LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuovo naviglio per lexpo a Milano
Alvaro Ranzoni
Panorama 14/6/2007

Il capoluogo lombardo il pi serio candidato all'Esposizione del 2015. Un evento da 7 miliardi che potrebbe cambiare faccia alla metropoli.


Milano Esposizione universale del 2015 : questa gara l'Italia la deve vincere. Dopo tante occasioni perdute come le Olimpiadi del 2004 (Atene), l'Esposizione internazionale del 2008 (Saragozza invece di Trieste), la Coppa America di vela (Siviglia) e gli europei di calcio del 2012 (Ucraina e Polonia), una sconfitta per l'Expo universale, quella per capirsi che dette a Parigi la Tour Eiffel, sarebbe imperdonabile. in ballo un giro di affari di 7 miliardi di euro con relativo indotto, 30 milioni di visitatori e 65 mila posti di lavoro a Milano e provincia, secondo i calcoli della Camera di commercio. Ma soprattutto il destino, almeno quello urbanistico, turistico e di immagine, di Milano.
Perch una cosa certa: l'Expo universale, che non una fiera ma una kermesse cultural-promozionale con ingenti ricadute economiche, cambia il volto delle citt in cui si svolge. Stavolta pare che lo abbiano capito tutti. Dal sindaco di Milano Letizia Moratti, capofila in questa battaglia per la sua citt, al presidente della provincia Filippo Penati, dal governatore Roberto Formigoni ai ministri degli Esteri Massimo D'Alema e del Commercio estero Emma Bonino, fino al presidente del Consiglio Romano Prodi, tutti uniti, al di l delle divisioni politiche, per vincere questa battaglia. Anzi, questo duello, perch l'unica altra seria concorrente la citt turca di Smirne.
Gi da qualche mese in corso una pressante operazione di lobbying in vista della decisione che sar presa nel marzo 2008 nella sede di Parigi del Bie (Bureau international des expositions), organismo costituito nel 1928 comprendente oggi 98 paesi di cui non fanno parte gli Stati Uniti. La procedura puntigliosa e solenne.
Nei giorni scorsi il presidente e il segretario del Bie, Jianmin Wu (Cina) e Vicente Gonzalez Loscertales (Spagna) sono stati ricevuti dal presidente Giorgio Napolitano, da Prodi e da D'Alema, hanno visto i progetti, valutato la seriet delle intenzioni italiane, suggerito qualche variazione.
Moratti, oltre a corteggiare la cinquantina di consoli stranieri di Milano, non manca di spingere la candidatura in ogni suo viaggio all'estero. Roberto Formigoni volato in Salvador, Costa Rica e Nicaragua. Il sottosegretario agli Esteri Bobo Craxi, al quale stato affidato dalla Farnesina il compito di seguire la candidatura, ha viaggiato parecchio, anche nei Caraibi e nei paesi del Golfo (molti membri del Bie sono paesi minuscoli, ma il loro voto conta quanto quello dei grandi).
l'opportunit per Milano, dopo quello che avvenuto 15 anni fa con Tangentopoli, di riscattare la sua immagine e riprendersi il posto che le spetta nella considerazione internazionale afferma Craxi. Ed un'ottima occasione per tutto il Paese, che non ospita una manifestazione di questo livello dai Mondiali del 1990 aggiunge.
Lo assiste, come coordinatore generale della candidatura Milano Expo, uno dei pi esperti ambasciatori, Claudio Moreno, che ha gi visitato una quarantina di paesi del Bie e porter a termine il giro, quasi completo, prima del marzo prossimo. Il tema scelto per la candidatura di Milano spiega Moreno la sintesi dei problemi cruciali del mondo: Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. E converge con gli obiettivi del progetto dell'Onu per il millennio
L'Expo 2015 di Milano sorger in un'area di 1,7 milioni di metri quadrati nel nuovo polo fieristico di Rho-Pero, a nord-ovest della citt, scelto anche per gli eccellenti collegamenti stradali e ferroviari, gi oggi in grado di movimentare gli oltre 160 mila visitatori previsti ogni giorno per i sei mesi di durata dell'esposizione.
I visitatori potranno raggiungere l'Expo anche attraverso due itinerari cultural-paesaggistici di una ventina di chilometri ciascuno che partiranno entrambi dal cuore della citt, la Darsena. Si tratta di una via di terra e una via d'acqua che come due braccia ingloberanno il tessuto urbano. La via di terra, percorribile con mezzi pubblici ecologicamente avanzati, toccher il parco delle Basiliche romane, l'Universit, il progetto Garibaldi-Repubblica con il parco Biblioteca degli alberi, il Cimitero Monumentale, il Parco Sempione e il Castello Sforzesco (che ospit l'Expo Mondiale del 1906) per attraversare il quartiere storico della Fiera, trasformato dal progetto City Life, e dirigersi verso l'Expo attraversando una serie di aree a parco e paesaggi riqualificati della cintura esterna della citt: il Monte Stella, l'Ippodromo con il cavallo leonardesco e la zona di San Siro, il Parco di Trenno e il Bosco in citt.
Ma la via d'acqua il progetto pi innovativo. Milano, il nono polo economico del mondo, in realt una citt d'acqua e di agricoltura dice l'architetto Giancarlo Tancredi, responsabile dei progetti strategici dell'assessorato allo Sviluppo del territorio.
La nuova via non sar un canale di 20 chilometri interamente navigabile, anche a causa di un dislivello di circa 20 metri tra la citt e l'Expo che renderebbe troppo lungo per i visitatori il tempo per superare le inevitabili chiuse. Piccoli tratti navigabili si alterneranno a tratti da percorrere a piedi, in bicicletta e, volendo, a cavallo. Il tutto in un parco naturale quasi interamente da costruire o riqualificare, pieno di giochi di acqua e di luce, opere d'arte, spazi verdi, aree per il riposo.
Si parte dalla Darsena e dai primi 4 chilometri dello storico Naviglio Grande, di epoca leonardesca, che sar riqualificato nel fondale, negli argini e nei percorsi laterali. Dopo un momento di rottura inevitabile, perch il naviglio prosegue verso sud mentre l'Expo a nord, il percorso d'acqua continua con elementi gi presenti come il canale deviatore dell'Olona che sar interamente ristrutturato.
Da questo punto sar scavato un nuovo canale, anche questo parzialmente navigabile, che raggiunger l'Expo, sempre fiancheggiato da parchi e zone attrezzate.
Milano stata sempre all'avanguardia delle tecniche dell'uso dell'acqua per l'agricoltura ricorda l'architetto Tancredi. Fin da quando i monaci cistercensi nel XII secolo inventarono pratiche agricole che dettero luogo alle marcite e alle risaie allagate aggiunge.
Percorrendo la via d'acqua si vedranno riproduzioni di macchine leonardesche, ma anche piccoli campi scuola dove i visitatori potranno vedere i metodi di coltivazione inventati nel Milanese e validi ancora oggi.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news