LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II Senato ringiovanisce: via libera all'arte contemporanea
Paolo Conti
Corriere della Sera 11/10/2003

L'ho sempre pensato e lo ripeto. Il Senato un'istituzione vivai che deve guardare alla contemporaneit studiando e seguendo i tempi nuovi. Non pu essere vincolata al passato nemmeno esteticamente. Un dialogo aperto con l'arte contemporanea uno degli elementi essenziali di questo rapporto con l'oggi. Il presidente del Senato, Marcello Pera, sembra molto soddisfatto dei canali aperti con molti artisti italiani dei nostri giorni.
Entro la fine dell'anno, in uno spazio tra il Transatlantico e l'aula, nascer la Sala Ghia, dedicata appunto a Sandro Ghia, uno dei campioni della Transavanguardia: un tavolo in metallo sorretto da due sculture e una grande tela. Sempre tra poche settimane arriver in Transatlantico una tela di Piero Guccione, pi grande dei suoi tradizionali spazi minimalisti: e con lui approderanno anche sei opere di giovani artisti del suo gruppo di Scicli. Poi sar il turno di Mimmo Paladino. Due luminose nature morte dell'iperrealista Luciano Ventrone rischiarano da tempo la bouvette. Nel chiostro accanto alla biblioteca del Senato, in piazza della Minerva, un'altra scultura di Sandro Ghia (un angelo con una sola ala) offre il proprio cuore ai visitatori, mentre nella sala delle conferenze appare una figura femminile dorata di Giuliano Vangi.
Ed stata proprio una seconda opera di Vangi collocata in Transatlantico, ribattezzata Italia dall'autore su idea di Pera, a scatenare la nota polemica estiva. Si tratta di un tronco liscio e cilindrico in legno color rosa antico che imprigiona un volto enigmatico adornato di treccine in avorio. Una Italia ancora inespressa? Chiss. Il simbolo non piaciuto a uno dei vicepresidenti del Senato, il leghista Roberto Calderoli che ha parlato di monumento al viagra, un superpreservativo e ne ha chiesto la rimozione organizzando una raccolta di firme. In un primo tempo aveva ottenuto l'adesione di alcuni esponenti della stessa maggioranza. Poi, dopo ripensamenti estetico-politici, molte firme sono state ritirate e ora restano solo alcuni leghisti e pochi Ds.
Spiega allora Pera: Confesso di aver trovato assai mediocre il linguaggio usato perch mi sono dispiaciuti la qualit e i modi. Ritengo poi strumentale la stessa polemica. La mia proposta di acquistare arte contemporanea stata approvata dal consiglio di presidenza e le ipotesi sono state vagliate da una commissione formata da due senatori esperti d'arte come Ottaviano Del Turco, che anche pittore, il quale ha rappresentato l'opposizione, e da Antonio D'Ali, appassionato collezionista, per la maggioranza. Poi ci sono il segretario generale, il soprintendente di Palazzo Madama e il sottoscritto. Un'operazione dunque ampiamente condivisa: c' stato un eccesso di critica e non solo verso la presidenza. Ma a me ora importa proseguire nel lavoro gi avviato. Anche perch sia alla Camera che alla Consulta da tempo l'arte contemporanea visibile, presente negli spazi: al Senato no. Ed incomprensibile.
Il presidente del Senato racconta di aver potuto contare sulla grande disponibilit degli artisti contemporanei interpellati che hanno ceduto le loro opere a un prezzo diciamo cos
di costo. Molti di questi lavori, sul mercato, valgono moltissimo. Pensiamo appunto a Vangi che, vicino a Tokio, pu vantare un intero museo dedicato alla sua produzione. Poi c' stato il contributo di alcuni sponsor che si sono contentati di una piccola citazione. Il risultato che ora molti altri artisti contemporanei, di cui non far il nome, hanno offerto la propria collaborazione dopo aver visto i primi innesti: si sentono pi coinvolti anche nei confronti di un'istituzione con cui non si pensava di poter dialogare dal punto di vista artistico.
Resta, ammette Pera, un problema di assuefazione estetica, cio di abitudine visiva. Poi bisognerebbe aggiungere un altro dato. Le tappezzerie baroccheggianti di molti locali del Senato, che spesso risalgono agli anni '60, sembrano fatte per respingere ogni contatto col mondo di oggi. E uno sfondo, si sa, ha il suo peso estetico.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news