LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali. Ecco le nomine. Todos dirigenti per scadenza dei termini
Riccardo Paradisi
CRONACHE DE LINDIPENDENTE, 01-08-2007





Ieri era l'ultimo giorno utile per il ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli di varare la riorganizzazione di via del Collegio romano. Non c' riuscito. Per lui e il suo gabinetto -puntualissimi ad ogni inaugurazione di mostre, soprattutto dove ci sono telecamere e fotografi - il tempo scaduto. Per approntare una bozza di riordino lo staff del ministro ha impiegato ben dieci mesi. Un tempo veterotestamentario da cui sortito uno schema di riforma deludentissimo per chi si aspettava pi decentramento e pi ossigeno alle soprintendenze locali. Poco male, si potrebbe dire allora, se una riforma cos mediocre tarda a diventare operativa. Vero, se non fosse che il diavolo che fa le pentole in questo caso si curato anche di fare i coperchi. Infatti il bel risultato del ritardo del varo della riforma la conferma in automatico degli attuali dirigenti generali in carica del ministero che non avrebbero maturato i tre anni di funzione e sarebbero tornati a fare i dirigenti di seconda fascia se il ministero fosse stato pi puntuale. Adesso, come in queste ore sta denunciando anche la Uil, tutti i dirigenti di seconda fascia si ritrovano stabilizzati in via permanente nel ruolo di direttori generali centrali e regionali. A prescindere dal loro merito, dalla qualit del lavoro svolto. L'unica possibilit di intervento del ministero , a questo punto, quello della rotazione, che per molti casi non segue peraltro alcuna logica tecnico funzionale, ma risponde solo a mere esigenze di collocazioni o ricollocazione per vicinanza. E cos per esempio, citando alcuni casi, direttore del Veneto viene nominato Ugo Soragni che viene spostato dal Friuli, Liliana Pittarello lascia la Liguria e finisce in Piemonte, Pasquale Malara lascia il Veneto e va in Liguria. Mario Guarany, da Roma viene invece nominato in Friuli e Mario Turetta lascia il Piemonte per assurgere alla direzione generale del personale e del bilancio a Roma. Resta ancora indeterminata la casella della Campania. Sia il sindaco di Napoli Rosa Russo Jervolino sia il presidente della regione Bassolino non gradiscono la sostituzione di Stefano De Caro che potrebbe essere rimpiazzato da Guarany accreditato in Friuli (dove in questo caso andrebbe Francesco Prosperetti dalla Basilicata). Un valzer vorticoso che da il segno di come promozioni e bocciature siano sostituite con la rotazione. Un criterio che lascia al loro posto chi come Luciano Marchetti, direttore generale del Lazio, il responsabile oggettivo dell'orrendo scempio degli ascensori sull'Altare della Patria. Restano alle direzioni Spettacolo e Cinema anche Nastasi e Blandini. La conferma, in questo caso, voluta fermamente dal ministro, malgrado spinte in senso diverso, non desta scandalo. I due dirigenti, dicono a via del Collegio romano, hanno lavorato bene.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news