LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quisisana, la reggia ritrovata
Marina Guardati
Il Mattino 02/10/2003

CASCA da tutte le part, restaurarlo un'impresa che vale una scommessa culturale. Il Palazzo reale di Quisisana, antichissima dimora degli Angioini, gi dall'Ottocento non si ricorda come Reggia, il nome Quisisana riporta ad un “Royal Hotel” di gran lusso, punto di riferimento di un turismo termale elegante.
Per la storia, la Reggia voluta da Carlo I d'Angi nel 1268, splendido casino reale, panoramico, isolato nel verde sulle pendici del monte Faito, veniva considerato luogo salubre, sana, Ladislao d'Angi-Durazzo re di Napoli da qui promulg alcune Leggi segnando in calce datum in Casasana prope Castrummaris de Stabia. Casasana, quindi Quisisana. I Farnese, i Borbone, i Savoia vi soggiornarono, dilatandola; si cre come in altri siti reali, una piccola Corte di nobili con ville nei dintorni per residenze estive. Nel 1860 il Palazzo reale e il parco passano al Demanio che nel 1879 accetta di cederli al Comune di Castellammare per lire 300.000: la concessione in gestione ai privati per uso alberghiero immediata. Esaurendosi la societ elitaria da Grand Tour, il Royal Hotel Quisisana scivola in degrado: nel 1960 di reale non c'era pi niente. Nel 1995 il Comune decide di intervenire con un restauro, naturalmente si parla della Reggia e l'equipe di Michele Capobianco redige un progetto che soltanto oggi, grazie a una sferzata di energia ed entusiasmo della giunta comunale, in fase esecutiva.
Il restauro di questo monumento dalla storia secolare - dichiara Renato Sparacio, consulente per il Comune - sar conservativo, il restauro rispetter la tipologia dell'epoca, archi e porticati, eliminando soltanto le superfetazioni per finalit alberghiera; il consolidamento statico in fase di esecuzione, non vi sono problemi per dissesto idrogeologico. cosa entusiasmante curare un monumento pieno di storia, di valenza architettonica, toglierlo dall'abbandono per dargli un'alta destinazione moderna.
Il finanziamento di nove milioni di euro (Fondi europei) fino al 2006 permette di lavorare al restauro finalizzandolo a determinate destinazioni, molte, effervescenti, sempre di grande interesse. Le sale della Reggia sono quattrocento disposte in file parallele, viene riproposto il Museo archeologico della zona; il Master in Management dei Beni culturali e ambientali diretto da Mario De Cunzo coglie l'occasione per un inserimento degli studenti con un loro progetto articolato di gestione per scuola di restauro; l'Archivio storico comunale avrebbe qui una degna sede; si prevedono spazi espositivo per Mostre e poi Didattica, Convegni e restauro di libri antichi.
L'interesse dei 20 allievi del Master, che hanno visitato ieri il cantiere aperto, assai vivo. Commenta Emma Giammattei, assessore alla cultura: II restauro e l'apertura della Reggia, rifunzionalizzata in modo molto omogeneo come futura scuola di restauro, la maggiore realt in tal senso del Mezzogiorno, per noi un fatto strutturale, economico e simbolico. La citt recupera il rapporto con questo illustre edificio e la speranza di vedere rivitalizzata la realt del lavoro e dello studio dei giovani.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news