LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - degrado ai Fori
di DAVIDE DESARIO
Martedì 28 Agosto 2007, il Messaggero

«Non ci sono strumenti normativi per contrastare il fenomeno». E’ il tormentone dei vigili urbani di Roma che sempre più spesso vengono chiamati a dare conto non solo di multe e viabilità ma anche di quei fenomeni, per dirla come il prefetto Achille Serra, di “devianza sociale”. Fenomeni che nelle altre città rappresentano l’eccezione ma che nella Capitale, soprattutto in questi ultimi anni, hanno ormai un peso non indifferente: dai mendicanti (spesso bambini e disabili) ai venditori ambulanti abusivi (quasi sempre clandestini senza documenti che imperversano nelle strade più turistiche), dai punkabbestia (che gravitano a Trastevere e hanno occupato le rive del Tevere) ai barboni che dormono indisturbati negli angoli più belli e importanti di Roma. Come i Fori Imperiali. E proprio sui clochard, il comandante del Primo Gruppo (centro storico), Carlo Buttarelli ripete il tormentone: «Abbiamo le mani legate. La legge non ci permette di intervenire per contrastare chi ha scelto di vivere per strada».
Comandante, come è possibile che dei barboni possano dormire indisturbati all’interno dei Fori Imperiali?
«Non mi risulta. Ma non mi meraviglierei. L’accesso ai Fori è libero. Chiunque può entrare da ben quattro ingressi».
Chiunque può anche dormirci?
«No. Direi proprio di no».
E chi deve controllare affinché cose del genere non avvengano?
«Tutti. I vigili urbani, ma anche le altre forze di polizia e gli stesi custodi dei siti archeologici. Davanti ai Fori, se non sbaglio, ogni giorno c’è una camionetta dei carabinieri».
Allora perché i vigili urbani non entrano mai ai Fori?
«Non è vero. Abbiamo effettuato operazioni per contrastare il fenomeno delle guide turistiche abusive, oppure gli ambulanti. Se avessimo visto il barbone saremmo intervenuti».
Come?
«Le ho già detto che la legge italiana non ci mette a disposizione tanti strumenti. Di solito ci parliamo e proviamo a convincerli a spostarsi. Anche perché i barboni sono i primi a non voler stare in posti troppo affollati, ma preferiscono angoli meno frequentati e più silenziosi».E se il clochard si rifiuta?
«E’ raro che accada. I nostri agenti del Nae (Nucleo assistenza agli emarginati ndr) sono molto preparati. Riescono quasi sempre a ottenere i risultati. Anche se non è facile».
Si spieghi meglio.
«Essere un barbone spesso è una scelta di vita. Sono persone nel pieno delle loro facoltà che non intendono vivere in case famiglia del Comune, in dormitori e in centri di assistenza. Non si lasciano aiutare. In via del Corso e vicino al Pantheon, per esempio, ci sono ingegneri, professori e scrittori che hanno deciso di vivere per strada. E’ gente che conosce la legge, conosce i propri diritti. E che, solitamente, non dà fastidio a nessuno. La mattina, quando si sveglia, ripone ordinatamente i cartoni e le coperte dove dorme».Qualche barbone, però, fa la doccia e la pipì per strada.
«Lo sa cosa possiamo fare? Una sanzione amministrativa. Insomma una multa ad uno che non possiede nulla. Secondo lei, la paga?».
E allora dobbiamo arrenderci?
«Assolutamente no. Ma se non cambiano le leggi, e non vogliamo essere ipocriti, dobbiamo convivere con queste situazioni cercando di difendere sempre il decoro urbano».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news