LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biennale. Geografie dell'emozione con contrappunti fatali
Arianna Di Genova
Il Manifesto 8/6/2007

Il viaggio in Laguna parte sotto un cielo plumbeo e un'afa che quasi spezza il respiro. Ma tutti lo sanno da tempo: a Venezia l'arte pesa come un macigno. Lo dimostra anche il trittico di cataloghi (Marsilio) che l'edizione 2007 della Biennale mette a disposizione del visitatore. Gli esperti del vernissage conoscono un trucco che applicano da anni: fare il giro dei padiglioni nazionali ai Giardini (questa volta c' una sorpresa, una pioggia di magliette di ogni colore, gadget globalizzato, dalla Russia all'Africa) per farsi regalare le loro borse in tela; la caccia a questo bene di lusso feroce, perch dopo neanche due ore di sbarco alla kermesse il flaneur dell'arte si ritrova con circa dieci chili di libri da trascinarsi dietro. Ancrte in questo giugno sonnacchioso e incerto, la polemica che inevitabilmente accompagna ogni Biennale si affaccia inesorabile: indiretta e colpisce il cosiddetto padiglione africano e la mostra Check List, ovvero il fiore all'occhiello del direttore Robert Storr, che nei mesi scorsi aveva lanciato un concorso per affidare l'immagine degli artisti africani a curatori che avessero un progetto convincente e affrontassero i nodi dell'Africa contemporanea.
Il puzzle del continente nero
I vincitori sono arrivati e sono di tutto rispetto (dall'AngoIa Fernando Alvim, e dal Camerun Simon Njami) come gli artisti che espongono (molti dei quali presenti gi nell'itinerante Africa Remix); ma non cos il collezionista di Luanda da cui provengono le opere, Sindika Dokolo, il cui padre avrebbe dato vita alla banca di Kinshasa, speculando sulla rovina del Congo e fondando la sua fortuna in maniera non proprio trasparente, fra intrecci politici e traffici illeciti. Gli artisti, tuttavia, sono innocenti e di fatto, in un puzzle africano dove non ha alcun senso interrogarsi sulle dinamiche fra centro e periferie - spiega Simon Njami - raccontano frammenti di un mondo che a volte costretto a abdicare a se stesso. Qualcuno lo fa con ironia e produce il cortocircuito vitale della metamorfosi ormai avvenute: una per tutte, Zoulikha Bouabdellah che sceglie semplicemente la sua pancia da inquadrare (nel video di Dansom, 2003). Balla la danza del ventre, avvolta in un pareo con la bandiera francese e il sottofondo la Marsigliese.
L'inno francese va molto quest'anno a Venezia: l'uso pi inedito l'ha regalato, ai Giardini, il norvegese Lars Ramberg. Ha installato davanti al padiglione nordico, disegnato da Alvar Aalto, tre toilette chimiche, rossa bianca e blu, con le scritte libert, egalit, fraternit e un ambiguo cartello per invitare maschi e femmine a condividere lo stesso servizio. Dentro risuonano le note della Marsigliese. Risultato, dopo nemmeno un'ora dall'apertura della vernice, molti le avevano usate realmente, nonostante non si chiudessero le porte, facendo disperare gli addetti al padiglione. Che per potevano rilassarsi all'interno, grazie a Jacob Dahlgren, al quale si deve il montaggio a parete di centinaia di tirassegni.
Per il resto, i Giardini, con le partecipazioni nazionali, confermano le previsioni della vigilia. La Francia sbanca limmaginario con Sophie Calle (curatore Daniel Buren, sponsor Chanel) e il suo Abbia cura di s, cento e pi interpretazioni di una lettera di rottura affidate da donne di estrazione diversa e di differente background. C' chi canta, chi piange, chi ride, chi legge la missiva, chi la strappa ma poi, in un numero di prestidigitazione, la fa tornare intera, chi (la giocatrice di scacchi) vede tutto come una partita e cerca strategie alternative. Ci sono la nostra Luciana Littizzetto che viene colta di sorpresa dall'addio mentre pela prosaicamente le cipolle in cucina, e la giornalista Florence Aubernas che invita all'archiviazione di una lettera da pattumiera perch non nasconde nessun delitto, dunque risulta ininfluente per la sete macabra dei media. Compare, fra le interpreti, anche Monique, la madre dell'artista che esorta la figlia a non essere triste e ad applicare il famoso chiodo scaccia chiodo. Lei, la signora Monique, la ritroveremo poco dopo dentro il padiglione Italia ai Giardini, nel percorso che fa parte della mostra allestita da Storr, Pensa con i sensi, senti con la mente. Sophie Calle, invitata anche qui, ha reso omaggio alla madre morta prima dell'evento veneziano. E lo ha fatto a modo suo, con una registrazione diaristica degli ultimi desideri (vedere il mare, il pedicure, la scelta dell'epitaffio, la musica) e l'ultimo sorriso, fino a presentarla ai visitatori in un video, nei minuti finali della sua esistenza, e poi morta e serena. Ci si sente come intrusi a un capezzale affettivo, ma qui l'assunto di Storr - guardare facendo appello anche ai sentimenti- pienamente raggiunto. Non soltanto Sophie Calle a essere cos autobiografica nelle sue affabulazioni. La vicina di casa Tracey Emin, tailleur bianco e in vista il reggiseno nero ricamato, al padiglione inglese propone Borrowed Light, un album di schizzi molto intimo che trasuda tutta l'angoscia di una biografia difficile come quella vissuta dall'artista, nata a Londra (1963), padre turco-cipriota, madre inglese abbandonata dal marito e una infanzia di povert assoluta, che la condurr verso orge a base di sesso e alcool, fino alla resurrezione grazie allo studio e all'arte. Nulla taciuto, qui, dagli aborti ai pensieri osceni; ma tutto viene cucito insieme con grande leggerezza.
