LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. La nostra collina, un bene da tutelare
Andrea Emiliani
Il Resto del Carlino 15/6/2007

Il paesaggio italiano in crisi: viva la Costituzione! La nostra Costituzione repubblicana, progettata nel corso del '47 e approvata l'anno successivo, conta sessant’anni. Nel suo dettato i problemi dell'arte e della scienza si appoggiano su quell'articolo 9 che già allora, con la sua moderna interpretazione, richiamò tra i nostri doveri anche il più grande problema italiano, e cioè il paesaggio. Possiamo dire, così, che la Costituzione, come ha dimostrato in numerose occasioni, ci difende proprio sul piano di una intelligente totalità di azione intellettuale e giuridica. Gli estensori del testo, i padri costituenti, erano politici e studiosi di riconosciuta qualità. Dal latinista Concetto Marchesi allo scrittore e politico Emilio Lussu, essi affrontarono anche l'altro articolo, il 117, che nel 1974 doveva iniziare a mettere in movimento il sistema delle deleghe culturali alle Regioni.
Il progetto di una migliore intelligenza decentrata e locale dei beni storici e artistici si fermò purtroppo a quel punto, ed è forse bene così, visto il disprezzo con il quale molti Comuni italiani si avviano oggi a distruggere proprio il loro paesaggio. Il ministro Rutelli, all'atto di rilevare il ministero dei Beni culturali, ha imperniato una serie di impegnative opinioni attorno al nodo della tutela del paesaggio. E una volta ancora ha citato proprio l'articolo 9 della Costituzione. La materia di cui questo articolo fondamentale è costituito affiora molto chiara dalla stessa storia italiana: le prime parole di una possibile legge furono quelle che Baldasar Castiglione, sotto la dettatura dell'amico Raffaello, vergò in un'importante Lettera indirizzata al Papa Leone X nel 1519 circa. Il tema centrale era costituito dalla salvezza di ciò che rimaneva della 'forma' di Roma antica. Dal Cinquecento in poi tutti gli Stati pre-italiani, da Roma a Venezia, da Napoli a Firenze, incominciarono a gettare le basi per la creazione di leggi tali da difendere il patrimonio artistico, letterario e anche paesaggistico. Per esempio, correva l'anno 1603 quando i Medici di Firenze approvarono la creazione di 'vincoli' sulle opere dei diciotto maggiori pittori che avevano dipinto nella città. Da quasi mezzo secolo Bologna ha saggiamente 'vincolato' la sua bellissima collina. La legge nazionale italiana nacque tra il 1902 e il 1909. Ma è utile sottolineare anche il fatto che fu una furiosa polemica scoppiata attorno alla possibile distruzione della Pineta di Ravenna a far nascere le prime regole di sicurezza del paesaggio italiano. Era il 1913 e neanche dieci anni dopo Benedetto Croce, nella sua breve stagione parlamentare, riconfermò e migliorò la legge. Non ci rimane altro che sperare nei grandi uomini, e nella memoria di Raffaello e di Benedetto Croce.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news