LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Velia, un nome blocca la legge
ANTONELLO CAPORALE
SABATO, 25 AGOSTO 2007 LA REPUBBLICA - Napoli



Continuando di questo passo, accusa dopo accusa, articolo dopo articolo, il presidente della Regione Antonio Bassolino si convincer di aver sbagliato tutto, di aver solo sprecato. Invece, e qui sta il bello, Bassolino ha realizzato anche cose buone, ma purtroppo non lo sa. Non c nessuno che gli tenga la lista.

Nessuno che ogni giorno gli dica: "Guarda presidente, guarda qua che meraviglia. E guarda questaltra". Se nel suo ufficio avesse un dipendente che tenesse il conto, sicuramente il presidente della Regione ricorderebbe di aver compiuto almeno un miracolo, piccolo ma significativo: aver promulgato, senza un solo voto contrario, una legge regionale per la tutela e la riqualificazione dellantica citt di Velia.

Il 5 febbraio del 2005 successe. Soltanto sei articoli, brevi e chiari: i filosofi Parmenide e Zenone sono accerchiati dal cemento. Dobbiamo liberarli. Liberare i fondatori della scuola eleatica, liberare la citt dei filosofi dalla nostra incivilt, tutelare un sito che patrimonio mondiale dellUmanit, renderlo degno, ripulire larea circostante dalle superfetazioni edilizie, dai mostri, dal segno inqualificabile della nostra maleducazione civica.

Si scrisse: "Per un anno intero bloccata nellarea circostante il parco archeologico ogni attivit edilizia".

Un provvedimento straordinario per unopera straordinaria, mai tentata prima: ridisegnare larea circostante, uno spazio minimo che va dal fiume Alento, nel territorio di Casalvelino, alla Fiumarella, comune di Ascea. Nemmeno due chilometri quadrati. Un intervento chirurgico massivo ma circoscritto: un modo per recuperare la nostra memoria e la nostra dignit, rendere onore e restituire un tesoro alla nostra cultura. La legge, promossa dallallora capogruppo diessino Nino Daniele, raccoglieva lappello di filosofi (primo firmatario Aldo Masullo), giuristi (Francesco Paolo Casavola, presidente emerito della Corte costituzionale) e architetti, intellettuali, politici di ogni ispirazione.

In Consiglio regionale nessuno si oppose: centrosinistra e centrodestra uniti, solidali, convinti. Nove milioni di euro furono stanziati per realizzare il miracolo: disegnare e ricostruire, disegnare e abbattere, colorare, ridare fiato al paesaggio, sentieri alla campagna, luce al mare.

Pronti e via. Ma qui viene il bello, anzi il brutto della storia. Bassolino non lo sa perch, certo, nessuno glielha detto. Bisognava che i Comuni e le soprintendenze, dintesa con la Regione, promuovessero un ufficio di piano, indicassero architetti di chiara fama per la realizzazione dellopera, iniziassero il lavoro promesso. Nella legge fece capolino la dicitura: consulenti scientifici. Ogni volta che appare questa parolina, "consulente", la Regione - per un persistente maleficio - prende scompiglio, si agita o, a volte, si addormenta. Gli uffici vollero riflettere, e anche lassessore allUrbanistica, leccellente Gabriella Cundari, decise di affrontare la questione con la massima prudenza.
E infatti unopera straordinaria che doveva risolversi in un anno di lavoro straordinario ferma, nello sbadiglio generale. Tutti dormono o fanno finta. Ed iniziata una lotta, secondo gli usi e i costumi di questo nostro nuovo millennio, su quali consulenti debbano indicarsi. La Soprintendenza che deve tutelare il paesaggio ha richiesto per s la direzione scientifica. A Napoli hanno risposto: siete in conflitto di interessi. Capito dunque? Chi pagato per tutelare il paesaggio non pu occuparsi n dirigere unopera di tutela del paesaggio. Troppo semplice e troppo facile. E forse anche cos troppo economica lidea che si farebbe brutta figura davanti ai nove milioni di euro pronti da spendere. Dunque, e per finire: la legge c, i soldi ci sarebbero ma manca il benedetto "concerto" degli uffici: il magico nome del consulente. Non essendoci accordo sullarchitetto di chiarissima fama (il lettore ricordi che altri architetti di chiarissima fama hanno contribuito a redigere il piano regolatore di Ascea, motore indiscutibile dello scempio edilizio), tutto bloccato.
Lassessore regionale allUrbanistica immersa, da pi di ventiquattro mesi, in una profonda riflessione, una specie di "pennica" infinita. I comuni di Ascea e Casalvelino intanto, per non restare con le mani in mano, autorizzano vaste realizzazioni nel territorio non sottoposto a vincolo, le soprintendenzze scrivono e inutilmente sollecitano. Ma, ecco il problema, manca il consulente. Bassolino lo sa?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news