LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Oria: Comune, Provincia e Regione insieme per comprare il castello
Marcello Orlandini
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO Lecce Puglia, 15-08-2007





Ieri in consiglio comunale la decisione unanime e bipartisan. Il timore che l'imprenditore Romanin possa trasformare il maniero in albergo. Conferenza dei servizi convocata dal sindaco: la decisione sar assunta il 27 agosto

BRINDISI Potrebbe essere una coalizione di amministrazioni pubbliche a contendere il castello svevo di Oria all'imprenditore brindisino Giuseppe Romanin. La Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici e artistici di Lecce, invece, ha gi dato forfait, in contrasto con la direzione regionale del ministero dei Beni culturali che suggerisce di realizzare nella fortezza un museo nazionale della Regione dei Messapi. Il 27 agosto si sapr se il Comune di Oria, la Provincia di Brindisi e la Regione Puglia, in concorso col ministero stesso, sono pronti a mettere sul piatto i 7 milioni 750 mila euro necessari, esercitando il diritto di prelazione che le norme attribuiscono a ciascuna di queste amministrazioni, anche singolarmente. Il sindaco, Cosimo Ferretti, ieri mattina ha incassato il sostegno dell'intero consiglio comunale, convocato di urgenza.
CONVERGENZA Accantonate, di fronte all'emergenza, le tensioni politiche interne alla maggioranza di centrodestra, che rischia di perdere quattro uomini su 14 (un consigliere ciascuno per Udc, Forza Italia, An e Impegno sociale). Pronta la delibera che affida all'amministrazione civica il compito di verificare, nella conferenza dei servizi del 27, la possibilit di esercizio del diritto di prelazione. Ribadisco che ci non frutto di pregiudizi nei confronti del soggetto privato che ha stipulato l'atto di compravendita con la famiglia Martini Carissimo. E resta sempre la nostra determinazione, nel caso il diritto di prelazione pubblico non dovesse essere esercitato, a ottenere comunque voce in capitolo come citt nella destinazione d'uso del castello, ci ha confermato ieri mattina Ferretti. Il presidente della Provincia, Michele Errico, in vacanza, ma con un occhio sempre aperto, ha dettato una breve nota in cui esprime la pi profonda preoccupazione che tale importante testimonianza storica possa venire sfruttata a fini non consoni con gli interessi pubblici. E fa sapere che l'amministrazione provinciale di Brindisi, ricevuta in data odierna la notifica riguardante la vendita a privati del Castello di Oria, ha iniziato la procedura, in accordo con il Comune di Oria, per valutare l'esercizio del diritto di prelazione da parte degli organismi pubblici. A tale proposito, luned 27 agosto sar indetta una conferenza di servizi da tenersi presso il municipio di Oria tra Comune di Oria, Provincia di Brindisi e Regione Puglia.
I TEMPI Ma ci sono i tempi per intervenire? Secondo Ferretti, che ha consultato un legale, la scadenza del diritto di prelazione va spostata al 12 settembre. Ma le intenzioni espresse sul Corriere del Mezzogiorno da Giuseppe Romanin, non tranquillizzano l'amministrazione comunale? L'imprenditore brindisino ha parlato di un recupero del castello alle sue funzioni culturali e l'utilizzo della struttura anche come centro congressi. Niente albergo, e niente ristorante. La nota ricevuta dalla direzione regionale dei Beni culturali - risponde il sindaco - non rassicurante. Cosa dice questa nota? C' una frase in cui si afferma che l'imprenditore privato sembrerebbe aver intenzione di riadattare l'immobile ad albergo. E questa supposizione ha caricato il meccanismo del fronte comune tra soggetti pubblici.
LA SOPRINTENDENZA Parimenti, non va sottaciuta la differenza di opinioni tra Soprintendenza di Lecce e direzione regionale dei Beni culturali di Bari. La Soprintendenza, il 25 luglio - girando alla direzione regionale l'annuncio della compravendita - fece sapere che, malgrado l'interesse artistico, non si ritiene opportuno l'acquisto (del castello, ndr). Firmato, il soprintendente ad interim, Attilio Maurano. Il 9 agosto, Ruggero Martines, direttore regionale dei Beni culturali, scrivendo al sindaco, ha invece affermato che, non avendo la provincia di Brindisi un museo di interesse nazionale, questa direzione ben vedrebbe nel castello un museo dedicato alla Regione dei Messapi.


IL PRESIDENTE ERRICO
Siamo preoccupati che tale
testimonianza storica possa essere sfruttata a fini non consoni
Oria: Comune, Provincia e Regione insieme per comprare il castello

La fortezza di Federico II
LA STORIA
Il castello di Oria, fatto costruire da Federico II nel 1227, di propriet comunale sino al 1933, viene ceduto due mesi fa, per poco meno di 8 milioni di euro, dagli eredi dei conti Martini Carissimo all'imprenditore brindisino Giuseppe Romanin (Borgo Ducale, Fael Elettronica, Les Corniches)
IL COMUNE
Il Comune di Oria viene informato della compravendita solo pochi giorni fa, e scatta la corsa per l'esercizio del diritto di prelazione approdata ieri in consiglio



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news