LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vittoriano, vetri in frantumi. Gli ascensori nella bufera
Edoardo Sassi
Corriere della Sera - Roma 6/8/2007

Solo oggi, forse, si conoscer il motivo per cui due grandi lastre di cristallo come raccontato ieri sulle pagine del Corriere dei nuovi e contestatissimi ascensori panoramici del Vittoriano sono andate in frantumi a pochi giorni di distanza l'una dall'altra. E a soli due mesi dall'inaugurazione di un'opera pubblica costata 1 milione e 155 mila euro.
Questa mattina presto sul retro dell'Altare della Patria sar infatti montato un ponteggio (le lastre si trovano a un'altezza considerevole) e i tecnici saliranno lass per chiarire quello che a tutt'oggi risulta un mistero. Ci saranno i vertici del ministero, il direttore regionale Luciano Marchetti, il progettista Paolo Rocchi, la ditta che ha fornito le lastre (costate 350 mila euro) e l'architetto Federica Galloni, soprintendente ai Beni architettonici di Roma (da cui dipende il Vittoriano) nonch direttore dei lavori durante la realizzazione degli ascensori. Che a questo proposito ci tiene a specificare una cosa: Non sono io spiega che ho autorizzato i lavori. All'epoca in cui il progetto fu scelto, in seguito a un appalto concorso, ero un semplice funzionario. Come direttore dei lavori il mio unico compito, stabilito per legge, stato quello di controllare e verificare che le indicazioni del progettista fossero eseguite a regola d'arte. Lo stesso vale per l'ingegner Marchetti, anche lui non coinvolto nella scelta del progetto, che dal punto di vista della disciplina del restauro oltretutto perfetto. stato ritenuto il migliore tra undici progetti, o comunque il meno peggio. Se poi lo fosse, non sta a me dirlo.
E le lastre? Sono state fornite dalla Saint Gobain - dice la Galloni la miglior scelta possibile sulla piazza. Lastre certificate antisfondamento, a norma, con tutte le certificazioni necessarie esibite dalla ditta. Siamo tutti stupiti, ma affrontiamo il problema con animo sereno. Cosa pu essere successo? Lo capiremo. La mia idea che le due lastre si siano danneggiate per cause diverse. Per la prima non mi sento di escludere un problema fisiologico, dovuto magari all'urgenza dei lavori, nel montaggio e nella posa in opera potrebbe esserci stato un problema, forse la posa non stata eseguita in modo estremamente corretta. Ma ripeto, solo una mia ipotesi. Per la seconda, davvero non so ancora darmi una spiegazione. Anche rispetto agli ancoraggi stata scelta la soluzione tecnicamente migliore, non del tipo che buca la lastra. Con cuscinetto di neoprene e aggancio "a ragno". A ogni minima variazione tecnica il vetro pu muoversi senza subire danni, il modello simile a quello del giunto autostradale. Vedremo.... Escluso, ovviamente, considerata l'altezza del danno, anche qualsiasi fenomeno accidentale:
Di fronte c' la Basilica dell'Ara Coeli, dubito che i frati abbiano lanciato pietre con la mazzafionda.
Qualcosa di pi dunque si potrebbe sapere in serata, dopo le analisi condotti dagli esperti. Ma il gi acceso dibattito sugli ascensori, alla notizia delle due lastre di vetro scoppiate si infiamma ancor di pi. E ora il problema non pi solo estetico, ma tecnico.
Tra i primi a scagliarsi contro il progetto di Rocchi era stata l'associazione ambientalista Italia Nostra, che ieri tornata sull'argomento con un comunicato del presidente della sezione romana Carlo Ripa di Meana: Dopo la rottura delle maxi lastre chiedo al ministero dei Beni Culturali che sia recintata l'area per motivi di sicurezza e che siano rimossi gli ascensori addossati all'Altare della Patria. Parole di fuoco sono arrivate anche da un altro nemico storico degli elevatori panoramici, il responsabile della Uil Beni culturali Gianfranco Cerasoli, che tornato a chiedere l'immediata rimozione dell'opera e che invece, dal canto suo, insiste sulle gravi incapacit di Marchetti e della Galloni. Personalmente dice far una denuncia alla Corte dei Conti per i soldi spesi che serviranno a riparare i danni dei vetri rotti e per quelli necessari a qualsiasi intervento necessario a sistemare lo scempio degli ascensori.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news