LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lultimo gelato di Vittoria. Le battaglie per salvare un bar entrato nella storia di Capri
CHIARA BERIA DI ARGENTINE
La Stampa ed. on line 15-07-2007

Ci ha mandato una lettera: Dovete lasciare il bar. Tre anni per sgomberare. Abbiamo messo un avvocato, parlato con il Comune. I nostri amici e clienti hanno organizzato una raccolta di firme: tutto inutile. Sono andata a parlargli. Mi ha ricevuto nel suo studio, in via delle Botteghe. Mi dispiace, mi serve il locale, mi ha detto. Gli ho chiesto che cosa ne vuol fare visto che come dice lui un signore. Ha tante di quelle propriet a Capri da mettersi le mani in testa. Mi ha risposto che a me non doveva interessare. Cos, a giugno dellanno prossimo abbiamo lo sfratto. Mio figlio dice che devo reagire, non credo che ce la far. Vede queste mattonelle? Vede questi chiodi per appendere i limoni? Li ha messi mio padre. Capri non sar pi la stessa senza il bar Scialapopolo. Ha le lacrime agli occhi, Vittoria Spataro. Per la proprietaria del piccolo bar Scialapopolo, locale storico di Capri in via Vittorio Emanuele, vicino alla piazzetta del Quisisana, questa rischia di essere lultima estate dopo pi di 40 anni passati a deliziare i vacanzieri.

Le origini
Scialate popolo! Non badate alle spese e agli affanni. Oltre le lussuose vetrine, contese a colpi di milioni di euro dalle pi prestigiose griffe della moda e delloreficeria, al fondo di una stradina ignorata dalla fiumana di turisti c la casa (soggiorno, cucina, camera da letto e terrazzino) di Vittoria. Erede orgogliosa di una famiglia amata da tutta Capri, i Costanzo, detti gli Scialapopolo da quando il nonno Francesco vendeva alle donne dellisola, senza mai tirare sul prezzo, cotone ed elastici per le mutande. La fine del bar di Vittoria narra del tramonto della Capri autentica, ormai sconfitta dallinsensibilit dei troppo ricchi e dagli affari dei bouticcari.

Nel 1949 - racconta la barista - mio padre Costanzo, che a Capri era un numero uno, per far campare i suoi sette figli e i sette figli di sua sorella chiese allavvocato Adinolfi di poter affittare un suo piccolo deposito di legna per farci un bar. Due anni di lavori, un prestito da restituire. Nel 1952 Costanzo inaugura il suo minuscolo capolavoro, non pi di un metro e mezzo per due dietro il bancone, 15 ripidi gradini per scendere nel locale laboratorio. E un suo grande amico, Mario, ad aiutarlo a decorare il bar con disegni, lumini e tralci di limoni. Tutto il loro mondo in quel piccolo bar, pi ingenuo che kitch. Ricorda Vittoria: Mamma Carmelina aiutava a fare i gelati. Tonino e Anna, i miei fratelli, stavano al banco, laltra sorella doveva accudire alla casa. Dopo la terza elementare io andavo a cucire in un negozio: mi pagavano 50 lire la settimana. Un anno, per la processione di san Costanzo (E bellissimo. Abbiamo dato un sacco di soldi alla chiesa per farlo restaurare, dice), voleva comperarsi un paio di scarpe rosse. Erano bellissime - prosegue Vittoria - costavano 500 lire. La padrona non mi diede il salario. Allora andai anchio a lavorare al bar, mamma diceva che ero un maschio-femmina: sapevo farmi rispettare.

Le star
Per Alberto Sordi una spremuta darancio, per Vittorio Gassman un gelato di pesca, a Lucia Bos il cocomero. Sfoglia, Vittoria Scialapopolo, i suoi album di fotografie, tante serate capresi, tanti volti famosi: da Danny De Vito a Renzo Arbore, da Liza Minelli a Naomi Campbell con Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Tutti flash di assoluta golosit. Il bicchiere usato da Jacqueline Kennedy per bere unaranciata lei lo ho conservato come una reliquia. Il bar tutta la mia vita e si commuove. Su e gi da quei 15 scalini allet di 26 anni sinnamor di un loro lavorante, venuto da Pompei, di nome Franco. Fra sorbetti e gelati sono nati due figli e tre nipotini. Nel 1962, il padre Costanzo muore, dellamato bar di famiglia si occupa lei. Con Franco abbiamo portato avanti il bar come voleva mio padre. Se un bambino aveva solo 15 lire per un gelato che costava 20 glielo davamo lo stesso. A san Costanzo, come ha sempre fatto pap, regaliamo i gelati con i palloncini. Nostalgia. La mia vita passata cos. Al bar fino alle 6 di mattina. Ai nottambuli prepariamo i nostri panini con una famosa salsetta al basilico. Altro che hot-dog. Quanti bei vestiti, quanti bei gioielli ho visto nelle mie lunghe notti capresi. Alla mia generazione quando si parla di Capri vengono le lacrime agli occhi, confessa Vittoria.

Proprio non gli piaciuta (a Capri ci siamo tutti arrabbiati) la fiction tv della Rai intitolata allisola. Lei conosce altre storie damore. E tratteggia quella di Carmelina. Era la donna pi bella di Capri - racconta - dicevano fosse lamante di re Vittorio Emanuele. Un giorno, si tolse la sopragonna con i merletti, rimase in camicia e mutandoni e si butt in mare. Fu Carmelina che insegn a suo padre a suonare la tamburra (ha un suono diverso dal tamburello, femmina non maschio) e i passi della tarantella, laltra grande passione del clan Scialapopolo (tra fratelli e nipoti sono quasi cento). La ballano alle feste nelle ville e, dinverno, sulle navi in crociera. La tarantella come il bar non deve morire, labbiamo nel sangue. Sono le nostre tradizioni, dice Vittoria. Un manipolo di pallidi e affannati turisti giap passa davanti al bar Scialapopolo (un gelato costa 2 euro, 5 euro per una vodka al limone). Clic, una foto molto folk e via. I giapponesi non mangiano gelato, arrivano con le loro bottigliette di minerale e ripartono.

Le eredit
Fine della storia. Versione di Vittoria: Lavvocato Adinolfi amava molto pap. Scialapopolo, ma chi ti caccia, questa roba mia, rispose quando pap gli chiese di rinnovare il vecchio contratto del 1952. Poco tempo dopo mor mio padre e anche lavvocato, dinfarto. I suoi beni passarono alla moglie, una Rodriguez della famiglia degli aliscafi. Non avevano figli, cos quando anche la signora scomparsa ha ereditato tutto, compreso il nostro bar, un suo nipote, Eugenio Rodriguez. E lui che ci ha dato lo sfratto. Chiude, Vittoria, lalbum dei suoi ricordi. Aprire da unaltra parte? E chi ci d tanti soldi? Dovremmo vendere la casa, dice sconsolata. Per il bar dei generosi Scialapopolo non c pi posto a Capri.Salvo per un miracolo di san Costanzo.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news