LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Questi patrimoni non devono morire
Michelino Davico
La Padania 31/8/2007

Questo nostro popolo ha pianto, riso, creato, amato, poetato in tonte diverse lingue regionali che ora, fraintese dai pi e concluse con i dialetti, stanno languendo e avviandosi alla commorienza. Solo chi non sa distinguere tra una lingua ufficiale e le lingue storiche della grande civilt letteraria italiana potrebbe commettere l'imperdonabile errore di lasciar morire per sempre lingue come il protogermanico, il provenzale, il cimbro, il mocheno, il ladino, ultime propaggini di lingue che ora solo in Italia si parlano ancora. I provenzale, in particolare, stata la lingua della prima rinascita letteraria europea dopo la lunga notte del medioevo, frutto dell'innesto della civilt araba sulla civilt cortese nel Sud della Francia. R provenzale, attraverso il Brabante e le Fiandre si espande nei tenitori di lingua germanica, determinando la nascita della letteratura tedesca, ed emigra dalla Provenza in Sicilia, alla corte di Federico II, generando le prime squisite espressioni di poesia cortese in Sicilia, la famosa scuola siciliana, che tanta parte avr nel Dolce Stil NOVO toscano. Quella stessa lingua provenzale oggi parlata da poche migliaia di persone, in Italia, lasciate a s stesse e spesso escluse dai sistemi scolastici Altrettanto dicasi del protogermanico dei Walser, unica espressione di un'antichissima lingua scandinavo-alemanna risalente ai tempi di Carlomagno, ora viva solo pi nelle vallate del Monte Rosa, in Piemonte. Ma se parliamo cos delle lingue minoritarie, che dire della dolce lingua della Serenissima, che per mille anni domin incontrastata il Mediterraneo? Basti dire che i trattati tra l'impero ottomano e l'impero russo venivano stilati non in turco o in russo, ma in veneziano. Basti dire che i termini marinareschi in greco moderno e in turco ancor oggi risentono del fortis-simo influsso della lingua veneziana. Basti dire che il giornale, strumento di aggiornamento, ma anche di civilt letteraria, nasce a Venezia, dove si poteva comperare per un centesimo', che in veneziano si dice gazeta. Tutto il mondo della marina mercantile stilava i suoi rapporti nella lingua di Marin Sanudo. e tutto l'impero ottomano ha tremato davanti alla potenza navale comandata da Andrea Doria, ammiraglio genovese, al comando della flotta veneziana nemica, ma alleata davanti al pericolo comune.
Questa soavissima lingua veneziana che ci ha offerto la commedia a canovaccio dei fratelli Gozzi, la commedia a spartito del Goldoni, questa lingua che fu di Marco Polo, di Vivaldi, di Galuppi, dei Tiepolo, che fu lingua di dogi di capitani di mercanti e di eruditi, la vogliamo proprio relegare nel dimenticatoio dove l'Italia ha scialacquato dissennatamente le sue pi grandi ricchezze? E che dire della lingua di corte a Napoli, quella stessa che Fabrizio Salina, principe di Donnafugata, siciliano e normanno fino all'anima, pur parlava nonostante il suo illustre siciliano per rivolgersi al Re delle Due Sicilie, a Napoli, dove il napoletano era lingua di corte e di Stato? E infine, come ignorare e sottacere, nei testi scolastici, che il primo re d'Italia, Vittorio Emanuele II, non parlava e non capiva l'italiano? E con lui tutti i generali, i nobili i funzionari di Sabaudia La Granda? Come ignorare che il primo Parlamento italiano, riunitosi a Palazzo Carignano il 17 marzo 1861, fu aperto proprio da Vittorio Emanuele II, che si rivolse ai rappresentanti del popolo italiano, per la prima volta riuniti in un parlamento rappresentativo di tutta l'Italia, in lingua piemontese?
Il teatro sociale in lingua piemontese, in epoca risorgimentale, ci ha dato pi di mille e duecento opere teatrali, attestando una coscienza civile, un'avvertenza dei problemi delle classi lavoratici cittadine e contadine, che invano cercheremmo a quell'epoca in lingua nazionale. Il piemontese stato lingua di lavoro e di commercio, di scienza e di letteratura, di teatro e di liturgia, ma soprattutto lingua di Stato per otto secoli, quando l'italiano ancora non era mai stato lingua statale neppure per un anno e mancava della terminologia per i pi umili strumenti di lavoro e di commercio. Il veneziano, il napoletano, il piemontese, le lingue storiche dellItalia risorgimentale non devono morire. Propongo pertanto che le lingue storiche, insignite di tanta letteratura ed illustrate di autorevoli opere filologiche, dizionari e grammatiche, siano riconosciute come parte inalienabile del patrimonio linguistico di tutti gli italiani Diamo una nuova civilt linguistica al nostro Paese, diamo un nuovo assetto al nostro avvenire linguistico. mai possibile che ci sia una cattedra di friulano all'Universit di Toronto, che si insegnino corsi di lingua e letteratura piemontese all'Universit McGill a Montreal, che vi siano corsi di lingue e letterature regionali in universit australiane e che non sia possibile istituire dei corsi di laurea in lingue e letterature storiche e ancestrali in Italia?
Molta confusione si creata per via della perenne domanda se una determinata parlata una lingua o un dialetto. Basterebbe un'osservazione semplice per chiarire le idee. Qualsiasi lingua, inclusa quella italiana, parlata da persone che leggono sempre meno, sempre pi sotto l'influsso di una lingua forte straniera, con un lessico sempre pi esiguo, rischia di diventare un dialetto. Per converso, l'ultimo dei dialetti il provenzale di Frdric Mistral o il tursitano di Albino Pietro, pu diventare lingua, se alimentato da secoli di idiomaticit e da grande intuito e creativit poetica.
Non si possono considerare dialetti quelle che sono state lingue di Stato. Il piemontese, che con i Sermoni Subalpini nasce letterariamente un secolo prima del toscano, sar magari oggi dialetto sulle labbra degli anziani che ancora lo parlano, ma nella coscienza di chi lo scrive, lo legge e lo coltiva come lingua veicolatrice di cultura Il piemontese lingua, in tutte le sue accezioni letterarie, lessicali e culturali E altrettanto mi sento di dire, a colpo sicuro, senza tema di smentite, per il veneziano e per il napoletano: e poi chiss per quali e quante altre lingue, dal milanese di Porta, al romanesco di Belli al siciliano di Meli, al genovese di Andrea Doria, tutte portatrici di grossi segmenti di spiritualit e di creativit. Smettiamola con questo horror dialecti, smettiamola di avvilire, di sminuire, di emarginare chi parla una lingua storica o una parlata locale. I locutori di queste antichissime parlate non vanno sviliti ed emarginati, ma incoraggiati. Essi sono una preziosa risorsa linguistica, oltre che un documento vivente della nostra straordinaria variet etnica e culturale. perci che propongo il seguente comma: La Repubblica riconosce, tutela e valorizza le lingue storiche, ancestrali e locali.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news