LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONVEGNO - Pianificazione strategica per il Sud
di Almerico Realfonzo*
18-07-2007 Il Denaro


Il rapporto tra pianificazione e sviluppo del Mezzogiorno dItalia, negli scenari nazionali ed europei agli inizi del XXI secolo. E stato questo il tema principale al centro del convegno annuale promosso a Napoli, Castel dell'Ovo, il 28 e 29 giugno, dal Censu (Centro Nazionale di Studi Urbanistici), Ente Morale, organo di consulenza del Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Liniziativa dal titolo Mezzogiorno, risorse e piani per lo sviluppo, stata proposta dal Centro Studi Urbanistici e dallOrdine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Di seguito proponiamo alcune riflessioni al termine dei lavori dI uno dei protagonisti della discussione: Almerico Realfonzo, ordinario della facolt di Architettura dellUniversit di Napoli Federico II e direttore del Dipartimento di Urbanistica.




Ci siano curati troppo poco di indagare se le cose che contribuiscono allo sviluppo economico vengano impiegate in un contesto che sia favorevole a tale sviluppo (Galbraith, 1964): una dozzina di anni fa, nella prefazione ad un libro di un giovane quanto valente studioso (E.Mollica, 1997) mi sembr un assunto appropriato alla prassi storica degli interventi nel nostro Mezzogiorno: del perseguirne ambizioni di sviluppo senza basi ambientali, coltivando unutopia etica negativa, deideologizzata, corruttrice e sostanzialmente assistenziale; sfuggente, peraltro, alle istanze di razionalit che gli studi sullintreccio tra economia e pianificazione territoriale urbanistica avevano da quarantanni proposto alla dialettica interdisciplinare, alla letteratura scientifica, alla stessa politica.
Da quella traccia, un filo conduttore ripercorreva, nella nostra vicenda nazionale (aperta, a partire dagli anni ottanta, a contributi internazionali) le tappe di un percorso a ritroso scandito da momenti fondanti tra i quali ritenevo collocabili esperienze come lo Studio sui sistemi urbani del Mezzogiorno (1983) - che interpret il sottosviluppo meridionale come esito dellassenza storica o del decadimento delle citt meridionali, proponendone la risoluzione attraverso strategie di riqualificazione ambientale, riordino dei grandi poli urbani, emancipazione dei centri minori in antitesi alle gerarchie storiche dello sviluppo civile e produttivo delle citt - le esperienze dei Progetti Speciali dei sistemi urbani meridionali, altre esperienze tra le quali ponevo gli studi sullarea metropolitana napoletana come scenario essenziale per il riequilibrio e lo sviluppo della capitale meridionale attraverso la revisione del suo PRG (1991), fino a lontane, non citate discussioni sulla simmetria e la sinergia economia/urbanistica, che avevano coinvolto lINU tra i primi anni cinquanta ed i primi sessanta (IV IX Congresso) e, col 1 convegno del 65, lo stesso Centro Nazionale di Studi Urbanistici degli Ingegneri.
Pensavo e richiamavo un assunto del pressoch coevo meridionalismo, secondo il quale lazione sul piano territoriale e urbanistico rispondeva a rilevanti esigenze nellordine civile ed economico, concorrenti, se soddisfatte, alla convenienza degli investimenti produttivi (Saraceno), cui connettevo tre urgenze strategiche meridionali che avevo da tempo sostenute: la rigenerazione fisica e prestazionale dei patrimoni naturalistici ed urbani; la qualificazione, il rafforzamento e la diffusione dei servizi alle persone e alle imprese; laffidamento delle istanze di crescita della base economica territoriale allintegrazione tra produzione, ricerca e formazione. Idee e temi condivisi dai cultori ma, credo, anche dalla gente, sul piano etico e su quello concettuale, ma disattesi nella pratica politico-amministrativa del governo del territorio, fino alle pi gravi degenerazioni ambientali e civili (rifiuti, inquinamento, dissesto del territorio, devastazioni paesistiche) che tuttora subiamo. Senza che il giudizio sullatonia morale del governo del territorio meridionale fosse, tuttavia, semplicisticamente generalizzabile e, tanto meno, che si estendesse alla attivit scientifica, che, invece, aveva registrato, nellultimo trentennio, professionalit significative nei settori disciplinari dellurbanistica e della pianificazione territoriale, come nei settori concorrenti, tra i quali il campo dellestimo urbano.
N, aggiungo, pu trascurarsi, ora, lemersione, nellultimo decennio di esperienze meridionali, di innovazioni ordinamentali e significative produzioni progettuali; come ho rilevato, nelle prime battute del Convegno, a proposito della Campania che ha visto lemanazione della legge 16/2004 Norme sul governo del territorio, e, per la pianificazione territoriale, rilevanti esperienze, concluse o in itinere (Proposta di Piano Territoriale Regionale; Piani territoriali di coordinamento delle cinque province, e, nel casertano, Piano di sviluppo socio economico, approvato nel 2001; Piano Strategico di Napoli e della sua area metropolitana).
