per secoli e secoli, ha imparato ad accogliere folle smisurate facendone addirittura il suo bene primario. Ve la immaginate una Roma vuota, le sue piazze deserte, una citt del silenzio? Venezia, anche lei ha modo di difendersi. L' acqua in cui nata e cresciuta, l' ha salvata da qualunque invasione. Anche oggi tutto si ferma a Sant' Elena, di l non si passa. Passano, vero, e quotidianamente, folle immense di visitatori attratti dalle meraviglie che la citt ha saputo conservare. Ma poi, che altro danno potranno fare? Devastazioni urbanistiche, quartieri nuovi, nuove realt sociali col contorno di traffici selvaggi, inquinamento, semafori al collasso, auto, autobus e motorini? No, stiano tranquilli gli amici veneziani, questa roba che distrugge storia e memoria non nel loro destino. Rimane Firenze, forse la citt pi bella e amata di tutte, ma anche quella che corre davvero un pericolo mortale. Per cominciare la citt per eccellenza dell' individuo e non delle folle, la citt che ha concepito l' Umanesimo ponendo al centro dell' Universo l' Uomo nel suo difficile dialogo col Divino. Una citt dove il chiasso, il sudiciume e il disordine sono stati sempre condannati con leggi severissime. Ora Firenze si trova ad essere una citt duplice, con le teste attaccate l' una all' altra. La citt modello di perfezione se ne vista crescere, non accanto ma addosso, un' altra esuberante, affamata di ogni selvaggia promessa di prosperit come un qualsiasi grosso borgo industrializzato del Valdarno. E le due citt, cos diverse e opposte, sono costrette, loro malgrado, a convivere avvinghiate l' una all' altra. Ma non hanno il diritto di esistere tutte e due trovando una soluzione che permetta loro di vivere fianco a fianco, piuttosto che l' una contro l' altra? Nell' immediato dopoguerra i contadini abbandonarono le campagne (giustamente, perch da secoli la condizione del contadino toscano era stata la pi infame che un paese civile potesse tollerare). Si riversarono allora su Firenze decine, se non centinaia di migliaia di non fiorentini che volevano inventarsi una nuova vita come operai o commercianti (non pi come contadini) dando luogo a una urbanizzazione improvvisa incontenibile. Occorreva soltanto qualcuno che avesse una visione lungimirante di questo fenomeno epocale, che cercasse di regolare l' abbandono delle campagne e comunque provvedesse a creare una Firenze Nuova, nella bassa valle dell' Arno (e allora si poteva ancora) che non si sovrapponesse alla Firenze Antica. Ma questi sono soltanto vani rimpianti. Ora quello che successo sotto gli occhi di tutti, ed perfettamente inutile, perfino ingeneroso, accusare dei mali di Firenze un' amministrazione piuttosto che un' altra. Che possono fare sindaci e assessori, per quanto capaci essi siano, come possono affrontare, da soli, un problema di queste proporzioni? Alcuni anni fa si costitu un movimento internazionale per salvare Venezia. L' iniziativa riusc e dette ottimi frutti. urgente creare un piano di emergenza per salvare Firenze, le due Firenze. Si tratta di una questione di dimensioni universali che riguarda tutti, italiani e no, in prima posizione il nostro governo e l' Unione Europea. Occorrono idee coraggiose e limpide. Occorrono investimenti grandiosi, probabilmente senza precedenti. Occorre la buona volont e la fiducia di tutti i fiorentini che debbono finalmente imparare a rispettarsi e a rispettare il Bene Comune al di sopra di ogni schieramento politico. Occorre insomma, prima di tutto, creare in questa citt una grande pacificazione sociale e culturale. Basta con le divisioni tra guelfi e ghibellini. Sar un' altra vana fantasia? Sicuramente un' operazione difficilissima, ma temo che non abbiamo davvero altra scelta. Occorre creare una grande pacificazione sociale e culturale.




news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news