LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Maderno. Palazzo Gonzaga il restauro pi vicino
Attilio Mazza
Bresciaoggi 29/8/2007

Palazzo Gonzaga di Maderno, o meglio ci che resta dell'antica dimora di delizie realizzata sulla riva del lago di Garda dai duchi di Mantova, potrebbe tornare a nuova vita. Dopo la messa in sicurezza da parte della propriet, che ha dovuto risanare i danni del terremoto del 2004, l'amministrazione comunale di Toscolano Maderno sarebbe disposta a effettuare il completo restauro.
una possibilit che stiamo valutando con i proprietari -conferma il sindaco di Toscolano Paolo Elena -. Saremmo infatti disponibili a effettuare il completo restauro dell'edificio che si affaccia sullo slargo dietro la chiesa di Sant'Andrea, in cambio di annualit di locazione. Spero che l'operazione possa maturare prima dell'autunno. L'edificio verrebbe aperto al pubblico. Non potrebbe essere altrimenti - sottolinea Elena -, Si tratta di un monumento storico, memoria di secoli lontani quando i Gonzaga fecero edificare, erano i primi anni del Seicento, una sontuosa dimora collegata con il Serraglio sulla collina. Si favoleggia che dovrebbe ancora esistere la galleria che collegava il palazzo con l'edificio collinare. Nel febbraio del 1921 il sindaco dell'allora Comune di Maderno, Giovanni Battista Bianchi, avrebbe voluto donare il Serraglio a Gabriele d'Annunzio, appena approdato sul Garda dopo la vicenda fiumana, per farne un santuario dell'italianit. Il poeta, dopo aver tergiversato, non accett il dono e opt per villa Cargnacco di Gardone Riviera, dove poi avvi la fabbrica delVittoriale.
Da definire la destinazione dell'immobile. I saloni al piano superiore sono interessanti anche per l'apparato decorativo - osserva il sindaco -. Vi si potrebbero allestire mostre, organizzare conferenze.
L'intervento di recupero andrebbe a chiudere un altra pagina della storia di palazzo Gonzaga, scandita da progressive distruzioni. Nel 1819 - ricorda a questo proposito il primo cittadino -, quanto era rimasto dello storico edificio venne quasi interamente demolito dal proprietario Ghiselli il quale, scrivono gli storici, forse a causa dell'infermit mentale lo distrasse per due terzi, pietra su pietra, alla ricerca di un immaginario tesoro nascosto. Nell'androne rimasto si vede ancora lo stemma dei Gonzaga, una testimonianza preziosa.
Operazione Serraglio. Per quanto riguarda la destinazione del Serraglio? Vogliamo affidare villa e parco all'Universit degli studi di Milano, dipartimento di Botanica, gi presente a Toscolano - annuncia il sindaco -. Il Comune ha siglato molti anni fa una convenzione con i ricercatori milanesi per l'orto botanico sperimentale Ghirardi e per la coltivazione di piante medicinali utili alla cura delle malattie del cuore. La villa necessita di un buon restauro, mentre il parco abbastanza in ordine.
Il progetto gi approdato in consiglio comunale. Il parco di circa 20 mila metri quadri -entra nei dettagli il sindaco -, adatto a particolari osservazioni. Diversa la situazione dell'edificio del Serraglio che necessita di un intervento di restauro. Sarebbe un'ottima sede per corsi estivi, come avviene a Gargnano. Ma c' un problema di disponibilit economica. Il Comune potrebbe studiare anche la possibilit di concorrere al finanziamento necessario per il restauro della villa.
I vantaggi della trasformazione in questa direzione? Innanzitutto la riqualificazione del patrimonio e l'uso funzionale di un edificio che ha, dicevamo, una storia importante -spiega Elena -; in secondo luogo verrebbe attuato un costante monitoraggio scientifico del parco, a garanzia della sua conservazione. Infine non va trascurato l'indotto sull'economia locale. Per accelerare l'operazione, il sindaco ha gi fissato un appuntamento con i vertici dell'ateneo milanese.

Dai fasti secenteschi alla rovina del Ghiselli
L'antica Maderno venne frequentata dai Gonzaga gi alla fine del Quattrocento. La celebre Isabella d'Este, andata in sposa a soli sedici anni a Francesco Gonzaga, marchese di Mantova, vi arrivava per mangiare i fichi nella casa del parroco di Toscolano. E probabilmente accompagn in barca Andrea Mantegna, grande artista che volle alla sua corte, per comprare capitelli, lapidi e colonne romane da riprodurre nei suoi affreschi e nelle sue tele.
I Gonzaga intorno al 1606, con Vincenzo I, scelsero Maderno per costruirvi un'importante dimora di piacere dotata di ampi giardini. Il progetto fu affidato al pittore architetto Antonio Maria Viani e successivamente a Francesco Geffels. Il parco si estendeva per quasi tutto il promontorio di Maderno ed era ricco di alberi da frutta, di aranci cedri, cipressi. Vincenzo I non riusc a vedere la conclusione dei lavori. La propriet pass a Francesco IV e pochi anni dopo a Carlo II che nel 1656 acquist anche il convento dei Padri Serviti di San Pietro e il parco del Serraglio sulla collina, cos chiamato perch circondato da alte mura che impedivano l'accesso a chiunque.
Il serraglio venne ricostruito nel 1660 e collegato al cosiddetto Palazzo nuovo con una galleria sotterranea che permetteva al duca di spostarsi al riparo ripara degli occhi indiscreti. Il figlio, Ferdinando Carlo II, continu frequentare le dimore di Maderno e non fu da meno del padre nel gioco e nei vizi: il clamore delle vicende amorose del genitore nelle case di piacere lacustri avevano suscitato scandalo alla corte d'Austria, tra i familiari della moglie. La fine delle dimore madernesi inizi 1718 allorch passate a Leopoldo I, duca di Lorena, questi le don e in parte le vendette al conte Saverio de Villio di Desenzano. Nel 1819 i resti del palazzo furono acquistati dal dottor Ghiselli il quale ne fece demolire due terzi nella speranza di trovarvi un favoleggiato tesoro. Quasi nulla rimasto della bellezza del palazzo secentesco; un reperto significativo lo stemma di marmo che si vede nell'androne dell'edificio superstite. Miglior sorte tocc al Serraglio e al parco che ancora si ammira, mentre la palazzina sub le ingiurie del tempo, adattata a nuovi usi e ristrutturata in diverse epoche.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news