LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - riemersi gli ambienti termali e una parte di quelli residenziali della Villa delle Vignacce, nel Parco degli Acquedotti.
di LUCA BRUGNARA
Venerd 20 Luglio 2007 ,IL MESSAGGERO

Duemila anni nascosta sotto terra, ma ora venuta alla luce. Grazie agli scavi iniziati un anno fa, sono riemersi gli ambienti termali e una parte di quelli residenziali della Villa delle Vignacce, nel Parco degli Acquedotti. Si tratta di un'area archeologica finora poco conosciuta, se non nelle parti in superficie: la villa venne scoperta nel 1780, con ricerche volute da Papa Pio VI, ma all'epoca erano emerse solo sculture, come le statue di Tyche e Ganimede, oggi ai Musei Vaticani. Ora, gli scavi hanno permesso di considerare almeno una parte della villa del I secolo dopo Cristo e non di et adrianea (II secolo), come finora si riteneva e soprattutto una delle pi ampie e ricche di epoca imperiale. La villa - spiegano i condirettori degli scavi, Darius A. Arya e Dora Cirone - ha avuto diversi proprietari, tra cui Quinto Servilio Pudente, ricco proprietario di fabbriche di laterizi del II secolo d.C. E' uno dei pi importanti ritrovamenti del suburbio romano degli ultimi anni.
Le terme presentano due o tre piani e gli esperti ipotizzano che fossero di ampie dimensioni e sontuosamente decorate: durate le operazioni, sono riemersi marmi, tra cui capitelli, colonne, capitelli di lesena, frammenti di statue e rilievi. Ancora ben conservati i mosaici pavimentali, in tessere bianche e nere, con decori geometrici, che si aggiungono al ritrovamento di un crollo di volta, rivestita da un mosaico in paste vitree, con motivi di piccole palme colorate di verde e giallo. Gli scavi sono a ridosso di via Lemonia e rientrano nelle due campagne condotte tra il 2006 e il 2007 dalla Sovrintendenza comunale ai Beni culturali, con l'American Institute for Roman Culture e la sponsorizzazione di 75.000 euro di American Express. L'impianto termale - precisa Cirone - stato utilizzato per molti secoli, dal I al VI, ha avuto successive ristrutturazioni tra il II e III secolo d.C. Sono presenti decori mai scoperti finora, come il pavimento della latrina, fatto solo con frammenti di anfore.
Ma la villa testimonia anche le tappe della storia romana. In et successiva - aggiunge l'archeologa - le terme furono spostate in un'altra area, pi a sud e questa parte divenne una sorta di deposito. La struttura venne poi trasformata in una sorta di fortilizio, con la chiusura di numerose porte e finestre: probabile che ci avvenne durante l'assedio di Roma da parte dei Goti, stanziati a Torre del Fiscale. Il toponimo "Vignacce" pu derivare dalle vigne dell'800, quando il parco era della famiglia Torlonia o da "pignacce" con cui si chiamavano i cocci di anfore rotte usati per alleggerire le strutture delle volte. Le operazioni dureranno, complessivamente, 5 anni. La collaborazione con l'American Institute for Roman Culture - sostiene Paola Virgili, della Sovrintendenza comunale - frutto di una convenzione in base alla quale stato concesso il sito del Parco degli Acquedotti mediante una sponsorizzazione no-profit. Gli scavi, approvati e supervisionati dalla Sovrintendenza comunale, sono a spese dell'American Institute, che si occuper delle operazioni di restauro, copertura e messa in sicurezza dell'area. Gli scavi sono visitabili, fino al 27 luglio, il mercoled e il gioved, dalle 16 alle 17.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news