LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Economia della conoscenza
Alberto Fiz
Milano Finanza WW 11/10/2003

Spesso i visitatori non lo sanno, ma dietro all'organizzazione di alcuni tra i maggiori eventi espositivi italiani degli ultimi anni si nasconde Civita, l'associazione culturale non profit nata nel 1987. Basti pensare a Luca Giordano o a I Marmi colorati della Roma imperiale, che si svolta nel 2002 ai Mercati di Traiano di Roma; all'omaggio all'artista americano Jeff Koons, erede di Andy Warhol, o a Gauguin e la Bretagna, la grande mostra dedicata al maestro francese che si apre il 18 ottobre al Museo Capodimonte di Napoli. Un marchio doc, insomma, che contrassegna l'ideazione e l'organizzazione di grandi mostre. Lo scopo di Civita, assicura l'economista Gianfranco Imperatori, presidente di Banca di Roma international e di Fineco asset management e segretario generale dell'associazione, oltre a essere il fondatore, quello di creare economia e sviluppo intorno alla cultura rappresentando una straordinaria occasione di crescita.
Sebbene l'Italia dei musei sia ancora lontana dal mettere a frutto le sue immense potenzialit, dal 1993, anno in cui entrata in vigore la legge Ronchey che consente la gestione dei servizi museali a strutture esterne, qualcosa cambiato. Lo dimostra proprio Civita che, accanto alle mostre, si occupa insieme alla societ di servizi Zetema della gestione di 78 musei in Italia, dalla Pinacoteca di Brera a Milano al Museo di Capodimonte a Napoli, sino al Museo archeologico nazionale di Palestrina o agli Affreschi di Piero della Francesca ad Arezzo. I
I risultati si vedono, spiega il direttore di Civita, Albino Ruberti. Basti pensare che i Musei Capitolini di Roma attualmente hanno un flusso di 400 mila visitatori l'anno, con un incremento del 15% rispetto a quanto accadeva in precedenza.
Il museo, dunque, deve diventare un luogo di piacere, con strutture adeguate o alla fruizione delle opere. In Italia ha prevalso per decenni una visione dell'arte punitiva, dove all'incuria di taluni spazi pubblici (purtroppo ancora oggi le carenze non mancano) si accompagnava la mancanza di servizi recettivi adeguati. Civita ha cercato di applicare regole nuove, facendo del museo una struttura dinamica e possibilmente moderna.
Il nostro slogan la cultura al centro dell'economia della conoscenza, afferma Imperatori, l’ottimizzazione del patrimonio artistico una fonte di sviluppo in termini imprenditoriali, attraverso il coinvolgimento di settori che vanno da quelli artistici al turismo sino alla tecnologia avanzata.
Non a caso Civita ha tra i suoi soci 120 imprese, dall'Enel alla Telecom, dall'Ibm alle Generali, da Banca Intesa a Bnp Paribas, da Class Editori (la societ che controlla questo giornale) a Nissan Italia, dall'Api a Wind. Tutti insieme per fare della cultura un'occasione concreta di crescita economica, senza retorica o falsi moralismi. Civita, presieduta da Antonio Maccanico, ha un fatturato annuo di 26 milioni di euro, di cui il 70% derivanti dalla gestione dei servizi museali (bookshop, caffetteria, merchandising) e dall'indotto sulle mostre. Complessivamente la nostra associazione mantiene un equilibrio economia-finanziario, spiega Ruberti. Mi pare gi un dato di rilievo, dal momento che per anni si considerata la cultura un deficit necessario. Non solo: le mostre importanti, con un afflusso pari a circa 100 mila visitatori, consentono un guadagno calcolabile intorno al 10%. Ma il business della cultura solo agli inizi e sono ancora molti i passi da fare in questa direzione. Lo ribadisce a MilanoFinanza Imperatori: importante giungere all'applicazione di un nuovo modello di sviluppo, dove la cultura dia contenuto al turismo. Persino Rimini si accorta che non basta pi il sole il mare per soddisfare la domanda, e proprio intorno alla costa emiliana si sta sviluppando un significativo programma culturale. Lo sviluppo economico dei prossimi anni passa necessariamente attraverso il museo, e non c' da scandalizzarsi che Michelangelo e Caravaggio scendano a patti con sdrai e ombrelloni.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news