LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fuksas; In Italia manca 'intervento dello Stato
Vittorio Bonanni
Liberazione 12-08-2007

L'architetto rilancia il dibattito sulla progettazione
Confusione a livello locale e poca iniziativa centrale

Nella recente intervista che Gioacomo Marramao ci ha rilasciato sulle grandi questioni che riguardano la tutela dei beni culturali e del paesaggio, il filosofo ha ricordato il tentativo di ostacolare a Capalbio la costruzione di un orrendo parcheggio proponendo invece un progetto dell'architetto Massimiliano Fuksas che venne respinto dal sindaco. Un caso emblematico di scarsa sensibilit di una pubblica amministrazione. Su questi temi, e in particolare sul ruolo dello Stato e appunto degli enti locali, abbiamo voluto chiedere proprio a Fuksas un parere diretto.

Credo che in Italia esistano due problemi fondamentali - dice l'architetto - da un lato una grande confusione di ruoli e di competenze all'interno dei governi locali, dall'altro un'assenza grave dello Stato, che deve assolutamente ritrovare un ruolo.

Andiamo con ordine e partiamo dal primo punto che evoca appunto il parcheggio di Capalbio...
Quell'episodio successe, come ne sono successi tanti, perch in Italia c' una grande confusione tra quello che il ruolo della pubblica amministrazione e quello dei professionisti che hanno il compito di progettare. Una confusione assente in paesi come la Francia, la Germania o la Spagna. Le istituzioni hanno il dovere di difendere l'ambiente e i beni culturali. Poi ci sono appunto gli architetti, gli archeologi e via dicendo, il cui compito quello di realizzare dei progetti che, a loro volta, devono essere sottoposti al vaglio delle amministrazioni.

Insomma, se ho capito bene, una figura come la sua deve tenersi fuori dall'organico di una amministrazione e proporre da privato dei progetti...
E' cos. Molti professionisti progettano quando stanno all'interno della pubblica amministrazione. Io credo invece che quest'ultima debba limitarsi ad esercitare una tutela e un controllo mantenendo una visione pi ampia su tutto quello che succede nel paese. Insomma uno che sta nella pubblica amministrazione non deve fare progetti ma solo controllare quelli degli altri.

Marramao sostiene che in Italia si costruisce troppo senza tenere nel giusto conto la qualit. Ne consegue che figure come la sua non sono prese in considerazione dalla pubblica amministrazione...
Ogni giorno mi offrono dei lavori ai quali io dico di no. E sono offerte che arrivano molto pi dai privati che dal pubblico che invece abbastanza assente da tutto questo. Li, nel pubblico appunto, i tempi sono lunghissimi e poi non c' continuit nelle politiche delle diverse amministrazioni che si susseguono.

C' inoltre una scarsa sensibilit, all'interno degli enti locali, per quanto riguarda appunto la tutela del paesaggio...
Questo succede perch nessuno ha pi una competenza specifica e alla politica approdano o personaggi di successo o provenienti dalla ondivaga societ civile, ma appunto senza professionalit specifiche. E inevitabilmente questo si ripercuote all'interno dei comuni dove ci sono sindaci che non hanno dunque una vera preparazione amministrativa. Questa mancanza di sensibilit della maggior parte degli amministratori sinonimo di incapacit a gestire questo paese in un momento di grande difficolt e cambiamento. Una persona intelligente e capace come Giacomo Marramao pu anche spendersi presso il sindaco di Capalbio per evitare che venga costruito un orrore per non ce la fa perch il problema deve essere affrontato globalmente.

Che cosa dovrebbe fare invece lo Stato, spesso responsabile di lungaggini burocratiche spaventose...
La cosa paradossale che in Italia, unico paese al mondo in questo senso, c' ormai una burocrazia senza Stato. Anzi lo Stato, scusate il gioco di parole, stato destatalizzato nel corso degli anni e chi lo difende ormai considerato un reazionario. I giorni scorsi dicevo sul Corriere che adesso si cercano i soldi dai privati per sponsorizzare dei progetti quando lo Stato ha dato ai privati tutte quelle risorse dalle quali si traevano finanziamenti. Per esempio il lotto, che in Gran Bretagna ha dato la possibilit a molti comuni di realizzare un programma culturale altissimo, che coinvolge la Tate Gallery per arrivare al mondo del teatro e della musica e includere anche centri pi periferici come Birmingham e Liverpool.

Inevitabile un riferimento all'attuale gestione Rutelli del ministero dei beni culturali. Che cosa ne pensa?
Indubbiamente gli va riconosciuta una capacit e una sensibilit. Ci sono due o tre cose che ha fatto che mi hanno colpito favorevolmente. Tra queste c' il restauro del Petruzzelli. E' stato capace di farlo acquistare dallo Stato, trovare i soldi insieme alla altre amministrazioni per lanciare l'appalto e avviare la ricostruzione di un teatro che, dopo l'incendio, sta piangendo da pi di dieci anni. E questo l'esempio che lo Stato delle cose le pu fare. Pu e deve intervenire ad un livello di grande programmazione, poi ci sono gli altri enti che devono lavorare ed innamorarsi dei bei progetti, di quel mare di piccole cose che abbelliscono quel comune piuttosto che un altro. Ma questo atteggiamento, per essere vincente, deve essere esteso su tutto il territorio nazionale.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news