LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In frantumi due vetri panoramici. Chiuso un ascensore del Vittoriano
Edoardo Sassi
Corriere della Sera - Roma 5/8/2007

Due grandi lastre di cristallo poste ad altezza vertiginosa andate in frantumi, con i vetri incrinati in milioni di piccolissimi frammenti. E ieri per questo motivo uno dei due ascensori del Vittoriano stato immediatamente chiuso, con la zona transennata e il divieto di passaggio per i turisti. Il calore, la causa pi probabile. Il fatto che i vetri in frantumi siano due, e che siano scoppiati a distanza di tempo, esclude infatti l'ipotesi accidentale e apre interrogativi sui materiali usati per l'opera, costata 1 milione e 155 mila euro e inaugurata solo due mesi fa. Non c' pace dunque per i gi contestati ascensori, di recente sottoposti a censure e interrogazioni in Parlamento. Ma ora il problema non pi solo estetico.
Un'elegante transenna con nastro blu a bloccare il passaggio per tutti. E un cartello che non diceva nulla pi di questo: L'accesso agli ascensori panoramici si leggeva ieri consentito solo dal lato di Piazza Ara Coeli.
Un'indicazione insolita, che in un sabato ad alto tasso di frequentazione turistica costringeva comunque tutti i visitatori a un lungo e tortuoso giro all'interno del museo del Risorgimento anche solo per raggiungere il bar.
Il vero motivo di quella de-viazione, sul cartello, non era dunque spiegato. N chiedendo il perch si ottenevano ieri spiegazioni di quella improvvisata variante.
Il vero motivo della chiusura del passaggio al pubblico la si scoperta solo osservando con attenzione proprio i nuovi ascensori panoramici in cristallo del Vittoriano, quelli che in questi giorni stanno infiammando il dibattito culturale e politico per la loro presunta bruttezza (e con lo stesso ministero dei Beni culturali, guidato da Francesco Rutelli, che si dichiarato disponibile ad applicare varianti del progetto attualmente gi allo studio).
Dal basso, con il sole accecante di ieri che rifletteva sul bianchissimo marmo botticino con cui costruito l'Altare della Patria, non era infatti facile accorgersi dalla doppia magagna. Ma fissando lo sguardo in verticale quell'opera nuova di zecca, ogni dubbio stato subito svelato: quella lastra lass, a circa 50 metri di altezza, che dal basso appariva inizialmente connotata soltanto da una sfumatura diversa di colore verde, era in realt una lastra in frantumi. E salendo con uno dei due ascensori (l'altro, che fiancheggia le lastre rotte, stato chiuso) se ne aveva certezza: una miriade di frammenti, come se qualcuno avesse preso quel vetro a martellate.
A quell'altezza per sferrare un colpo di qualsiasi tipo davvero impossibile (cos come impossibile, versione che pure ieri girava tra i custodi, che si sia trattato di gabbiani!). Tanto pi che il viaggio con l'altro ascensore, l'unico in funzione, rivelava immediatamente dopo che di lastre rotte ce n'era in realt anche una seconda, pi centrale e collocata pi in basso. La prima ha raccontato uno dei custodi in servizio sulla terrazza delle Quadrighe scoppiata stamattina (ieri, n.d.r.) verso le 10.30, l'altra qualche giorno fa. E si sentito un gran botto.
Due lastre danneggiate dunque in poco spazio di tempo ma in due giorni diverse. Ora i tecnici dovranno stabilire il perch e soprattutto sostituirle, cercando di capire se anche le altre sono a rischio. Probabilmente, vista l'altezza, dovranno anche essere montati dei ponteggi. Ed certo che le gi accesissime polemiche sull'opera pubblicarealizzata su progetto dell'architetto Paolo Rocchi per conto del ministero dei Beni culturali troveranno nuova linfa: dopo le critiche di Italia No-stra, dopo la censura degli ascensori da parte del Consiglio superiore dei Beni culturali, dopo la bocciatura arrivata da noti architetti e storici dell'arte, dopo le interrogazioni parlamentari bipartisan (An, e quella firmata da 35 senatori della maggioranza) e dopo l'imbarazzata nota del ministero che ha comunicato la volont di studiare alternative al progetto (della commissione di studio fanno parte gli stessi responsabili che hanno autorizzato i lavori degli ascensori, ovvero il direttore regionale del Mibac Luciano Marchetti e la soprintendente per i Beni architettonici di Roma Federica Galloni).



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news