LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutela dei beni culturali. II saliscendi del Vittoriano
di Salvatore Settis
26 agosto 2007, Il Sole 24 Ore


Le recenti polemiche sull'ascensore (tributo pagato ai diritti del turista) riaccendono le luci su uno dei pi tormentati monumenti pubblici d'Italia. Progetti riciclati, scoperte archeologiche che modificavano i lavori, diatribe tra architetti e scultori. E la tentazione continua di demolirlo...

Compie cinquant'anni il libro, memorabile e dimenticato, di Marcello Venturoli sul Vittoriano (La Patria di marmo, Nistri-Lischi, 1957). La vicenda dell'ingombrante monumento vi raccontata con gran piglio, intrecciandola non solo alle biografie dei protagonisti (l'architetto Giuseppe Sacconi, lo scultore della statua equestre Enrico Chiaradia, la folla dei loro rivali), ma alla storia dell'Italia di quegli anni. L'idea del monumento (doveva chiamarsi Emanuelion) nacque sull'onda dell'emozione per la morte di Vittorio Emanuele II (1878), incarnandosi nel mito di una patria fuori di noi, da adorare come una dea e da tradurre nel marmo. Ne nacquero collette, stanziamenti, disegni di legge, commissioni, concorsi, con le debite controversie. Duecentonovantasei i bozzetti presentati, una selva di archi, di colonne, di monoliti, di esedre, di mausolei, di fori (...), fontane monumentali, moli sabaude, connubi tra la Torre di Pisa e la Colonna Traiana, logge rinascimentali, millepiedi di marmo, concentrati di templi sovrapposti.
Vinse il francese Henri-Paul Nnot (un gran porticato con l'arco di trionfo e l'obelisco), prontamente accusato di aver riciclato un suo progetto di pochi anni prima ed eliminato. I giochi ripartono nel 1882, con un nuovo concorso che fissa il luogo del monumento, sul Campidoglio per ovvie ragioni simboliche, e precisa un'idea di massima: dovr trattarsi di una statua equestre con fondo architettonico e opportune scalee, a rammentare con l'arte storica o simbolica, pittorica o statuaria, gli uomini e gli avvenimenti che, in relazione a Vittorio Emanuele, meglio cooperarono all'unit della Patria. Sono gli anni del Ballo Excelsior alla Scala: alla stessa cultura di un classicismo un po' "pompier" apparteneva il Sacconi, che vinse sgominando altri novantasette concorrenti. Ma il suo progetto dovette adattarsi via via a mille imprevisti. Da sterri e sbancamenti non venne fuori la prevista rupe tufacea, in cui le scalinate dovevano essere intagliate, e cos si dovette progettare una mole vuota, con dentro cripte, gallerie, saloni, corridoi, atrii, vestiboli, scaloni, criptoportici.
Fu scelto per il rivestimento il marmo botticino, il cui colore, appena tolto dalla cava, tende a un delicato giallo di Napoli, ma con l'andar del tempo ritorna bianco, anzi cadaverico, una vera calamit per Sacconi che pensava al travertino. Il concorso per la statua equestre fu vinto dal Chiaradia (1889), che Sacconi detestava, e che per molti anni esit fra troppe idee. Finivano i soldi, le scoperte archeologiche modificavano il progetto, il monumento si faceva sempre pi grande, servivano nuovi stanziamenti, i lavori s'interrompevano e riprendevano, le allegorie si complicavano, cambiava intanto l'Italia e l'idea stessa della Patria.
Il monumento al gran Re, fondatore dell'unit italiana, diventava dunque (...) il concetto dei concetti, l'Altare della Patria, nel quale avrebbero dovuto confluire poeti e prosatori, guerrieri e navigatori, generali e grandissimi burocrati, vestiti di panni marmorei e togati. Ad affollare di statue la Mole, si reclutano i migliori scultori sul campo, da Bistolfi a Rutelli; muoiono intanto Chiaradia (1901) e Sacconi (1905), si succedono commissioni e modifiche, finch il monumento, ingigantito rispetto al progetto originario, viene inaugurato frettolosamente nel 1911 (non si poteva mancare il cinquantenario dell'Unit), per poi richiuderlo e finire i lavori qualche anno dopo; finch l'Altare della Patria riceve la salma del Milite Ignoto (1921), e vi prende posto la Dea Roma di Angelo Zanelli (1925).
In questo travaglio durato quasi cinquant'anni, l'Italia conobbe le prime imprese coloniali e il terremoto di Messina, l'assassinio di Umberto I e il crollo del campanile di San Marco, lo sviluppo delle tecniche e delle industrie e l'avvicendarsi di primi ministri e maggioranze, le lotte sociali e le cannonate di Bava Beccaris, la guerra
mondiale e il fascismo. Il gusto circa 1880 che presiedeva al progetto era pi che datato quando finalmente il Vittoriano fu concluso. Perci ci fu allora chi se lo fece piacere per carit di patria e chi cominci a sbeffeggiarlo.
Per Emilio Cecchi quel tema di melodia purissima era finito in un grido rauco, e la Mole faceva l'effetto di un Partenone in fregi di zucchero, uso panforte di Siena, con un adipe flaccido, glutinoso e biancastro, traboccato gi, spappolato intorno. Richiamando Marinetti e l'estetica futurista della demolizione, Giovanni Papini inveiva contro il passatismo ed archeologismo storico, letterario e politico che ha sempre annacquato l'Italia, maledicendo quel pasticcio classico e barocco del monumento a Re Vittorio, questo bianco ed enorme pisciatoio di lusso che abbraccia dentro i suoi colonnati un pompiere indorato e una moltitudine di statue banali fino all'imbecillit. E di demolizione parlarono non solo i futuristi, ma anche, all'indomani della Seconda guerra mondiale, qualche fautore della Repubblica. Eppure, il vituperato Vittoriano ha ancora abbastanza carica simbolica da attirare le bombe (nel 1969), da destar plauso quando Ciampi volle riaprirlo al pubblico (2000), da suscitar polemiche oggi che esso non culmina pi n nella tomba del Milite Ignoto n nella Dea Roma n nella statua del Re, bens in un vitreo ascensore panoramico, ultimo e supremo sberleffo di involontario, attardato sapore futurista.
Ci voleva davvero, un ascensore a coronare il Vittoriano? Rappresenta davvero, come alcuni dicono, un omaggio al contemporaneo e/o un sacrificio ai "Diritti del Turista" amante, si sa, delle vedute panoramiche? Dobbiamo allora aspettarci un Ottovolante (con belvedere) intorno alla cupola di San Pietro, una Splash Mountain nel Colosseo (con vedute mozzafiato)?
Destino inclemente, quello del Vittoriano di Sacconi: i fautori dell'ascensore esprimono sotterranee solidariet con le volutt demolitrici e profanatorie di Marinetti e Papini, mentre i suoi nemici, quasi fossimo nel 1911 o nel 1925, vengono accusati di passatismo. E se, invece, si prendesse semplicemente atto, fuori da ogni ideologismo, che il Vittoriano, come ogni altro monumento della sua et, storicizzato e protetto dalle leggi di tutela? E che esse contemplano s (con mille prudenze) ascensori dentro i monumenti, ma non ascensori che emergano e svettino sull'alto dei monumenti modificandone percezione e profilo, siano essi l'Arco di Traiano a Benevento, il Duomo di Milano o (persino) il Colosseo quadrato dell'Eur?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news