LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castello di Oria, Comune e Provincia pronti a comprare
Marcello Orlandini
Corriere del Mezzogiorno Lecce 28/8/2007

ORIA Il fronte pubblico accusa un'assenza, quella della Regione, non si scoraggia e decide di esercitare il diritto di prelazione sull'acquisto del castello svevo di Oria. Questo accaduto ieri mattina nella conferenza dei servizi, riunitasi nel municipio della citt che punta sull'ombra di Federico II per la propria promozione turistica e culturale. Ma la controprova arriver a breve: venerd prossimo 31 agosto seconda convocazione della conferenza, e questa volta per avere delle risposte ad un progetto messo insieme da Michele Errico, presidente della Provincia, e Costano Ferretti, sindaco di Oria. Ciascuna di queste amministrazioni potrebbe assumersi l'onere di pagare un quarto del prezzo richiesto, ma Regione e Ministero del Beni Culturali dovrebbero farsi carico del resto. Altrimenti si vedr.
I privati - II castello era stato venduto, sub condicione, a fine giugno. Gli eredi dei conti Martini Carissimo (secondo quando ha dichiarato nei giorni scorsi la contessa Lavinia) avevano ricevuto numerose offerte, una delle quali superiore di un milione al prezzo poi spuntato nella compravendita. In fila anche un manager russo, e -si dice- l'emissario di un emiro. L'ha spuntata per Giuseppe Romanin di Brindisi per 7 milioni 750mila euro. Romanin, assieme alla moglie Isabella Caliandro, alla testa di una serie di societ che vanno dalla Borgo Ducale Sri (struttura ricettiva) a II Trullo, al ristorante La Corniche, alla Fael, azienda che produce porte tagliafuoco. Fatturato, una decina di milioni di euro l'anno. I Romanin e i Martini Carissimo si conoscono da tempo, tuttavia ci che ha avuto un peso determinante, dicono le parti private, stato il progetto: da un lato, l'obiettivo di inserire il castello di Oria nei circuiti congressuali internazionali come sede storica di alto livello; dall'altro, l'intento di valorizzare al massimo l'aspetto museale, storico e culturale dell'immobile. Spendendo da ottobre 5 milioni di euro, se i soggetti pubblici non ci mettono la coda, per opere urgenti di consolidamento, per i restauri e gli adattamenti necessari ad ospitare convegni. Ma niente foresterie o ristoranti, aveva detto Romanin al Corriere del Mezzogiorno. Sul fatto che gli enti pubblici possano subito mettere insieme le somme necessarie, e soprattutto investire rapidamente in manutenzioni e progetti di sviluppo, Lavinia Martini Carissimo nutre, ed ha espresso, molti dubbi. Oria ha un solo vero interesse, secondo la contessa: una nuova era per il castello, e un indotto legato al turismo culturale e congressuale.
Il sindaco - La maggior parte dell'opinione pubblica, invece, sostiene il sindaco Cosimo Ferretti (TJdc) desidererebbe che il simbolo della citt fosse in mano pubblica. Magari per diventare, come ha proposto l'architetto Ruggero Martines, direttore regionale dei Beni Culturali (presente ieri ad Oria), un Museo della regione messapica. C' stato un aspetto positivo, nella conferenza dei servizi, ed il fatto che Comune e Provincia parlano la stessa lingua, stabilendo di avviare il procedimento per esercitare il diritto di prelazione. L'aspetto negativo, invece - commenta Ferretti - stata l'assenza assoluta ed ingiustificata della Regione Puglia.
Patto di stabilit - Il piano messo a punto da Errico (centrosinistra) e Ferretti prevede anche il rischio -forse la certezza - che si violi il patto di stabilit: ciascuna delle due amministrazioni dovrebbe sborsare poco meno di 2 milioni di euro, due quote del 25% del prezzo della compravendita. E il resto? Il restante 50%, e meglio sarebbe se si accollassero l'intero onere, dovrebbero coprirlo la Regione ed il Ministero dei Beni Culturali, spiega il sindaco di Oria. La risposta dovrebbero fornircela a breve, e per questo abbiamo riconvocato per la fine della settimana la conferenza dei servizi. Contatti con i privati? Si parlava di un protocollo tra le parti, e c' un invito della signora Isabella Caliandro per un incontro. No, nessun contatto dice il sindaco. E non aggiunge altro, ma forse pensa che qualcuno voglia lavorare ai fianchi il Comune. Solo ringraziamenti per Michele Errico: Ha dato solidit alla nostra battaglia, e si sta impegnando anche come notaio, oltre che come presidente della Provincia. Lui sa leggere tra le righe degli atti, e questo ci sar molto utile.

Una storia nata nel 1200
Fatto costruire tra il 1227 ed il 1234 su ordine di Federico II di Svevia. il castello di Oria nel 1933 fu ceduto dalla municipalit, quasi in rovina, e in cambio di un palazzo nobiliare in cui allocare gli uffici comunali, alla famiglia Martini Carissimo, che lo restaurarono. Pi recentemente, impossibilitata ad accedere a fondi pubblici per approfonditi interventi, la famiglia ILI messo in vendita la fortezza, giungendo all'inizio dell'estate ad una compravendita con l'imprenditore brindisino Giuseppe Romanin, che intende inserire il castello nel circuito delle location storiche per importanti congressi. Prezzo stabilito 7 milioni 750mila euro. Ma Comune di Oria, Provincia di Brindisi, Regione Puglia e Ministero dei beni Culturali hanno diritto di avvalersi di una prelazione. L'iniziativa a stata avviata ieri mattina, e avr un'altra tappa venerd.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news