LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, tre dipartimenti e addio al segretario generale
Il Sole 24 ore 20/09/2003

ROMA • II ministero dei Beni culturali cambia volto: vengono creati tre dipartimenti, a cui risponderanno le attuali direzioni generali, si prevede l'istituzione di sportelli al pubblico in ogni provincia, le decisioni circa l'imposizione di vincoli sono affidate a organi collegiali formati dai soprintendenti competenti nel territorio, viene rafforzato il ruolo dei soprintendenti regionali mentre scompare la figura del segretario generale del ministero, che finora ha avuto compiti di coordinamento dell'intera macchina amministrativa dei Beni culturali.
Il segretario generale, cos come anche i soprintendenti regionali, sono profili introdotti alla precedente riforma — "vecchia" di soli tre anni (si tratta del Dpr 441/2000) e voluta dall'allora ministro Giovanna Melandri — che secondo il responsabile dei Beni culturali, Giuliano Urbani, ha, alla prova dei fatti, mostrato la corda, generando un minestrone — cos l'ha definito il ministro — nel quale dovevamo mettere ordine.
La profonda risistemazione ha veste di decreto legislativo e ieri ha ricevuto il primo si del Consiglio dei ministri. Una volta incassato il parere della Commissione parlamentare bicamerale per la riforma amministrativa ed essersi sottoposta a un secondo e definitivo esame di Palazzo Chigi, la riforma diventer pienamente operativa.
Le novit di maggior rilievo sono la soppressione della figura del segretario generale (incarico ora ricoperto da Carmelo Rocca), che sulla carta doveva essere il motore dell'intero ministero lasciando al ministro soprattutto la responsabilit politica, e la creazione dei tre dipartimenti. Fino all'altro ieri la riforma ne prevedeva quattro — era contemplato anche il dipartimento per gli archivi e le biblioteche, ora transitato sotto quello delle antichit, le belle arti e il paesaggio — ma le esigenze di spesa hanno imposto un taglio.
Oltre al dipartimento per le antichit, le belle arti e il paesaggio — per volere di Urbani stato rispolverato per l'occasione quello che era il vecchio nome del ministero, aggiungendovi la tutela paesaggistica — sono stati istituiti il dipartimento per lo spettacolo e lo sport e quello per la ricerca e l'innovazione. In particolare, quest'ultimo rappresenta, secondo Urbani, il cuore della riforma, la chiave di volta per modernizzare un'amministrazione di grande tradizione e qualit specialistica, che per deve essere sempre pi efficiente e sempre pi attenta ai bisogni dei cittadini.
Al nuovo dipartimento faranno capo gli istituti centrali che si occupano della ricerca (l'Istituto per il catalogo, quello per il restauro, quello per la storia dell'arte, l'Opificio delle pietre dure), la dilezione del personale e, inoltre, verr creato un ufficio servizi, con compiti di promozione delle attivit del ministero e di miglioramento dei servizi di accoglienza dei musei. All'attivit dell'ufficio servizi si affiancher quella dei neonati sportelli provinciali, che svolgeranno attivit di relazione con il pubblico.
Infine, ai soprintendenti regionali — la cui figura, nonostante le previsioni del Dpr 441, era rimasta una "scatola vuota" — vengono conferiti poteri di coordinamento e di gestione.

Antonello Cherchi


La revisione

Le linee portanti della riorganizzazione al Beni culturali

I dipartimenti. Le attuali direzioni generali passano sotto il controllo di tre dipartimenti: uno per le antichit, le belle arti e il paesaggio (al quale fanno capo anche gli archivi e le biblioteche), un altro per lo spettacolo e lo ' sport, l'ultimo per la ricerca e l'innovazione. I capi del dipartimenti rispondono direttamente al ministro

II segretario generate. Questa figura, previste dalla riforma di appena tre anni fa (il Dpr 441/2000), scompare. Era stato concepito come II cervello amministrativo dell'apparato ministeriale e avrebbe dovuto fungere da filtro tra il ministro e il resto degli uffici

I soprintendenti regionali. Anche queste figure sono state introdotte dalla riforma del 2000 con compiti di coordinamento dell'attivit delle soprintendenze, degli archivi e delle biblioteche statali di una stessa regione. Nella pratica, la loro funzione non mal stata ben definita. Ora vengono dotati di maggiori poteri gestionali

Uffici provinciali. In ogni provincia vengono istituiti sportelli dei Beni culturali per le relazioni con il pubblico



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news