LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - censimento e restauro dell'architettura moderna di qualit
ROSANNA PIRAJNO
VENERD, 20 LUGLIO 2007, la repubblica - Palermo


Il Dipartimento regionale si propone obiettivi di promozione e sostegno



--------------------------------------------------------------------------------

Poich gli esempi che si vedono in giro non forniscono risposte esaurienti, cosa si intenda per architettura moderna e se sia proprio necessaria la specifica "di qualit", resta un nodo irrisolto soprattutto per i tanti edifici che, non mostrando qualit alcuna, si ammassano nel vastissimo campo della edilizia corrente.

Eppure linterrogativo si impone, e per almeno un paio di ragioni: perch si discusso di "Restauro del moderno" in un recente convegno organizzato dal Dottorato in Progettazione della facolt di Architettura, e perch almeno due strutture di nuova istituzione, la Darc nazionale, Direzione generale per larchitettura e larte contemporanee e lomologo regionale Dipartimento architettura e arte contemporanea istituito nel 2006, si pongono lobiettivo di censire e rivalutare un patrimonio di opere che non ha goduto di considerazione adeguata al valore che da tempo gli viene riconosciuto dagli studiosi.

In verit, perch larchitettura antica si restauri e la nuova no se lo chiedeva gi nel 1981 lo storico dellarchitettura Renato De Fusco, portando a sostegno della questione la scriteriata demolizione a Bruxelles della Maison du Peuple di Victor Horta, capolavoro dellArt Nouveau.

Ci sono voluti quindi ventanni per capire quanta attenzione meritasse il problema sollevato a tutela della produzione architettonica che va dalla fine dellOttocento alla seconda guerra mondiale, quella che stata definita Movimento moderno o "tradizione del nuovo", per distinguerla dalla storia dellarchitettura di un passato pi remoto. Se la Darc ministeriale si ripromette di presentare entro il 2009 un esauriente censimento degli edifici di interesse storico artistico, fra quelli edificati dagli anni Cinquanta ad oggi, il Darc regionale si propone di affiancare alle tradizionali attivit di tutela, protezione e restauro dellantico nuovi obiettivi di promozione, sostegno e valorizzazione di architettura e arte contemporanea, per i quali nel 2007 delinea precisi criteri di scelta delle opere da segnalare.

E infatti la "Dichiarazione di importante interesse storico artistico di opere di architettura contemporanea", indirizzata ai sindaci di comuni e capoluoghi che dovranno stilare lelenco, fissa come obiettivo prioritario la promozione della qualit del progetto e dellopera architettonica e urbanistica, rivolto ad incidere sul tessuto urbano delle citt siciliane per qualificarlo o promuoverne la conservazione e la salvaguardia.
Obiettivi di alto profilo dunque, che accendono aspettative di rinnovamento positivi nella materia assai controversa degli interventi edificatori sul territorio, se non altro per il miraggio di un riconoscimento diffuso di "valore aggiunto" alla scienza architettonico-urbanistica. E poi perch potrebbe indurre il cittadino di bocca buona a guardarsi attorno con occhi pi critici, e magari a coltivare aspirazioni pi elevate riguardo alla costruzione di ambiente e paesaggio.
Finalit analoghe sono peraltro emerse nel corso della presentazione dei lavori del dottorato in Progettazione, ribadite da Cesare Ajroldi che lo dirige dopo la scomparsa di Pasquale Culotta, e da altri relatori per i quali, in particolare, il restauro atto creativo al pari del progetto del nuovo, affrontarlo con competenza assume valore di ricerca del "pensiero" degli autori sulle "questioni investite dal progetto", il ritrovamento di elementi linguistici, regole combinatorie, finanche "citazioni" usate nelle opere che si presentano come veri e propri monumenti della contemporaneit, porta alla certificazione del sistema di regole adottato e al suo proficuo utilizzo nelle fasi progettuali successive. In sostanza, la corretta interpretazione del patrimonio architettonico a noi pi vicino - a cui condurrebbero gli studi intrapresi e da proseguire per il censimento e il restauro del moderno - si configura come un bagaglio di conoscenze pi ricco per chi si accinga a progettare il nuovo, un "sapere" di teoria e pratica del moderno che tornerebbe assai utile ai troppi architetti contemporanei che operano ignorando le regole basilari per far coincidere idealmente, come pretendeva De Fusco, filologia e creativit, storia e progettazione, revival e opere che lo ispirano nei lavori che consegnano al giudizio della collettivit.
La mostra allestita in Facolt di Architettura, con i lavori dei dottorandi su opere di Spatrisano, Mazzoni, Samon, Pantano, Rovigo, Ajroldi e altri, progettate o realizzate in Sicilia tra gli anni Venti e i Cinquanta del Novecento, d la misura di una produzione architettonica e urbanistica notevole per qualit e valore di testimonianze perfettamente inserite nei filoni culturali del periodo, apparendo permeate di unaura di sobria compostezza che esclude, insieme ad una spettacolarit di forme allora impensabile, qualsivoglia riferimento a calligrafismi identitari o di derivazione "scolastica". E difatti limpressione che se ne ricava, a distanza di tempo e di scadente sovraffollamento edilizio nelle medesime citt, proviene da una sorta di serenit compositiva che gli edifici promanano, da una calibratura espressiva degli elementi che rimanda allo sforzo del Movimento moderno di edificare citt o quartieri nuovi, come si dir pi tardi, "a misura umana". Lobiettivo, come sappiamo tutti, stato vistosamente mancato ma peggiora la situazione il fatto che, nella furia edificatoria che ha ripreso fiato nelle aree libere e pregiate del territorio, non di architettura e neppure di edilizia "di qualit" si veda principio, e tutto il fiorire di mastodonti dai tetti pesanti e immancabilmente spioventi come nella migliore tradizione alpina, quanto sindaci e consulenti si troveranno a valutare per la segnalazione al Darc.
Ritenendo dunque opportuni e sensati i criteri tracciati dal medesimo per la catalogazione del moderno di valore, non si imporrebbe anche la questione della "demolizione" del moderno che, non rientrandovi, deturpa i nostri siti e affligge i nostri sensi estetico-pragmatici? Come la mettiamo allora per i "mostri" a cui manchino quei presupposti di valore di qualit allinterno del contesto territoriale in cui realizzato? Se siamo certi di potere inserire in catalogo senza sfigurare, tanto per fare un esempio, la piscina olimpionica comunale realizzata nel 1973 su progetto di Gianni Pirrone, in quale elenco collocare il massiccio e confusionario palazzetto dello sport che hanno edificato appena fuori Cefal, senza preoccuparsi n del Progetto del Moderno n del Paesaggio dellArchitettura n del Paesaggio tout court?
Chiss, forse bisogna re-imparare a "saper vedere" larchitettura, magari cominciando da questi buoni e trascurati esempi del Moderno disseminati nelle citt siciliane, per poi imparare a pretendere una architettura pubblica e privata "di qualit" e star meglio tutti.



news

17-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news