LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Serve chiarezza sui beni statali
Ledo Prato
Tempo 18/12/2002

Tempo di convegni e seminari. Se daranno un contributo alla chiarezza, se indicheranno la via da perseguire, sar stata una stagione feconda. Dopo il seminario di Napoli promosso dalla Confndustria e dal Premio Impresa e Cultura, in cui le questioni prevalenti hanno riguardato la leva fiscale come strumento per promuovere l'intervento dei privati, a Firenze si sono successivamente confrontati i rappresentanti del Ministero, delle Regioni e dei Comuni con il contributo degli imprenditori. Toni misurati e molto merito. A partire da Urbani che in quella cornice ha fatto due dicniarazioni interessanti: la costituzione di un comitato di esperti per affrontare alcuni nodi delicati : (che indicheremo pi avanti) e la individuazione delle Fondazioni quale strumento pi idoneo per affrontare il tema dei rapporti fra pubblico e privato. Cominciamo dalla prima. Pi volte su questo giornale abbiamo evidenziato che tra stato, regioni, province e comuni dopo il nuovo testo costituzionale contenuto nel Titolo V, andavano cercate forme di relazione che potessero scongiurare un permanente conflitto senza sbocchi. Ora il Ministro sembra passare all'azione costituendo un comitato di esperti con il compito di definire compiutamente il ruolo di ciascuno e, di conseguenza, i terreni di collaborazione. In questo ambito andranno affrontati i nodi relativi alle politiche di fruizione e valorizzazione del patrimonio, senza dimenticare la gestione dei beni statali che, con la normativa vigente, pu essere trasferita appunto a regioni, province e comuni. Su questo versante specifico continuo a ritenere che sarebbe opportuno che il ministero indicasse chiaramente quali ritiene siano i beni di interesse statale, per i quali non prevede il trasferimento della gestione.
Una tale soluzione sgombrerebbe il campo al lavoro del comitato di esperti che, in caso contrario, rischia, sul tema, di fare la fine della cosiddetta commissione paritetica che da anni discute senza arrivare ad una conclusione apprezzabile.
Altro tema affidato agli esperti quello relativo al rapporto fra pubblico e privato. Crocevia di dispute ideologiche ormai da decenni. Da quando cio la fruizione del beni culturali non stata solo appannaggio di cultori ed esperti ma di milioni di persone. Qui l'assenza di un economista della cultura potrebbe condizionare l'esito dei lavori. Perch per affrontare questo tema bisognerebbe non solo preoccuparsi del quadro giuridico ma anche di una analisi delle esperienze fin qui fatte. Magari tenendo conto delle stesse affermazioni del Ministro a proposito di una solare verit: con la gestione dei beni culturali non si fanno profitti. Da tempo andiamo sostenendo che senza una politica organica di incentivi, di sostegni assai poco probabile che si formi la fila degli imprenditori dietro la porta di Urbani. Per intanto accontentiamoci di quanto il Ministro ha detto a proposito delle Fondazioni, indicate come il primo livello al quale si pu guardare con efficacia per sviluppare il rapporto tra pubblico e privato. L'esperienza che presto prender il via a Torino con il Museo Egizio sicuramente un buon segnale. Qui sono stati coinvolti regione, provincia, comune, fondazioni bancarie, oltre al ministero. Presto dovrebbero fare il loro ingresso anche le imprese. costato tempo, fatica e pazienza ma ora siamo sul punto di partenza. Cos come dovrebbe avvenire in Campania con la Reggia di Caserta, Castel Sant'Elmo, la Certosa di Capri se non faranno resistenza piccoli interessi di bottega, al centro come in periferia.
Ma la lista dei pretendenti gi fitta. A Ravenna sono pronti con la Fondazione per Sant'Apollinare in Classe, a Roma con i Fori e cos via. Ora, se la Fondazione una via possibile, due cose si potrebbero fare. Procedere laddove le condizioni ci sono, senza attendere ulteriormente. Rivedere la Convenzione a suo tempo stipulata tra Ministero e Confindustria per orientare gli impegni delle parti a favore dell'uso di questo strumento. In altri termini torna la vecchia questione: le riforme si fanno dall'alto o accompagnando i processi l dove essi si sviluppano?



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news