LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vittoriano senza pace. Cede l'ascensore conteso
Gianluca Nicoletti
La Stampa 6/8/2007

L'Altare della Patria sembra aver detto la sua sulle polemiche che lo hanno investito. Sono andate in frantumi due vetrate degli ascensori panoramici che servivano al trasporto dei turisti. Le cause sono controverse: il calore, un difetto strutturale, i gabbiani... Si vedr, ma certo che quei vetri in frantumi non aiutano i sostenitori dell'opera che da giorni il fulcro di un'infuoca-ta polemica. Assieme a qualche ombrellone e dei tavolini appoggiati su una terrazza del Vittoriano, gli ascensori della discordia avevano fatto fremere di leso amor patrio 35 senatori della Repubblica. I parlamentari hanno inviato un' interpellanza al ministro Rutelli, chiedendo giustizia contro una caffetteria e proprio la struttura panoramica in vetro e acciaio che due giorni fa sembra aver avuto qualche problema. Per i firmatari si tratterebbe addirittura di una blasfema violazione alla sacralit del monumento.
Promotore dell'iniziativa il senatore della Margherita Roberto Manzione. Arso dal fuoco di Vesta ha deciso che sulla terrazza del Vittoriano certe attivit turistico ricreative con i loro civettuoli orpelli sarebbero decisamente incompatibili con gli alti valori ideali che quel mausoleo evocherebbe negli italiani. una struttura che di fatto non ha alterato il Vittoriano, modificabile o smontabile in ogni momento - dice per Marco Pizzo vice direttore del Museo Centrale del Risorgimento - se si vuole essere precisi non nemmeno nell'area del sacello del Milite ignoto, ma nell'ala Brasini, una struttura aggiuntiva che fu costruita solo nel 1934.
Pizzo ricorda che il monumento venne aperto al pubblico nel 2002 proprio per espressa volont del Presidente Ciampi, un uomo che non pu essere certo accusato di indifferenza ai valori della patria. Da allora pi di un milione e mezzo di visitatori all'anno hanno comunque dato un senso alla sacralit di quel posto, prima di allora era nient'altro che un sepolcro sigillato e invisibile al resto del mondo. Tanto che nel 1987 Peter Greenaway ne fece il lugubre luogo dell'ossessione suicida del protagonista de II ventre dell' architetto.
Eppure anche Carlo Ripa di Meana, presidente a Roma dell' associazione Italia Nostra, stato colto da angoscia per la caffetteria, si quindi rivolto al Presidente Napolitano augurandosi che in vista del prossimo 4 novembre: II manufatto estraneo al monumento possa essere rimosso.
Suona singolare questo risorgere di tanto zelo nel difendere il senso profondo dell' Altare della patria, un monumento contro cui negli anni stato detto di tutto. Giovanni Papini lo defin un bianco ed enorme pisciatoio di lusso e Alberto Arbasino lanci la proposta di dipingerlo a pois.
Il Vittoriano comunque gi nacque sotto il sospetto di una tangentopoli ante litteram. Dopo la prima pietra posta nel 1885 subito qualcuno ebbe a ridire quando si vide che per costruirlo, al posto del travertino romano, furono impiegate tonnellate del friabilissimo marmo bottici-no. Il materiale veniva da Brescia, che casualmente era il collegio elettorale dell' integerrimo giurista Giuseppe Zanardelli, allora ministro dei Lavori Pubblici. La sua massima gloria fu invece nel periodo tra il 1911, anno dell'inaugurazione per i cinquant'anni dell'unit d'Italia, e il 1921 quando vi fu traslata la salma del Milite Ignoto, simbolo dei caduti d'Italia. Divenuto poi uno dei monumenti simbolo del Fascismo, il Vittoriano fu testimone delle adunate oceaniche a Piazza Venezia. Pino a pochi anni fa in una stanzetta del era ancora possibile vedere lo studio radiofonico che trasmetteva all'Eiar i discorsi del Duce, veniva collegato direttamente al famoso balcone con un cavo che correva sotto alla piazza.
L'aria poi cambi: nel dopoguerra naturalmente il Vittoriano fu accusato di essere il coacervo della cultura reazionaria e di tutta la peggior retorica sui valori della patria. Negli anni '70 fu pubblicato un libricino, Processo al Vittoriano dove vari architetti proponevano le loro ipotesi di demolizione o camuffamento dell'Altare della Patria. Allora, al contrario di oggi, gli intellettuali di sinistra pi che un sacrario lo vedevano come una vergogna.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news