A tali tematiche si dedicato, per quanto possibile, il Convegno annuale del Centro Nazionale di Studi Urbanistici, Ente Morale, organo di consulenza del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, tornato a Napoli dopo 42 anni dal 1 Convegno La formazione urbanistica dellIngegnere (Sorrento, 1965) che pose, riprese e coordinate nella relazione finale (Scimemi), le questioni del rapporto tra programmazione dello sviluppo e pianificazione territoriale (Realfonzo) e, sul piano del metodo, dellapporto della economia urbana alla programmazione urbanistica (Forte). Il motivo della scelta, sintetizzato,, nella presentazione del Convegno, dal Presidente del Centro Studi, e risiede nella circostanza che il Mezzogiorno purtroppo da molti anni al centro dellattenzione nazionale per tutta una serie di problemi non risolti o considerati irresolubili, che in qualche situazione locale hanno raggiunto livelli di gravit eccezionale, diventando veri e propri problemi nazionali Nellonesto corollario che ne discende, che per governare in maniera seria e coerente un territorio ed una societ, pi che i sistemi di pianificazione e le procedure normative contano la presenza di amministrazioni e strutture tecniche serie, capaci ed efficienti (Vianello), risiedono le ragioni della primaria responsabilit politico-amministrativa nella condizione ambientale, sociale ed economica del territorio e nelle sue suscettivit di sviluppo, come suol dirsi, sostenibile.
Sopra questa complessa condizione, il Convegno ha svolto le sue riflessioni, proponendo, attraverso un certo gruppo di relazioni, non estemporanee n casuali considerazioni, in forma e con valore di contributi che sarebbe stato ingenuo sperare risolutivi. In particolare incombono complesse peculiarit della condizione di fatto dei sistemi territoriali e socio-economici sui quali si esplicita lattivit pianificatoria; ad esempio la questione dellintervenuta copianificazione delle istituzioni, che pone difficili problemi concettuali e metodologici di conciliazione tra strategie generali dei piani ed espressioni delle specificit locali: mi riferisco, sempre in via esemplificativa, alla diffusa presenza di strumenti di sviluppo locale, concorrenti al processo di pianificazione dal basso con ampie tassonomie di casi dotati di rilevanti risorse: PRUSST, LEADER, URBAN, PI, per citarne qualche sigla (si pensi al caso della Campania che ha assegnato circa il 40 per cento delle risorse finanziarie del POR 2000-2006 ai PI, i cui progetti portanti agiscono di fatto come invarianti dei PTCP).
Questo genere di questioni, pone problemi non affrontabili n, se marginalmente incontrati, risolvibili in un convegno generale e piuttosto richiedenti disamine e confronti specifici. Ma sussistono anche temi di portata non particolare che vanno risolti con siffatti confronti a farsi. Per questo genere di questioni, i temi concordati per la tavola rotonda si prestano a qualche deduzione.
Un primo tema concerne il trade-off effettuale tra lintervenuto rafforzamento della razionalit del piano urbanistico (abbandono della rigidit dirigistica dei vecchi PRG, piano strategico; compensazione fondiaria e perequazione urbanistica, superamento della prassi espropriativa; valutazione economico/finanziaria, fattibilit e vas del piano, finanza di progetto) e le valenze morfologiche e qualitative del piano: non sembrando, peraltro, cogliersi, nelle nostre citt, salvo eccezioni, una forte visione urbanistica unitaria pervasiva delle loro pi recenti trasformazioni, come accade altrove.
Si ripropone, altres, la questione del dualismo piano-progetto inteso come consecuzione o dilemma, coinvolgente la natura del piano urbanistico come generatore strategico di progetti oppure relegato al ruolo di sovrastruttura sterile: implica la capacit pubblica di focalizzare una visione strategica della citt e perseguirla con efficienti mezzi di governo del territorio e capacit operative pubbliche e private; ma riguarda anche la struttura ordinamentale della pianificazione: che consenta o meno la conciliazione del rapporto tra piano e progetto in una visione complessiva e condivisa della citt, e sia in grado di sostenere le suscettivit negoziali pubblico-private del piano. Il Convegno, sulle tematiche ordinamentali ha fatto cenno al caso della LR Lombardia 12/2005, la quale prevede, per la pianificazione urbanistica comunale (che resta il test fondamentale dellefficienza del sistema pianificatorio) un piano di governo del territorio strutturato con un documento di piano a carattere programmatorio, che individua gli obiettivi strategici prioritari della politica urbanistica dellAmministrazione; un piano delle regole che definisce strumenti e modalit per perseguire gli obiettivi e tipologie, funzioni, dimensioni e requisiti qualitativi degli interventi di sostituzione o di nuova edificazione; un piano dei servizi, che organizza linsieme delle attrezzature a supporto delle funzioni insediate; i rapporti tra i tre strumenti precisandosi nella verifica di coerenza dei processi di trasformazione urbana con le strategie urbanistiche e le politiche delineate nel documento di piano. Qui il problema da discutere se si tratti di un modello esportabile nel nostro Mezzogiorno.
Tema conclusivo in discussione, quello della Pianificazione strategica come processo sinergico, peculiare dei processi positivi di trasformazione urbana e territoriale: nelle esperienze recenti, il piano strategico si pone come patto tra responsabili e attori del governo della citt, in primo luogo gli Enti locali.
La visione generale che lo permea persegue due scenari simmetrici: il disegno politico dello sviluppo sociale ed economico di medio-lungo periodo; limmagine forte e fertile dellassetto dellambiente naturalistico e storico, come cornice e generatrice dei grandi disegni di qualificazione e valorizzazione sostenibile dei tessuti urbani, delleco-sistema e del paesaggio.


*ordinario della facolt
di Architettura dellUniversit
di Napoli Federico II e direttore del Dipartimento di Urbanistica



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news