LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il landscape al centro dello "spirito del tempo" Una priorit globale per l'arte e per la politica
il Riformista 25/07/2007

La sinistra ormai si occupa pi dei giardini che delle persone, sentenziava Andre Gluck-smann solo pochi mesi or sono su Le Monde. Ma il paesaggio che pi di tutti sta occupando il centro delle preoccupazioni della sinistra italiana causando anche delle faide intestine. Da mesi Alberto Asor Rosa, sostenuto da Repubblica, conduce una battaglia culturale e politica nella rossa Toscana, dove ha la sua seconda casa, federando tutta una serie di piccole associazioni contrarie alle lottizzazioni concesse da molti piccoli comuni per fare cassa. Subito il ministro competente, Rutelli, ha risposto sul Corriere, la tutela del paesaggio italiano per ora una priorit nazionale e ha accelerato l'attuazione del codice del paesaggio che obbliga ogni regione ad approvare un proprio piano paesaggistico perch non tutte l'hanno gi. Pi in sordina, il governatore Renato Soru ha fatto approvare il piano paesaggistico pi restrittivo d'Italia, con enormi limitazioni a ogni tipo di edilizia, e con l'aiuto di paesaggisti e architetti internazionali. Fra questi Gilles Clment, il giardiniere-filosofo gi noto ai lettori del Riformista per il suo clamoroso rifiuto di ogni incarico pubblico e privato in Francia perch contrario all'idea di sviluppo duraturo introdotto nella politica economica dal neopresidente Sarkozy - che ha congiunto i ministeri economici con quello dell'ambiente. Clment, peraltro, autore di un pamphlet dedicato ai luoghi abbandonati dall'uomo, "il Manifesto del Terzo paesaggio", che ha fatto proseliti anche nel comune di Reggio Emilia dove sono state istituite alcune zone di terzo paesaggio (Tpz) all'interno del verde comunale da destinare all'evoluzione spontanea della vegetazione, evitando totalmente gli interventi manutentivi quali la raccolta delle foglie o lo sfalcio dell'erba.
Che il paesaggio per sia parte integrante dello zeitgeist del momento lo aveva presentito, come sempre, l'arte. Da qualche anno Tullio Pericoli ha smesso di eseguire ritratti, vale a dire l'attivit per cui pi noto, per dedicarsi interamente alla pittura di paesaggi a partire da quelli natii delle Marche, ma trasfigurandoli e astraendoli sempre di pi perch li guarda attraverso gli occhi Paul Klee. Da Viaggio nel paesaggio (Nuages, 2004) a Parti senza un tutto. Paesaggi 2005-2006 (Lubrina, 2006) - senza dimenticare Terre (Rizzoli, 2000) - Pericoli continua ostinatamente una linea perlopi solitaria nell'arte contemporanea, dove l'unico altro autore di paesaggi scarni e graffiati forse il solo Anselm Kiefer, sottolineando la natura profondamente intima e concettuale che caratterizza il paesaggio. Anche per questo oggi discipline un tempo indipendenti, come l'arte, l'architettura e l'urbanistica, ravvisano la necessit di associare i loro nomi a tale concetto per poter operare e acquisire legittimit nel mondo contemporaneo, ridefinendosi a loro volta come landscape-art, landscape-architecture, landscape-urbanism.
La Editorial Gustavo Gili di Barcellona da pochi anni ha inaugurato la collana "Land and Scape" in cui il paesaggio indagato sotto tutti i punti di vista, artistico, letterario, urbanistico ecc. e due titoli sono recentemente stati tradotti in italiano, bench gli autori (entrambi architetti) siano italianissimi. Si tratta di Francesco Careri, Walkscapes. Camminare come pratica estetica (Einaudi, 2006) e Luca Galofaro, Artscape. L'arte come approccio al paesaggio contemporaneo (Postmedia books, 2007). Ora, con il volume appena uscito sia in spagnolo sia in inglese, Landscape. 100 words to inhabit it, a cura di Daniela Colafranceschi (GG, 2007), la storica casa editrice catalana intende fare il punto sulla situazione del paesaggio contemporaneo attraverso una forma immediata: termini, definizioni, idee, microstorie e testi brevi in 100 voci. Gli autori sono internazionali, Clment, Lu-cien Kroll, Inaki Abalos, e molti italiani, Stefano Boeri, Piero Zanini, Franco Zagari e gli stessi Careri e Galofaro - peraltro Zagari ha anticipato tutti lo scorso anno curando Questo paesaggio: 48 definizioni (Mancosu, 2006). Tutti per sono concordi nel dire che, come Magritte scriveva questa non una pipa sotto la rappresentazione della pipa, analogamente il paesaggio non pu essere identificato con la propria rappresentazione. Per tale ragione Roberto Zancan, un cervello fuggito in Canada, preferisce parlare di "landscape": nel suo Corrispondenze. Teorie e storie dal landscape (Gangemi, 2005), spiega come grazie alle implicite qualit visive del termine esso sia molto pi efficace nel rispondere al bisogno di spettacolarizzazione che l'epoca attuale tanto richiede. rispetto a tale attitudine spettacolare che Zancan prende posizione, rivendicando una ragione critica e un valore originale per il design, essendo consapevole che il landscape, per il fatto di essere risultato di sforzi combinati di natura e uomo e di essere anche cosa che si pensa, uno dei luoghi nei quali si gioca, e spesso si costruisce, il profilo civile di un paese.
Il tema per diventato globale perch parlare di paesaggio oggi vuole dire riconoscere come oramai l'intera superficie della Terra direttamente o indirettamente sia il risultato di trasformazioni umane. Lo scioglimento accelerato dei ghiacciai e l'incipiente desertificazione di molte aree del globo sono in effetti altrettanti progetti umani involonta-ri di produzione di paesaggio a scala planetaria. E c' chi come Cristiano Toraldo di Francia, in X-scapes (Alinea, 2006), ha provato a leggere queste trasformazioni operate dall'uomo sulla superficie del pianeta come se fosse un paesaggio unitario. Del che potrebbe anche importarci poco e niente, se proprio in tempi di Live Earth di un sapere autenticamente globale relativo al mondo e alla terra non vi fosse quasi un disperato bisogno - se non s'iniziasse ad avvertire la sua mancanza come la pi grave tra le questioni politiche.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news