LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, De Caro chiamato a Roma
Carlo Avvisati
01/08/2007, il MATTINO






Che il ministro Francesco Rutelli avesse deciso di chiamare a Roma Stefano De Caro, direttore regionale dei Beni Culturali, era una voce che circolava da alcuni giorni. Anzi, circa una promozione e della sua conseguente partenza per un incarico di prestigio ministeriale, si stava dicendo almeno dalal primavera scorsa, da quando cio era stato messo in cantiere il progetto di ristrutturazione del settore. Ora la disposizione definitiva arrivata: De caro va a Roma per occupare il posto che era di Annamaria Reggiani, direttore generale dei beni archeologici, che a sua volta passa alla guida dellAbruzzo. A sostituire De Caro in Campania stato chiamato Francesco Prosperetti, attuale direttore della Basilicata. Insomma, una vera e propria rivoluzione per i Beni culturali del Centro-Sud che in Campania avviene immediatamente a ridosso della polemica che ha segnato liter della riorganizzazione delle soprintendenze archeologiche - con laccorpamento di quelle di Napoli e Pompei - e, prima ancora, dei contrasti tra il soprintendente degli scavi Pier Giovanni Guzzo e il city-manager Luigi Crimaco. Stefano De Caro, per altro, stimatissimo archeologo e gode di ampie credenziali come organizzatore culturale. Cinquantasettenne, nato a Boscoreale, prima di essere direttore regionale stato soprintendente della Campania. In precedenza ha guidato gli scavi di Pompei, stato soprintendente speciale per il dopo-terremoto soprintendente a Napoli. Oggi impegnato in importanti serie di iniziative previste in un settore strategico per la cultura campana: che la sua promozione a Roma e soprattutto il suo trasferimento dalla Campania provochi reazioni appare assolutamente scontato. Cos , tanto che la formula dubitativa sul tutto appare dobbligo. La decisione del ministro sta creando grossi malumori e altrettanti mal di pancia. Anche e soprattutto nel mondo politico campano dove ai vertici regionali la decisione di Rutelli non andrebbe gi per nessuna ragione e in molti si starebbero muovendo per farla annullare. Sostituire De caro durante le delicatissime fasi di definizione o decollo di alcuni progeti (Scabec, per esempio), ritenuti vitali pei i beni culturali regionali, viene considerata da pi parti come una disposizione quantomeno discutibile. Su identica posizione di sofferenza, anche se altre sarebbero le motivazioni, si schierata la quasi totalit dellambiente culturale e scientifico campano e non solo, pronta a mobilitarsi come fece a suo tempo quando Guzzo minaccile dimissioni. Per tutti la promozione del direttore regionale una vera e propria iattura. Altrettanto critica la posizione dei sinadacti. Non vorremmo - sottolinea Gianfranco Cerasoli, responsabile nazionale della Uil Beni culturali - che questa opearzione avesse poco o niente a che vedere con la tutela dei beni. De Caro il migliore in Italia e lincarico a Roma, se si considera il punto di vista della capacit e della competenza, non pu non essere considerato positivo. Ma anche vero che in Campania stava svolgendo un egregio lavoro e avrebbe potuto continuare sulal sua strada. Insomma, lo spostamento a sei-sette mesi dallentrata in vigore della riforma bocciata senza riserve. Quale lutilit di questo provvedimento? - si chiede Claudio Calcara, della Cisl Beni culturali - Se si trattasse di pura rotazione degli incarichi, ritego che De Caro porterebbe nuova linfa al settore. Temo invece che non sia cos. Ed ancora pi assurdo in questa fase della riforma che rischia tra laltro di restare lettera morta: lAvvocatura dello Stato pare abbia rimandato indietro il provvedimento licenziato dal consiglio dei ministri perch non sarebbero ben chiari alcuni degli accorpamnti previsti. Quindi, una riforma che rischia di non nascere.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news