LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il paesaggio e le nuove regole
FABRIZIO ROSSI PRODI
la Repubblica (Firenze) 08/08/2007

Lautore professore ordinario di Progettazione architettonica e urbana allUniversit di Firenze.
Molto si discusso tra ambientalisti, amministratori e intellettuali su governo del territorio e cultura urbanistica, muovendo da casi particolari come Monticchiello o generali come il Pit; ma il dibattito si limitato alle procedure, alla programmazione e ai piani, scordando il passaggio cruciale e conclusivo di questa catena: come ottenere la qualit dellarchitettura, dello spazio urbano e dei nuovi paesaggi.
Lurbanistica da sola non pu garantire questo risultato, pur avendo dei primati nella nostra regione: una tradizione legislativa di avanguardia, piani molto avanzati e certi anticorpi del nostro sistema amministrativo, che lo salvano da errori urbanistici eccessivi, come dimostrano alcune recenti vicende assurte alla cronaca. Invero, rispetto a questo intenso sforzo di pianificazione, avanzano spazi di dubbia qualit, paesaggi compromessi, linguaggi architettonici volgari e spazi pubblici trasandati, insomma la svendita dei valori culturali e civili a lungo sedimentati nelle forme e nelle regole del nostro paesaggio.
Perci dobbiamo tornare a occuparci dellultima fase della trasformazione del territorio: del progetto urbano, che immagina la forma di pezzi di citt, dellarchitettura del paesaggio, di come definire lo spazio pubblico (il luogo delle nostre responsabilit collettive, che deve esprimere i nostri principi e valori), del progetto darchitettura e della buona costruzione.
Avevamo un antidoto naturale a questo smarrimento, quellamore per le nostre terre, per le scene di paesaggio e per larchitettura corale dello spazio urbano che i nostri maestri degli anni 50 avevano scoperto e lentamente instillato nella cultura architettonica, come pure lidea di Edoardo Detti che il piano sia pur sempre il progetto di un organismo. Alla base cera anche lidea che una dimensione comunitaria dello spazio fosse la vera legittimazione etica del progetto, in cui la forma del paesaggio non era vacuo estetismo (lo lasciamo a quellinvenzione inglese del paesaggio toscano, con i suoi ritorni turistici e le sue falsificazioni disneiane), ma la concretizzazione fisica di rapporti umani armonici e in evoluzione, un ponte fra passato e futuro, proprio come il progetto ripensa il passato dei luoghi e delle comunit, per immaginarne il futuro. Insomma si era mirabilmente legato il paesaggio, un principio umanistico, limpulso allo sviluppo e alla modernit, nelletica della cura dei nostri luoghi da esercitare con il progetto.
Oggi pare tutto smarrito; tutti professano leticit dellurbanistica, mentre il progetto darchitettura pare un po immorale, sarebbe caduto nella sfera della comodit, del mercato, del profitto, insomma delleconomia; le stesse leggi italiane riducono larchitettura a un fatto puramente tecnico-legale, a procedure amministrative, non le attribuiscono mai un valore di arte civile (a meno che non sia antica), o di interpretazione critica del mondo ed espressione di valori.
Cos la nostra cultura e le nostre leggi hanno spogliato larchitettura e il progetto della loro dignit, hanno trascurato di ricercare le giuste procedure e soprattutto di introdurre delle buone pratiche per favorire la qualit nel progetto del paesaggio naturale e urbano, la selezione qualitativa degli architetti, la ricerca in architettura, la qualit delle imprese. E unaltra faccia della crisi del principio di autorevolezza delle istituzioni e del bene comune, che affligge il nostro paese.
Dobbiamo invertire questo processo degenerativo, che ci affonda nella burocrazia e si affida solo alle regole del mercato al massimo ribasso e al massimo profitto. Dobbiamo inventare meccanismi virtuosi per la trasformazione del paesaggio, non con altra burocrazia, ma con le buone pratiche e tanta competizione, immaginando procedure di eccellenza, che coinvolgano anche privati e imprese, meccanismi di selezione e partecipazione che favoriscano la crescita di progettualit delle nostre strutture, dobbiamo riaffermare i principi etici (non solo trasparenza e massimo risparmio!) della committenza pubblica e il suo compito di promozione e di indirizzo. Oppure, la pi bella legge urbanistica e il pi bel piano continueranno a sortire lo stesso effetto: lasciarci prigionieri di questo scontro fra ambientalisti del ricordo e speculatori volgari.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news