LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura invisibile per i giovani
Gaia Giorgio Fedi
Italia Oggi 22/09/2003

A quanto pare l'arte c', ma non s vede. O meglio: per gli abitanti di molte citt d'arte italiane il patrimonio culturale locale invisibile. Musei, chiese e palazzi storici non esistono se non in una dimensione ridotta, come semplici punti di riferimento da indicare al turista smarrito o all'amico in visita. La partecipazione alla vita culturale cittadina tocca i livelli pi alti al Nord: con il 85% a Reggio Emilia e l'83% a Verona; pi bassi al Centro, con il 76% a Siena e il 72% a Firenze; decisamente deboli al Sud, con il 63% a Lecce e il 50% a Matera.
Il fenomeno stato analizzato da una ricerca svolta dall'osservatorio impresa e cultura, commissionato dal Centro promozione e servissi della citt di Arezzo e che verr presentato il 25 settembre nel corso della IV edizione di Museum Image. Lo studio, focalizzato in particolare su giovani tra i 14 e i 28 anni, si occupato di indagare sul sistema di percezione e di motivazioni del cosiddetto non pubblico dei musei, cio di coloro che non concepiscono i luoghi di cultura come parte integrante quotidiana, della propria citt. Di coloro che in sostanza ritengono che la vita sociale l’intrattenimento e il divertimento siano altrove. Le citt prese in considerazione, dotate tutte di un patrimonio artistico rilevante, sono sei,
suddivise per area geografica, Verona e Reggio Emilia per il Nord, Firenze e Siena per il Centro, Lecce e Matra per il Sud. L’obiettivo dichiarato dell’inchiesta non tanto quello di fornire un insieme di dati statistici, quanto piuttosto di estrapolare una serie di indicazioni utili per permettere alle istituzioni e agli operatori locali di elaborare progetti di promozione culturale. La ricerca rileva come la scarsa motivazione dei giovani nei confronti del patrimonio artistico sia dovuta a una bassa esposizione all'offerta culturale; pi semplicemente, alla scarsa esperienza culturale. Impiegando un meccanismo mutuato dalla teoria economica di Stigler e Becker (1965), si pu dire che il consumo culturale dipende dal volume del consumo culturale passato. Questo significa che andrebbe attivata, possibilmente in anni precoci, un'esperienza diretta del consumo culturale, per plasmare cos futuri consumatori. Specificando meglio il concetto stesso di consumo Culturale, l'indagine evidenzia come i giovani siano divoratori di musica e spettacoli cinematografici, ma decisamente timidi quando si tratta di avvicinarsi a forme d'arte pi tradizionali; some visite a musei biblioteche, sale da concerto, teatri. Una delle soluzioni prospettate, gi sperimentata con risultati incoraggianti quella di modernizzare i materiali culturali canonici, con un adattamento di supporto e delle modalit di diffusione. Per risvegliare l’interesse e la curiosit dei giovani il museo deve trasformarsi in un luogo esperienziale, in cui le persone possono incontrarsi e darsi appuntamento. questa la natura del museo vitale che pu permettere all’identit artistica urbana di riaffiorare nella quotidianit. E permettere all’arte di tornare visibile.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news