LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Londra La storia della nascita del Celeste Impero
Paolo Vagheggi
03 settembre 2007, Il giornale dell'arte



Intervista a Neil McGregor, direttore del British museum: "Presentiamo le ultime scoperte degli scavi archeologici di Xian"
A Londra 150 opere tra cui venti sculture dellesercito di terracotta che rappresentano soldati e funzionari
La tomba del primo imperatore della dinastia una delle pi grandi scoperte della storia



Come nato lo Stato cinese? E questa la domanda di fondo nascosta sotto il titolo "The First Emperor: Chinas Terracotta Army", la mostra che apre il 13 settembre al British Museum, allestita allinterno della Reading Room dellistituzione londinese (fino al 6 aprile). Sono 150 le opere che ospita, provengono dal Museo di Xian, dalla tomba di Qin Shihuangdi, il primo imperatore della dinastia Qin, luomo che riusc a unificare la Cina, i cui odierni confini sono ancora quelli da lui tracciati pi di duemila anni fa, tra il 221 e il 210 avanti Cristo.
La tomba dellimperatore una delle pi importanti scoperte archeologiche della storia, avvenuta casualmente pi di trentanni fa, nel 1974, dopo il ritrovamento di una testa di terracotta da parte di un contadino. Da allora cominciato lo scavo di grandi fosse da dove sono spuntati arcieri, fanti, carri, cavalli, statue di servitori, mandarini, concubine e oggetti di vita quotidiana.
Le statue colpiscono per il loro realismo, realizzate con una tecnica particolare: cerchi di argilla compatta formavano un tubo (il torace) a cui venivano aggiunte gambe, braccia, la testa, blocchetti per creare la corazza. Poi la decorazione e le armi. Le sculture per occupano solo una parte del complesso archeologico che ha una superficie di 56.000 metri quadrati. Lo storico cinese Sima Qian, nato un secolo dopo, sostenne che la costruzione del mausoleo fu un vero e proprio affare di Stato a cui lavorarono oltre 700.000 prigionieri. La camera funeraria dellimperatore sarebbe cos profonda da attraversare tre livelli di falde acquifere, con pareti in bronzo e circondata da fiumi di cinabro, cio solfato di mercurio che, per la filosofia taoista, un mezzo per raggiungere la strada dellimmortalit. Era questa una vera fissazione dellimperatore che organizz numerose spedizioni alla ricerca dellelisir delleternit. A Qin Shihuangdi si deve per anche linizio della costruzione della Grande Muraglia, oggi in pericolo per le tempeste di sabbia.
Ma i confini del suo impero, contrariamente a quello romano, sono sopravvissuti al trascorrere del tempo, a guerre e rivoluzioni, ed era un impero raffinatissimo come testimoniano la magia dei guerrieri di terracotta ma anche le figure che rappresentano i burocrati, i giocolieri, che erano al servizio dellimperatore, le gru di bronzo che hanno adornato e abbellito la tomba.
Sono queste le ultime scoperte avvenute a Xian, che presenta il British museum con una spettacolare esposizione che vuole rivelare le radici della Cina odierna, il paese che tra meno di un anno ospiter i giochi olimpici ma la cui storia assai poco conosciuta. Spiega Neil MacGregor, direttore del British: Dalla Cina sono arrivate 150 opere, tra cui venti figure di terracotta dellesercito di Xian. Ma la nostra non semplicemente una mostra sullesercito di terracotta.
Perch, qual lobiettivo?
Questa mostra esplora due soggetti: da una parte larcheologia. Gli scavi proseguono molto lentamente ma ci sono continuamente nuove scoperte che presentiamo al pubblico occidentale: a Xian ad esempio stata ritrovata una grande sala e al contempo negli ultimi anni sono stati portati alla luce meravigliosi uccelli di bronzo che ora sono al British. E interessante anche il modo di procedere degli archeologi cinesi, lentissimo, diverso da quello occidentale, da Pompei o Ercolano. Ma al contempo la nostra vuole essere unesposizione dedicata primo imperatore, Qin Shihuangdi. Abbiamo avuto una precisa sensazione: lesercito di terracotta entrato nellimmaginario collettivo ma collocato allinterno di una specie di vuoto storico. Pochi sanno che stato realizzato per luomo che ha creato la Cina, che ha fissato i confini dello Stato odierno. Uno degli scopi principali di un museo di presentare al mondo la storia, quella che magari non abbiamo studiato a scuola ma che oggi essenziale. Una parte di questa storia la nascita della Cina, pi straordinaria anche della tomba.
Com rappresentata questa vicenda politica?
Qin Shihuangdi ha unificato il paese non solo con un intervento militare. Ha usato i caratteri della scrittura, sono divenuti universali e non fonetici e ha gettato le basi delle scrittura odierna. Ha creato la moneta: sono sue le monete rotonde con un buco quadrato al centro che sono rimaste in circolazione fino agli anni Cinquanta. Qin Shihuangdi ha unificato pesi e misure. Fu un granduomo, il fondatore della patria o fu un tiranno? E una questione davanti a cui si trova ogni cinese. La prossima mostra del British museum sar dedicata allimperatore Adriano. Ma limpero romano non sopravvissuto. Perch invece esiste ancora lo Stato cinese? A questa domanda non so rispondere, ma c bisogno di una seria riflessione. In mostra ad ogni modo limpero politico, reale che ha creato Qin Shihuangdi, che ha cambiato il mondo, lo confrontiamo con limpero funebre, parallelo scoperto ha Xian.
Una tomba come un impero?
S, come un impero. Non ci sono soltanto figure di guerrieri. Sono state ritrovate gru in bronzo che sembrano ballare, accompagnate da musici e da moltissime figure di burocrati imperiali. Si capisce quanto fosse importante lamministratore imperiale. E poi sono stati scoperti dei giocolieri. Tutto questo ha cambiato lidea della tomba. Inizialmente si pensava ad un esercito messo a difesa dellimperatore, ora si capisce che era una realt molto pi complessa. E un vero regno parallelo quello che fu costruito, con tutte le componenti dello Stato: dallamministrazione ai divertimenti. Nel tempo pensiamo che saranno trovati gli altri elementi del regno.
Anni, probabilmente. Gli scavi non procedono speditamente.
Ci sono molti problemi. Ci sono sculture dipinte: i colori svaniscono a contatto con laria, c il problema del fissaggio. E tutto molto complicato, difficile. Non vanno avanti velocemente per questo, soprattutto per non danneggiare la tomba.
La tomba mai stata violata? E vero che protetta da un sistema di difesa?
La tomba di Qin Shihuangdi ancora esiste e probabilmente intatta. Il soffitto della sala quasi sicuramente non crollato. Sono state fatte indagini con i raggi infrarossi e non sembra avere subito danni. Ed vero, stando a delle testimonianze scritte, che ci sono dei sistemi di difesa, archi che scattano automaticamente allarrivo degli intrusi e lanciano frecce. Per uccidere il sacrilego invasore.






news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news