LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Torre Guaceto, ancora focolai Allarme roghi, il parco accusa: "Rischio speculazione"
TITTI TUMMINO
29 AGOSTO 2007, LA REPUBBLICA, BARI

LEMERGENZA AMBIENTE
Incendi isolati nelloasi naturalistica. Il canneto, per, sta riprendendo la sua consistenza. I piani per il futuro



Il presidente e il progetto di un albergo: "Se lo revocassero sarei contento"



Ad una settimana esatta dal rogo che ha divorato 105 ettari di vegetazione, fra marted e mercoled il fuoco tornato ad illuminare sinistramente la notte di Torre Guaceto. Nuovi focolai dincendio, subito domati dai vigili del fuoco di Brindisi, si sono sviluppati nella riserva statale fra Ostuni e Carovigno, zona di interesse naturalistico di importanza internazionale, proprio nellarea dove il 21 luglio erano andati in fumo cento ettari di canneto e cinque di macchia mediterranea sui 1200 totali. Niente di grave - rassicura il presidente del Consorzio di gestione delloasi - Ancora una volta, per fortuna andata bene.
Gi, ancora una volta. Perch, una settimana fa, constatando lo scempio, Vincenzo Epifani aveva amaramente commentato che nel disastro avevano avuto fortuna, che sarebbe potuta andare molto peggio. Questi ultimi focolai - aggiunge - non ci hanno sorpreso. Sono stati originati dai carboni che covano ancora sotto la cenere del canneto bruciato: basta un soffio di vento per riaccendere il fuoco. possibile che il fatto si ripeta nelle prossime due settimane, a meno che arrivi un bellacquazzone. Non dimentichiamoci che non piove da tre mesi e che abbiamo avuto temperature oltre i 40 gradi, con venti di scirocco.
Ma continuare a contare sulla benevolenza meteo non basta pi al dinamico presidente del Consorzio, innamorato perso delloasi dove cresciuto e risiede. E cos, mentre la Forestale continua a dar la caccia ai responsabili del rogo di sette giorni fa e la sorveglianza viene rafforzata, quelli del Consorzio guardano avanti.
I nostri sforzi - annuncia Epifani - ora sono concentrati nel preservare la macchia mediterranea secolare, quella dove vivono rare specie protette fra anfibi, mammiferi e rettili. Al posto del canneto bruciato, inoltre, abbiamo deciso di ricreare attraverso uno studio gi in atto con lUniversit di Lecce e il ministero dellAmbiente, la stessa zona paludosa che esisteva due secoli fa, bonificata erroneamente negli anni Trenta. Ripristinarla significa intensificare la presenza di anfibi e al contempo scongiurare il pericolo di nuovi incendi che in palude non attecchirebbero. Non solo. stato attivato anche un progetto di riforestazione che prevede, comera in origine, pure il ripristino dei laghetti allinterno del canneto. Non pi solo protezione dellesistente, insomma, ma anche nuove forme di vita vegetale e animale in uno dei paradisi pugliesi.
E mentre si mettono a punto nuove strategie, due buone notizie: il canneto bruciato, in appena sette giorni, gi ricresciuto di 5 centimetri; sullacqua, invece, sono ritornati aironi, anatre e marzaiole, fuggiti al divampare del rogo.
Lombra nera della speculazione edilizia sul disastro non sfiora Vincenzo Epifani. Almeno su questo fronte il presidente tranquillo. Allinterno dellarea protetta non possibile alcun tipo di intervento; quanto allhotel che dovrebbe sorgere appena fuori - sottolinea - se la Regione o chiunque altro revocasse la concessione, sarei il primo a gioirne. E, per essere ancora pi chiaro, svela un retroscena. Quando si iniziato a parlare dellalbergo, pur non essendo interessato il territorio della riserva, ho chiesto una valutazione di incidenza ambientale alla Regione. Richiesta recepita, valutazione effettuata e semaforo verde allinsediamento. Poi il consiglio comunale di Carovigno ha approvato allunanimit il progetto. Se oggi revocassero la concessione, mi farebbero davvero un gran regalo.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news