LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una "rampa" missilistica turba la sacralit del Vittoriano Solo Rutelli non lo capisce
Fabio Rampelli*
Libero ed. Roma, 09-08-2007





Ci risiamo: per l'ennesima volta il cuore di Roma viene trafitto dal ministro Rutelli. Gi protagonista dell'eco-mostro Ara Pacis, l'ex sindaco continua a tradire il genius loci della Citt eterna. L'ascensore posto sulla sommit dell'Altare della Patria la conferma di un approccio sbagliato con i monumenti. Il nostro patrimonio artistico pu vivere solo nel rispetto della sua identit,
Il Vittoriano nasce come celebrazione dell'unificazione nazionale, un processo storico fatto di guerre e rivoluzioni. Il nome trae ispirazione dal sovrano che la rese possibile: Vittorio Emanuele II. Tuttavia, soltanto davanti alla Tomba del Milite Ignoto, l'unificazione diventa Unit, amar patrio. Colei che scelse la salma fu Maria Bergainas, madre del volontario irredento Antonio che aveva disertato dall'esercito austriaco per unirsi a quello italiano. Maria, nome simbolico per eccellenza, identific una salma e la prescelse per dare simbolica sepoltura al figlio mai ritrovata. Il Sacello del Milite Ignoto quindi il fulcro del Vittoriano, rappresentazione di una coscienza nazionale finalmente popolare. questa l'identit del luogo, o come dicevano i latini, il genius loci, del complesso marmoreo di Piazza Venezia. Alla luce di ci, l'opposizione all'ascensore dunque di ordine culturale cui tuttavia, si aggiungono ragioni pi concrete.
La sagoma dell'ascensore fuoriesce dal Vittoriano, come un'escrescenza in vetro e acciaio distruggendone i prospetti e lasciando immaginare una rampa di lancio missilistica per la Nasa. Non condividiamo la prassi per cui sui Beni monumentali si debba intervenire con materiali e
tecnologie d'avanguardia che ne deturpano l'integrit architettonica. Se proprio si vuole godere della vista mozzafiato, si costruisca un ascensore mimetizzato: la sua funzione del resto quella di servizio.
Un discorso a parte merita il ristorante: gi dal 2003 protestammo contro la sua apertura sottolineando l'incompatibilit tra i rigatoni all'amatriciana e la Tomba pi sacra d'Italia. L'ufficio stampa del Vittoriano ha precisato che il risto-bar situato al di fuori del Sacello. Una precisazione poco consolante: che volevano fare della fiamma eternamente accesa sull'altare, un barbecue? La commercializzazione non una panacea, non si deve abusarne. Si pu commercializzare a condizione che sia fatta salva l'identit del luogo. C' soltanto un aspetto positivo in questa vicenda. A differenza dell'Ara Pacis, sulla quale l'ondata d'indignazione si sviluppata molti anni dopo il "delitto", per il Vittoriano la protesta stata immediata e pluralista. Quella che una volta era considerata "semplice" tutela del patrimonio artistico oggi sentita come difesa della nostra identit. Dunque, caro Rutelli, concentriamoci, riprendiamo a fare i concorsi, progettando solo quelle trasformazioni rispettose dell'anima dei nostri monumenti. E diamo subito un segnale: se si vuole obiettare sull'abbattimento dell'attuale serpente di vetro e acciaio, demoliamone almeno l'ultimo piano, per impedire che il punto di fuga del tridente, nel gioco armonioso di simmetrie ed equilibri geometrici, sia sormontato da quella protesi orribile.
*Deputato di An



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news