LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'era digitale entra nei musei
c. g.
La Stampa 20/09/2003

ROMA - La cultura pi a portata di mano: sembra il nocciolo della riforma del ministero dei Beni culturali, appena approvata in Consiglio dei ministri. L’amministrazione, stando al ministro Giuliano Urbani, cercher di avvicinarsi alla gente: intanto con una rete di uffici provinciali nuova di zecca (uno sportello dei Beni Culturali in ogni provincia), che dovrebbe snellire i rapporti tra organismi centrali e i cittadini. Il che significa servizi pi vicini, e avere a portata di mano persone che conoscono meglio il territorio e i suoi beni, dice il ministro.
Poi con l'introduzione di un nuovissimo Dipartimento per la Ricerca e l'innovazione, che ad esempio punter di pi sulle nuove tecnologie: Dobbiamo conservane il passato - spiega Urbani - ma anche guardare alle innovazioni tecnologiche : il digitale pu costituire un'importante prevenzione del rischio. Pensi se riuscissimo a dotare gli addetti nei musei di macchinette digitali per immagazzinare notizie su una crepa, su una macchia di umidit, e a trasmettere immediatamente queste osservazioni a una banca dati centrale, senza riempire moduli e scartoffie. Prima si arriva meglio si interviene.
La tecnologia servirebbe anche a una catalogazione pi rapida, perch l'ignoranza di quello che abbiamo una carenza gravissima e antica: cominciare a sapere cosa c' in Italia gi un modo per proteggere il nostro patrimonio. Un'opportunit che non dobbiamo fallire, dice Urbani.
Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali sar strutturato in tre dipartimenti, da cui dipenderanno le Direzioni generali; viene inoltre abolito il Segretariato generale.
Il primo Dipartimento quello per la tutela del Bel Paese, cio il Dipartimento per le Antichit, le Belle Arti e il Paesaggio. Per rafforzare il concetto - dice Urbani - che la tutela dei tesori che formano il Bel Paese un tutt'uno indivisibile. Dal Dipartimento dipenderanno le Direzioni Generali per l'Archeologia, per i Beni Artistici e Storici, per l’Architettura e l'Arte Contemporanea, per gli Archivi, per le Biblioteche e gli Istituti culturali e quella per i Beni Architettonici e il Paesaggio, che Sancisce - spiega il ministro - la nostra rinnovata attenzione alla difesa del paesaggio.
Il secondo il Dipartimento per lo Spettacolo e lo Sport, da cui dipenderanno le Direzioni Generali per la Musica e il Teatro e per il Cinema. In questo modo - sottolinea il ministro - si formalizza una maggiore attenzione al settore musicale e vengono istituzionalizzate le competenze del Ministero in materia di vigilanza sullo sport.
Il terzo, il Dipartimento per la Ricerca e l'innovazione, punter a una gestione pi moderna: E’ il cuore della riforma - dice Urbani - verr suddiviso in Risorse Umane e Formazione, Innovazione Tecnologica e Promozione. E' la chiave di volta per modernizzare un'amministrazione di grande tradizione e qualit specialistica, che per deve essere sempre pi efficiente e sempre pi attenta ai bisogni dei cittadini. Al dipartimento faranno capo anche gli istituti centrali che si occupano della ricerca (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Istituto Centrale per il Restauro, Opificio delle Pietre Dure, Istituto per la Storia dell'Arte) per coordinare ed ottimizzare le grandi eccellenze che l'Italia ha raggiunto in questi settori e per metterle al servizio del sistema Paese. All'interno di questo dipartimento verr creato un Ufficio Servizi che dovr stimolare anche la promozione dei nostri beni culturali, il rapporto con il pubblico e il miglioramento dei servizi di accoglienza museale: in una parola dalla promozione al merchandising.
Infine - conclude Urbani - la Direzione Risorse Umane dar grande impulso alle politiche di formazione del personale, finora piuttosto trascurate anche perch oggi la gestione del personale frammentata fra le vane direzioni. Gli altri punti qualificanti della riforma sono, secondo il ministro, le nuove figure dei Soprintendenti Regionali, cui finalmente sono conferiti effettivi poteri di coordinamento e gestione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news