LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ho un sogno: vorrei un museo con un'opera sola
Umberto Eco
Il SOle 24 Ore, 5/10/2003

II proposito virtuoso dei primi musei di sottrarre l'oggetto al possesso individuale e al circuito commerciale, per renderlo bene inalienabile riservato a tutti i cittadini (...). Per quanto sia bene organizzato e suddiviso per epoche, generi o stili, il museo moderno diventa un luogo dove chi volesse vedere tutto quello che c' non vedrebbe nulla, e se pure guardasse non potrebbe memorizzare. vero che il vero appassionato visita un museo pezzo per pezzo, e interrompendo la visita con lunghe soste (e la grande intuizione del museo contemporaneo stata che il caff, il ristorante, la libreria, non sono appendici commerciali del museo, ma permettono di dilazionare, interrompere e riprendere la visita, senza affaticare l'occhio e la mente). Altri tornano in un museo che gi conoscono per rivedere un solo quadro o una scultura che amano, e dedicano mezz'ora a quella rivisitazione (...) Ma sappiamo benissimo che la visita normale al museo oggi procede ben diversamente. Torme di turisti che non potrebbero tornare a casa senza avere visto (o dire di avere visto) il Louvre, la National Gallery o gli Uffizi, percorrono a passo di maratoneta una lunga sequenza di sale, si arrestano brevemente e senza discriminazione davanti a quadri irrilevanti, trascurano capolavori, affollano le code davanti alle sole opere di cui hanno sentito parlare (la Gioconda, la Vergine delle rocce, la Primavera) riuscendo a malapena a vedere l'opera-feticcio, ed escono avendo realizzato scarsa informazione e un godimento estetico del tutto superficiale. In compenso, con i loro fiati mortiferi, contribuiscono alla rovina dei grandi capolavori che sono andati a venerare.
A questo si aggiunga che spesso alcuni musei sono visitati non per le opere che contengono, ma per la magia del contenitore (...). L'esempio pi illustre del museo visitato per il contenitore era, almeno all'inizio, il Guggenheim di New York. Contano certo le opere, ma ancor pi il percorso a spirale che si compie per vederle rapidamente in successione.
Un museo in cui il contenitore rischia di contare pi delle opere il Muse d'Orsay, a tal punto che si deciso di porre nella grande sala centrale, dove l'architettura rischia di sopraffare le opere, quadri e sculture pompier, decorative per definizione, e che dunque dal contenitore vengono persino redente, e sovente magnificate; e si sono posti i quadri di maggiore valore estetico, pensiamo a Manet e agli impressionisti, in locali meno imponenti, che li lasciano campeggiare sulla parete senza soffocarli.

Il trionfo del contenitore sulle opere non solo tipico dei nostri tempi. Immagino che i primi visitatori del Louvre, sottratto alla famiglia reale, entrassero non tanto per ammirare le opere d'arte che conteneva, ma per porre piede per la prima volta in quel palazzo sino ad allora chiuso al popolo. Oggi si va a Versailles per visitare il palazzo e i giardini, non le opere d'arte che vi sono esposte. Ma potremmo dire che Versailles anzitutto un museo dell'architettura, dell'arte dei giardini, e dell'arredamento. Del resto anche a San Pietro a Roma i pellegrini non vanno per vedere la Piet di Michelangelo, bens per avere l'esperienza globale di un'opera d'arte architettonica e di un luogo di fervore religioso, tanto che alcuni possono dire di averne compiuto una visita memorabile anche se hanno ignorato Michelangelo, per trasporto mistico o per mancanza di informazione.

Due anni fa era stata pubblicata in Italia una classifica dei dieci musei maggiormente visitati nello scorso anno. Venivano anzitutto i Musei Vaticani, con tre milioni e mezzo di visitatori annui (e l'occasione del Giubileo ha aumentato le visite solo del 23%). Seguivano con un milione e mezzo la Galleria degli Uffizi, poi la Galleria dell'Accademia di Firenze, e al quarto posto i musei del Castello Sforzesco di Milano con pi di ottocentomila visitatori. L'ultimo dei dieci era il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (281.000 visitatori). In questi primi dieci musei mancava la Pinacoteca di Brera di Milano. Dunque gli ottocentomila visitatori che avevano visitato i musei del Castello erano passati per Milano, e forse hanno visto anche il Duomo, ma non il Cenacolo di Leonardo e non Brera. Passi per il Cenacolo, che richiede faticose prenotazioni, ma certamente a Brera (accessibilissima) sono passate seicentomila persone meno che al Castello. Eppure, se al Castello si possono vedere opere come la Piet Rondanini di Michelangelo, Brera ha la Madonna di Piero della Francesca, il Matrimonio della Vergine di Raffaello, la Piet di Giovanni Bellini e quattrocento altre opere famosissime, da Mantegna a Tintoretto e a Caravaggio sino al romanticismo e al Novecento. Per Brera sta in un palazzo antico, bello e dignitoso, ma non sorprendente, mentre l'insieme del Castello Sforzesco, bench quasi interamente restaurato e rifatto nel XIX secolo, imponente e permette percorsi multipli, nelle corti interne, tra i merli, in gallerie piene di armature. Dunque il Castello stato visitato da ottocentomila persone anzitutto in quanto contenitore.

Ora, non c' nulla di male a visitare un museo anzitutto quale contenitore, e anzi l'appello costituito dal contenitore pu incoraggiare a scoprire le opere. Ma, continuando per questa strada, si arriva alla situazione del Beaubourg di Parigi, dove il contenitore costituisce certamente la massima attrazione, e il resto sono o servizi (di biblioteca e videoteca) o mostre temporanee, peraltro molto belle.

