LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BAGNOLI - Altre quattro ipotesi scartate per incompatibilità con il piano urbanistico
LUIGI ROANO
10/06/2007 il mattino



AREA OVEST LO SVILUPPO



Marine di Napoli, Onda Azzurra e Porto Partenope sono le tre società che hanno superato la selezione del comitato portuale per il progetto del porto canale di Bagnoli. A partecipare erano in sette ma secondo l’organismo presieduto da Francesco Nerli solo questi tre sono compatibili con il Pue (Piano urbanistico esecutivo) della zona occidentale. Nella sostanza è il primo passo del lungo iter burocratico per arrivare a definire come sarà il disegno dell’approdo nell’area ex Italsider. Ora la scelta passa alla conferenza dei servizi che dovrebbe essere indetta nella prossima settimana. La conferenza non è «decisoria», l’ultima parola spetterà alla Bagnolifutura. Come sono questi tre progetti? Quello di Marine di Napoli, società che fa capo al presidente della Camera di Commercio Gaetano Cola, amministratore delegato Giulio Marconi è firmato dall’architetto Maria Elisabetta Persico, il professionista che ideò il progetto del sogno Coppa America a Bagnoli e che ha disegnato per gli svizzeri di Alinghi la parte di approdo a Valencia dove alloggia il patron Ernesto Bertarelli. «È una darsena della vela - spiega la Persico - compatibile con il Pue, anzi, nel nostro progetto ci sono dei giardini che digradano nella darsena, aggiungiamo del verde, i posti barca sono 500. Lo specchio d’acqua della nuova darsena deve costituire un completamento paesaggistico con la stessa spiaggia, la baia antistante ed il grande parco verde». Onda Azzurra è presentato da Salvatore Colella gestore dei pontili galleggianti di fronte a Nisida, proprietario dei cantieri Manò Marine. Il progetto si rifà al piano del Comune che prevede un’opera di sbancamento e dragaggio di 370 metri per addentrarsi lungo la linea di costa, con interruzione della strada di Coroglio. Il progetto di Porto Partenope è ideato da una società di 24 aziende nautiche. Prevede la realizzazione di una cittadella della vela con il sodalizio velico Circolo Italia. È un piano firmato dagli architetti Giuseppe Capuozzo e Fiammetta Adriani, che esclude nuova cementificazione, prevede il porto addossato al pontile Nord fin quasi alla sua metà, e un uso delle strutture esistenti per creare al loro interno una galleria commerciale e tutti i servizi indispensabili. «Va considerato - dice Fiammetta Adriani - che il tracciato costiero di via Coroglio non verrebbe interrotto bruscamente all’altezza dell’area portuale, così come avviene nel progetto del Comune bensì continuerebbe costeggiando la darsena interna per riallacciarsi alla passeggiata a mare del Pontile Nord». Lo sbancamento dentro la linea di costa è per 110 metri sì da offire un impatto minore. Ma, soprattutto, non verrebbe interessata la colmata a mare. Lo specchio d’acqua della darsena, sarà di meno di dieci ettari con una profondità all’ingresso non inferiore ai sei metri, permettendo un agevole ingresso a barche a vela di qualsiasi dimensione.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news