LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castelvolturno: il diritto dello Stato di riappropriarsi delle sue prerogative e del suo territorio
GIAMMICHELE ABBATE
02/09/2007 IL MATTINO



Smantellate due piste per le gare clandestine di cavalli cos la camorra gestiva il business delle scommesse




Fu una stagione, quella iniziata nel 98 con il commissario di governo per le aree del territorio di Castelvolturno, Mario Ciclosi (allora era sindaco del comune rivierasco Mario Luise), che riafferm a tutto tondo il diritto dello Stato di riappropriarsi delle sue prerogative e del suo territorio. Il segnale, forte, port a una serie di interventi, proprio dallautunno del 1998, in pineta e in altre aree per liberare la macchia mediterranea da costruzioni abusive che sorgevano qua e l e che avevano fatto di quel bosco di conifere un autentico bazar in cui si poteva trovare di tutto: da un posto ristoro, aree di pic-nic (si fa per dire), rudimentali parchi gioco da offrire alla disponibilit delle famiglie che trascorrevano una giornata fuori porta, a droga shop e manufatti a servizio di qualche stabilimento balneare. Con il commissario Ciclosi (seguito, poi, da Trevisone e Maninchedda) si avvi unopera rivoluzionaria - per quei tempi - a Castelvolturno. Unopera che, tra laltro, ha portato alla risoluzione dellannosa controversia sorta con i Coppola e a unazione complessiva di recupero della legalit oltre che alla riqualificazione della stessa pineta, sottratta definitivamente a un destino di abbandono e abusivismo. Un territorio, quello castellano, sul quale si era consumato uno scempio ambientale senza precedenti culminato nello sversamento abusivo di rifiuti, fino allestrazione illegale della sabbia e al dilagante cemento selvaggio. Con linizio dellattivit del commissariato di governo, la cui sezione operativa era guidata da Nicola Costantino (attualmente comandante provinciale del corpo forestale dello Stato), fu siglato un accordo tra lo stesso commissariato, la Prefettura, i vigili del fuoco e lIspettorato del lavoro. Fu cos che venne deciso il blitz: allalba lazione dei mezzi dei vigili del fuoco, con una presenza massiccia delle forze dellordine, cominci la demolizione di costruzioni abusive e baracche nella pineta. In unoccasione furono eliminate anche due piste da corsa per cavalli, una in pineta, laltra in riva al mare, usate dalle cosche camorristiche locali per le scommesse e le gare clandestine. Finalmente la pineta fu liberata e recintata. Di rilievo la bonifica del cosidetto Campo Pozzi, unarea della pineta quasi completamente ricoperta da siringhe, per anni zona franca dei tossicodipendenti: luogo emblema del degrado umano e sociale, tempio dello spaccio dove tossici bianchi e di colore si concentravano per acquistare e consumare sostanze stupefacenti. In diverse occasioni si rese necessario limpiego delle forze dellordine supportate persino da unit a cavallo per poter catturare le persone che stazionavano in quel pezzo di territorio sottratto al controllo dello Stato. Oggi 100 ettari dei 170 complessivi di pineta comunale e i 268 della pineta appartenente al Demanio sono recintati. Realizzati anche gli impianti antincendio, lilluminazione, la viabilit interna, sotto la tutela dellUfficio territoriale delle biodiversit del corpo forestale dello Stato che ha in gestione la porzione della pineta di cui proprietario il Comune di Castelvolturno.

Abusivismo e degrado nei pressi del Volturno Sotto, il blitz che liber la pineta di Castelvolturno nel 1998



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news