Diversamente da un museo, un'esposizione temporanea di solito ci invita a considerare un solo autore, o un dato periodo storico, o un dato tema, e le opere debbono essere inserite nel loro contesto (...). Alla luce di queste considerazioni, eccomi ora a delineare un ideale di museo, e certamente alcune delle cose che avevo scritto su questo argomento hanno ispirato gli organizzatori di questa mostra sulla Vnus dvoile. Non pretendo che questi miei suggerimenti fossero originali: talune delle soluzioni che proponevo erano state gi tentate, e indicavano una strada possibile. Ma certamente un museo non pu decidere di annullarsi in quella che chiameremo esposizione di un'opera sola. Una mostra temporanea pu, e questo il senso di Vnus dvoile.
L'idea semplice, anche se costata qualche fatica a realizzarla. Noi andiamo in un museo e vediamo un'opera che: magari ci affascina, e vorremmo saperne di pi, comprenderla meglio. L'ideale dunque quello di un museo, o di una mostra temporanea, che serva a capire e godere di un
solo quadro (o di una sola statua, o anche di una sola saliera del Cellini).
esattamente quello che si tentato di fare con la Venere di Tiziano (...). Troppe opere, l'una diversa dall'altra, tutte fatalmente fuori contesto, affaticano l'occhio e la mente. Ma un tragitto, che ci conduca a entrare veramente "dentro" a una sola opera, farebbe di quella visita al museo un'esperienza memorabile. E se poi il turista incontinente e feticista si lamenter che ha compiuto tanta fatica per vedere un'opera sola, peggio per lui. Ma anche il peggior feticista non resisterebbe all'esperienza della contemplazione di un solo feticcio di cui gli viene rivelata la storia remota, l'essenza, il destino.

Naturalmente si pu sognare. E il mio sogno che l'esperimento della Vnus dvoile possa applicarsi, un giorno, anche a un vero museo. A ben riflettere, un museo espone solo i quadri di maggior attrattiva, ma moltissimi altri ne conserva nei suoi depositi, e sono opere che il pubblico rischia di non vedere mai. Perch non pensare a un museo vivente, metamorfico, che secondo le stagioni si ristrutturi intorno a una sola opera centrale, e scelga di esporre le altre solo se possono aiutare a illuminare meglio quella?

E cos sia consentito di sognare una Galleria degli Uffizi che decide un giorno di ristrutturarsi per un certo tempo solo intorno alla Primavera di Botticelli. L'intera sequenza delle sale degli Uffizi dovrebbe essere trasformata in un unico percorso attraverso il quale si arrivi, alla fine, a capire tutto della Primavera. Ci sarebbero sale introduttive sulla Firenze dell'epoca, la cultura umanistica, la riscoperta degli antichi, i fermenti mistici del tempo, e sulla Roma in cui lavoravano Ghirlandaio e Perugino, con pannelli didattici, esposizioni di libri e incisioni (dai manoscritti ai primi incunaboli che erano gi apparsi in quegli anni). Poi seguirebbero le opere dei pittori che hanno preceduto e ispirato Botticelli, nella bottega di Lippi e di Verrocchio (e in quel caso, purch la documentazione fosse completa, si potrebbero accettare delle ottime copie, o trarre dai magazzini opere che il museo non aveva mai esposto), e le opere di Botticelli prima della Primavera. Poi vorrei vedere quadri con volti femminili che annunciano quelli di Botticelli, o al contrario mi dicano che la donna all'epoca era vista in modo diverso e lui ha radicalmente innovato; dovrebbero udirsi le musiche che Botticclli poteva avere ascoltato, le voci dei poeti e dei filosofi che poteva avere letto, e se necessario dovrebbero apparire grandi fotografie dei paesaggi toscani (immagino che per un pittore di paesaggio questa documentazione dovrebbe essere fondamentale); vorrei vedere documenti sulla flora dell'epoca, per capire come Botticelli abbia poi concepito i suoi fiori e i suoi alberi. Insomma, vorrei arrivare alla sala centrale, dove finalmente mi apparir la Primavera, con l'occhio ormai educato di un fiorentino del Quattrocento. Poi, nelle sale seguenti, vorrei vedere su schermi tutti i particolari della Primavera, le soluzioni pittoriche adottate, comparazioni con particolari di altri pittori. E infine, nelle ultime sale, tutto ci che mi pu dire qualcosa sull'eredit di Botticelli, sino ai preraffaelliti.

Si noti che un museo a un solo quadro potrebbe anche viaggiare ed essere riallestito in molti luoghi. Immediatamente dopo la partenza della Primavera per il suo viaggio, la Galleria degli Uffizi potrebbe ristrutturarsi intorno a un'altra delle sue meraviglie. Oppure, a una stagione seguente, ecco che la Primavera potrebbe, da opera "signora" che era, diventare opera "ancella", che serve a spiegare un'opera che era stata ancella nell'esposizione precedente.

Oltretutto, con un museo che cambia di stagione in stagione, una citt diventerebbe degna di essere rivisitata molte volte, come si va pi volte a Salisburgo o a Bayreuth, per ascoltare opere di Mozart e di Wagner sempre diverse, e in diverse esecuzioni. Inoltre, per ogni museo, viaggerebbe una sola opera alla volta. Un museo del genere sarebbe sempre nuovo, sempre capace di offrirci nuove sorprese.

Forse l'utopia che ho delineato irrealizzabile. Ma l'esposizione intitolata a Vnus dvoile stata realizzata, e spero valga come proposta per l'avvenire.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news