La scorsa edizione il Leone d'oro and alla francese Annette Messager e quindi immaginiamo che in ottobre, quando sar annunciato, ci si dovr orientare altrove, escludendo il magnifico mosaico di geografie emozionali di Sophie Calle. Noi, per il padiglione nazionale impalmiamo l'olandese Aemout Mik, con la sua installazione Citizens and Subjects. In un container, scatola cubica asfittica che trasforma lo spazio architettonico in un centro di accoglienza per profughi, simultaneamente vanno in onda scene di ordinaria paura, con polizia e controlli a tappeto. Vengono svelate le tecniche di addestramento delle forze dell'ordine che porteranno a distinguere fra due categorie: i cittadini {provvisti di diritti seppure immersi in una modernit liquida che vaporizza le loro certezze) e i soggetti (coloro che sono altri, minacce dell'ordine costituito, individui perennemente illegali). La metafora stringente: davvero il mondo cos binario? Per affrontare il tema, al posto del tradizionale catalogo, il padiglione olandese fornisce un'antologia critica di scienziati, scrittori e artisti che analizzano la sfida della globalizzazione.
L'attualit di un pianeta allo sbaraglio torna prepotente anche nella mostra di Storr, nelle sue biforcazioni, all'Arsenale e al padiglione Italia dei Giardini. Il direttore americano aveva detto che la politica non doveva essere uno show e un
valore aggiunto delle opere; di fatto, molti artisti non riescono a tacere. Forse lui preferisce i grandi della pittura concettuale e minimalista, da Ryman a Ellsworth Kelly fino a Sol Lewitt - che in verit danno il tono complessivo alla sua esposizione - ma il contrappunto, il richiamo all'attualit degli altri, un filo spinato, anzi un recinto, come dimostra l'agerino Abdel Abdessemed. In una poetica e splendida installazione, Emily Jacir, palestinese nata a Amman (vive e lavora fra New York e Ramallah), racconta i momenti salienti della vita di Wael Zuaiter, intellettuale e giornalista ucciso a Roma da dodici proiettili, nel 1972, come rappresaglia degli agenti israeliani dopo i fatti di Monaco alle olimpiadi.
Emily Jacir costruisce un memorial con lettere, fotografie famigliari, testimonianze e voci di persone che lo conobbero, tramite interviste raccolte dalla compagna di Wael, Janet Venn-Brown. Il progetto dell'artista un film e quelli presentati sono materiali sparsi, frammenti che cercano di mettere insieme una identit complessa: il documentario doveva essere girato da Elio Petri che per mor prima di iniziare le riprese.
Sacrali del mondo attuale
Memoria, memorial, ricognizione del presente con una mappa dei caduti in guerre inutili sono parole che tornano spesso nella mostra della Biennale. Emily Prince (Usa, classe 1981) fornisce una cartina dell'America fatta con fototessere (disegnate a mano) di uomini e donne morte in Iraq. Totale, tremilacinquecentocinquantasei immagini di volti anonimi. Un sacrario contemporaneo anche quello che propone il colombiano Oscar Munoz: un video dove si dipingono visi e identit come epitaffi che poi scompaiono lentamente, a testimoniare l'impossibilit di un monumento all'umanit sacrificata. Poco oltre, un bambino gioca a palla con un teschio: il video di Paolo Canevari, Bouncing Skull, 2007. Siamo nell'ex quartiere generale dell'esercito serbo a Belgrado, bombardato dalla Nato nel 1999. n ragazzo gioca fra macerie che potrebbero essere ovunque, da Kabul a Beirut fino a Baghdad. L'atmosfera si fa pesante. Le emozioni chiamate in campo da Storr si tingono di nero. Sono tanti i teschi che si incontrano nel percorso espositivo. Troppi.
A riportare la brevit della nostra vita alla sua naturalezza, al suo corso biologico, pensa il cinese Yang Zhenzhong: / will die una maxi installazione composta da dieci video dove gente di et, cultura e estrazione sociale diversa recita Morir. Molti, soprattutto i bambini, ridono: per loro la morte dovrebbe essere lontana anni luce.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news