LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Rinasce sotto la Borsa teatro-museo romano con gli odor di 22 secoli fa
Annachiara Sacchi
Corriere della Sera 5/8/2007

La botola del tempo sempre stata l, nascosta tra le vie della Milano della finanza, coperta da strati e secoli di vita cittadina. Il viaggio inizia sotto la Borsa, basta un piano di scale per tornare indietro di duemila anni. Si parte al buio, ma un attimo: luci, suoni e odori aggrediscono chiunque affronti questa avventura. C' un teatro romano nelle viscere d Milano. E visitarlo un'ubriacatura dei sensi. Perch non si tratta di qualche muro in rovina spiegato da quattro pannelli. Questo il primo museo sensibile d'Italia. Un percorso archeologico modernissimo, che trascina il visitatore nella Milano dell'et augustea, che lo accompagna in un'epoca lontana, quando gli uomini si profumavano con acqua di rose e sulle gradinate si vociava e si mangiava. Ora tutto pronto: in autunno, dopo 22 secoli, il teatro sar restituito ai milanesi.
L'antica Roma riaffiora dalle fondamenta di Palazzo Turati e Palazzo Mezzanotte. Con i resti di un teatro imponente e gli odori di 22 secoli fa: zafferano da diffondere durante gli spettacoli, acqua di rosa per profumarsi, vino dolce da bere tra un atto e un altro, sentori umani e animali. Un'attenta ricerca storica e le suggestioni di un'epoca lontana, spesso conosciuta solo sui banchi di scuola.
Dopo due anni di scavi, quattro di studi archeologici condotti dalla Cattolica e un milione di euro investiti, la Camera di Commercio ha ultimato gli allestimenti del museo. Riportando alla luce il teatro da quasi 9 mila posti costruito in et augustea (primo secolo avanti Cristo primo dopo Cristo), quando Milano contava 25 mila abitanti e si estendeva su venti ettari di superficie. Pausa estiva e poi l'inaugurazione: tra settembre e ottobre sar aperto il pi antico edificio pubblico di Milano. L'ingresso, naturalmente, da via San Vittore al Teatro.
Museo gratuito, interattivo e sensibile: olfatto, vista e udito dei visitatori sono stimolati durante tutto il percorso. E il viaggio inizia proprio cos, con un'immersione tra gli odori del tempo: zafferano, acqua di rose, vino, afrori corporali. Quattro miscele (emanate da altrettanti pannelli) che inebriano, stordiscono, evocano, mentre tutto intorno una musica (creata apposta per il museo dal maestro Francesco Rampichini) racconta di carretti che cigolano, cavalli che nitriscono, urla di bambini. Ettore Lariani, l'architetto che ha seguito l'allestimento, spiega: Abbiamo voluto entrare nello spirito del tempo con varie suggestioni. Attenzione per: questo non un luna park, ma un percorso museale dal profilo alto che si avvicina all'arte contemporanea. Il primo in Italia.
Avanti tra le rovine: la passerella trasparente conduce in mezzo alle pietre degli spalti, il viaggio nel tempo continua. Il suono attira lo sguardo verso un muro. Parte una videoproiezione acusmetrica, su un telo viene rappresentato il sistema di fondazione del teatro. Linea dopo linea, le note che diventano pi acute man mano che si sale: Vogliamo raccontare in una forma nuova, analizza Rampichini.
Ultimo atto, il Gigante cos lo defin Pompeo Castelfranco, l'archeologo che per primo identific alla fine del XIX secolo rivela i suoi segreti. Un sensore proietta su due statue lisce, bianche, le immagini di due attori. Un uomo recita (in latino) il prologo della Casina di Plauto: Giorgio Albertazzi.
L'antico e il moderno insieme. Le nuove tecnologie e migliaia di pietre antiche che per secoli sono rimaste nascoste a dieci metri di profondit. E un altro tassello della Milano romana, che si aggiunge all'anfiteatro di via De Amicis, usato per la caccia alle fiere, al museo archeologico di corso Magenta, a San Lorenzo.
La visita dura circa venti minuti, l'ingresso libero negli orari di ufficio. Non resta che godersi il viaggio nel tempo e immaginarsi un teatro frequentato dal pubblico colto quello che assisteva alle tragedie di Eschilo e da quello pi popolare abituato a seguire mimi, acrobati e naumachie, le battaglie navali.
Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio, soddisfatto: II teatro romano rientra a pieno titolo nel patrimonio culturale della citt. un percorso suggestivo, culturale, un contributo in pi per facilitare la visita e per renderla pi piacevole a tutti.

L'ultimo spettacolo fu una battaglia navale
Il teatro romano funzion fino agli inizi del V secolo, quando Milano, capitale dell'impero romano (lo fu dal 286 al 402), riceveva la corte. Il Palazzo dell'imperatore Massimiliano sorgeva tra via Gorani e via Santa Maria alla Porta. 11 teatro mantenne la funzione di edificio per spettacoli fino alla fine del IV secolo d. C. Nel 398 vi fu celebrata la designazione a console del Patrizio Manlio Teodoro: in quell'occasione si esibirono buffoni, mimi, musicisti. Vi si svolse anche una battaglia navale (naumachia). Fu questo, forse, uno degli ultimi spettacoli.

Fu distrutto nel 1162 da Federico Barbarossa
Sul finire del IV secolo d. C, gli spettacoli teatrali conobbero un forte declino per la condanna della Chiesa. Da due atti del Comune di Milano del 1119 e del 1130 si desume che la cavea continu a essere in uso almeno fino al XII secolo: l si radunava il senato cittadino per deliberare su questioni di vario genere. probabile che il teatro, come gran parte della citt, sia stato distrutto nel 1162 da Federico Barbarossa. Successivamente, sui ruderi dell'edificio, furono costruite varie chiese (san Vittore al Teatro, Santa Maria Fulcorina): la zona divenne polo di edifici religiosi e privati.



news

13-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news