LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brera va triplicata
Marco Carminati
Il Sole 24 ore 5/8/2007

Limprenditore-collezionista Aldo Bassetti il nuovo presidente degli Amici di Brera, la storica istituzione milanese che da ottant'anni attiva a fianco della pinacoteca e della soprintendenza braidense per promuoverne e sostenerne le attivit. A Gallarate, sua citt d'origine, lo chiamano ancora il "radicale" per una scelta di fondo fatta molti anni fa: quella di uscire dall'alveo cattolico della tradizione familiare - Pio XII concesse ai Bassetti il titolo di conti e il fratello Piero Bassetti stato il primo presidente De della Regione Lombardia - per aderire a ideali libertari, militare nel Partito radicale, abbracciare la cultura laica dell'Italia postbellica.
Sull'Espresso del 27 luglio Enrico Arosio ha tracciato un quadro disastroso dello stato di degrado del palazzo di Brera, un mix di sporcizia, incuria e sovraffollamento da un lato e di desolante diserzione di visitatori dall'altro, visto che nella strepitosa pinacoteca al piano nobile (che ospita massimi capolavori di Piero della Francesca, Mantegna, Raffaello e Caravaggio) giungono a malapena 20omila persone all'anno.
Che cosa pu fare il neopresidente degli Amici di Brera davanti a questo stato di cose? Questa situazione - risponde Bassetti con quel piglio un po' militaresco che ne contraddistingue il carattere - dura ormai da trent'anni. Nel 1977 Franco Russoli gi lamentava che il palazzo di Brera non era pi sufficiente allo svolgimento funzionale dei diversi istituti che vi coabitano. L'acquisizione di Palazzo Citterio, attiguo all'Orto Botanico, e il progetto di spostare alla Bovi-sa le attivit didattiche dell'Accademia sembrata la via migliore per tentare di uscire dall'impasse. Dalla quale, in realt, non siamo affatto usciti. Bene, io credo che non sia giusto allontanare l'Accademia dal palazzo storico che l'ha vista nascere.
Questa una novit. Ma come la mettiamo con lo spazio? Brera e Palazzo Citterio, da soli, non riuscirebbero a ospitare adeguatamente tutte le attivit della scuola e della pinacoteca contemporaneamente.
Lo so. Ma sono convinto che la situazione si possa sbloccare evitando che le attivit dell'Accademia finiscano alla Bovisa. Ammetto di avere una visione ambiziosa, che questa: mi piacerebbe che si costituisse il Polo di Brera. Nello spazio di trecento metri esistono tre grandi palazzi: Palazzo Brera, Palazzo Citterio e Palazzo Cusani, oggi sede di rappresentanza del Terzo Corpo d'Armata. I primi due palazzi sono gi stati destinati a Brera. Il settecentesco Palazzo Cusani, dirimpetto a Brera e appartenente ai militari, perennemente chiuso e si estende a un adiacente palazzo di epoca fascista, sempre di propriet militare. Uno spazio enorme, poco utilizzato, a ridosso di Brera. La mia idea sarebbe questa: di ottenere la cessione ai Beni culturali dell'immobile gestito dai militari per creare un Polo di Brera formato da questi tre palazzi e congiunto al mirabile Orto Botanico. Mi piacerebbe anche che l'area attorno a Brera venisse pedonalizzata per rivalorizzare in modo pi autentico il quartiere storico della cultura artistica milanese, sottraendolo alla logica un po' modaiola che lo ha investito in questi anni.
Un presidente utopista? No, credo solo che le idee debbano volare alto. Mi stato fatto notare che i militari sono una lobby potente. Ma le soluzioni trovate a Palazzo Bar-berini a Roma, alla Venaria Reale a Torino e per la Torre dell'Orologio a Pisa, tutte ex propriet dell'Esercito cedute ai Beni culturali, dimostrano che con le autorit militari possibile trovare ottimi accordi.
Mettiamo che i militari cedano Palazzo Cusani. Come si finanzierebbe il riordino del Polo di Brera?
Credo che funzione primaria degli Amici di Brera sia di promuovere questi obiettifavi, coinvolgendo l'opinione pubblica, il mondo politico, le autorit municipali e le realt culturali e associative. Uno dei miei compiti, come presidente, sar anche quello di trovare i canali di sponsorizzazione di un'idea del genere. Io sono sicuro che con un progetto ben strutturato, affidato a un concorso internazionale e legato a un'istituzione di fama internazionale qual Brera, non troverei indifferenti importanti istituzioni economiche. Perch questo progetto avrebbe una ricaduta estremamente utile per l'intera citt.
Il sogno di Aldo Bassetti. Mica tanto. A Milano gi partito un progetto analogo di Cittadella della cultura a Palazzo Litta. Il Polo di Brera rappresenta l'altra faccia della medaglia. L'Accademia deve rimanere a Brera e nei palazzi adiacenti e rivendicare il suo diritto a restare qui. Naturalmente, non nelle condizioni vergognose in cui si presenta oggi, in mezzo al degrado e alla sporcizia, ma come potrebbe essere una volta ripensata e rinnovata nel grande progetto del Polo di Brera. E d'altro canto, giusto che la pinacoteca rimanga nella sua sede storica, non ristretta e angusta com' oggi, ma come potrebbe essere in futuro, con pi spazi a disposizione per l'esposizione di opere oggi relegate nei magazzini, e con sale per le esposizioni temporanee, che aiuterebbero ad attirare maggiori visitatori.
Presidente Bassetti, questo progetto non le pare un po' napoleonico?
Napoleone Bonaparte fond la pinacoteca nell'agosto del 1809. Tra due anni si festegger il bicentenario della fondazione. Vogliamo arrivare a questo appuntamento senza un'idea forte? Mettendo in relazione Pinacoteca, Accademia, Biblioteca, Orto Botanico e Osservatorio Astronomico, Napoleone cre un organismo culturale di eccezionale vastit e funzionalit, celebre in tutto il mondo e secondo solo al Louvre. Il nostro compito deve essere quello di rinnovare e attualizzare questo grandioso progetto per il rilancio culturale di Milano.
Viva Napoleone! Evviva risponde il presidente.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news