LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PERUGIA - il convento di Monte Malbe
Gioved 30 Agosto 2007 , il Messaggero


Lasciando la strada provinciale che conduce a Cenerente, simbocca a sinistra lo stradone che porta al vecchio e splendido Convento dei Cappuccini, costruito nel 1535. Ci che colpisce, giungendovi in auto, sono le possenti e lunghe mura del Convento che circondano il monastero, quasi a proteggerlo da occhi indiscreti!
Ledificio di una bellezza unica, posto ad ovest di Perugia, immerso in una vegetazione di folte piante, soprattutto dabeti che qui crescono spontanei e rigogliosi. Il luogo uno dei pi ameni del circondario di Perugia, con stupende vedute panoramiche da mozzafiato e dove possibile respirare a pieni polmoni aria salubre.

Stiamo parlando di Monte Malbe, dove i viali del bosco recingono il Convento per lungo e per largo e sono di una bellezza sorprendente. Da Monte Malbe possibile ammirare uno dei pi grandiosi e pittoreschi panorami del paesaggio umbro: si scorgono le vetuste e laboriose citt medievali di Perugia, Torgiano, Deruta, la valle del Tevere fino a Collazzone e a Todi, Monte Catria, Monte Cucco, Monte Calvo (nella parte alta di Gubbio), i monti di Nocera, di Trevi, i Sibillini di Norcia, il monte Fionchi (nella parte alta di Spoleto), il Gran Sasso, la Maiella e, pi vicini a noi, il Monte Acuto ed il Subasio ai cui piedi si adagia Assisi, la citt del Poverello.
Monte Malbe, con la vetta di maggiore spicco, il colle della Trinit, posta a quota 652 sul livello del mare, sempre stato, insieme al Tezio, uno dei rilievi pi cari alle popolazioni di Corciano e Perugia. Alcuni storici vogliono far derivare il termine Montemalbe dalla parola etrusca Maloz o Malot, luogo dei responsi (non va dimenticato che i perugini hanno vissuto in fraterna amicizia con il popolo Etrusco le cui testimonianze archeologiche sono ancora cos vive nel capoluogo umbro) per un tempio che esisteva sulla cima del monte, oggi SS. Trinit, dedicato a Fetonte. Secondo altri studiosi (Ciatti) la parola deriverebbe da monte delle malve o di mal bere, per la sua cima nuda e biancheggiante di sassi oppure per la loro bianchezza. Daltra parte in alcune bolle Pontificie dellanno 1000 (conservate nellArchivio del Vescovado di Perugia), Monte Malbe chiamato Mons albus e Montem album: ancora oggi la gente del posto lo chiama Montemalbo, per la cima nuda e biancheggiante di sassi oppure per bianchezza, perch fino al 1960 a Montemalbe non esistevano condutture idriche (lacqua giunger solo dopo questa data) e quindi si faceva uso solo dellacqua piovana.
Monte Malbe occupa circa 25 chilometri quadrati, quasi completamente ricoperti da vegetazione arborea interrotta raramente da qualche campo, per lo piu in via di riconquista da parte del bosco.
Il Parco di Monte Malbe ricco di una vegetazione che ha dello stupefacente! Oltre ai numerosissimi e bellissimi abeti che ricoprono e cingono il vecchio Convento, il Parco ricco di specie arboree caratteristiche della flora umbra: aceri, carpini neri, castagni, cerri, ciavardelli, lecci, maggiociondoli, olmo, ornielli, roverelle, sorbi domestici. Mentre il bosco popolato di piante medicinali e aromatiche come asparago selvatico, borragine, calendula, camomilla, dulcamara, finocchio selvatico, malva, salvia, piantaggine, ortica.
L'abete bianco (Abies alba Mill. o Abies pectinata) un albero maestoso, slanciato e longevo, e data anche la sua notevole altezza (50-60 metri), considerato "il principe dei boschi". La corteccia dellAbete, negli esemplari giovani, liscia ed ha un colore bianco-grigio argenteo e presenta delle piccole sacche resinose che, se spremute, diffondo odore di trementina; nelle piante pi vecchie (oltre i cinquant'anni d'et) la corteccia si ispessisce tendendo a desquamarsi in placche sottili e diventa, partendo dalla base, rugosa, screpolata (fessurata) e di colore tendente al nero. La particolarit dellabete di avere gli aghi disposti a "pettine", sono cio solitari e inseriti singolarmente nei rami, particolare che li differenzia da molti pini che hanno, invece, aghi riuniti in gruppetti. I frutti (gli strobili) sono quasi cilindrici e chiamati "pigne"; derivano dai coni femminili si trovano soprattutto nella parte superiore della chioma e, a differenza dell'abete rosso, sono disposti verticalmente verso lalto.
Sal. P.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news