LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Recuperato un Tiepolo rubato da un milione
Anna Sandri
Trentino 05/06/2007

PORDENONE. Dalle ricchissime magioni di Roma (castelli e palazzi di notai, commercialisti, anche qualche discendente di nobile casato), alle comunque molto ricche ville del Nordest: dove il denaro non manca, ma pu capitare di esporre un Tiepolo in salotto senza rendersene conto. Un clamoroso traffico di opere d'arte rubate stato scoperto dai carabinieri di Pordenone.
Sono novanta le opere recuperate e poste sotto sequestro, ma solo di 14 si conosce la provenienza; delle altre, per difetto dei proprietari che non si curano di catalogare e sono poi costretti a denunce sommarie, si sa che provengono da furti solo attraverso i risultati delle indagini.
Il cuore del traffico erano i mercatini dell'antiquariato: in quattro di questi, tutti nel Trevigiano, alcuni antiquari svolgevano un doppio lavoro. Ufficialmente vendevano la merc alla luce del sole, ma per alcuni clienti speciali e danarosi, con i quali avevano un rapporto di fiducia, avevano a disposizione un autentico giacimento di capolavori. Con una clamorosa aggravante, almeno dal punto di vista artistico: non erano assolutamente consapevoli del valore della merc che piazzavano attraverso il mercato parallelo. E' cos che un collezionista di Portogruaro venuto in possesso di un Tiepolo pagandolo 15 mila euro: lo aveva appeso in salotto, in una villa mediamente protetta da un normale sistema d'allarme. L'opera, Scena Carnevalesca, stata dipinta nel 1765 da Giandomenio Tiepolo e si sa anche a chi stata rubata (il nome ovviamente top secret), in un palazzo romano: vale almeno un milione di euro. E come il Tiepolo, molte altre opere tra quelle recuperate hanno valori estremamente superiori a quelli per cui erano state rivendute: c' un'icona del 1500 che ha lasciato senza fiato gli investigatori, e non si sa nemmeno di chi sia.
L'indagine iniziata lo scorso settembre, grazie alla segnalazione di un cittadino: cos i carabinieri del Nucleo Operativo di Pordenone coordinati dal maggiore Pietro Patrono hanno cominciato a frequentare i mercatini, dove si diceva che con le entrature giuste si potevano fare affari ottimi ma decisamente sospetti.
Il filone ha dato sorprese inimmaginabili, e l'inchiesta non ancora conclusa; ne viene reso noto il primo troncone perch le opere sotto sequestro sono molte e importanti, ed tempo di rintracciare i proprietari, altrimenti per conservarle bisogna pensare a un museo. Due le Procure che lavorano al caso
(Pordenone e Treviso), ci sono denunce per ricettazione e incauto acquisto (i carabinieri non precisano quante sono, perch stanno ancora lavorando).
Resta il grande quesito: come possibile avere un Tiepolo e venderlo per 15 mila euro? Secondo i carabinieri, le
opere finite nelle mani di questa organizzazione sono il plus dei furti su commissione. I ladri inviati nelle dimore per trafugare questa o quell'opera (per la quale c'era gi un acquirente pronto), visto che c'erano prendevano anche qualcosa per s e poi lo piazzavano all'organizzazione che aveva clienti in Veneto, Friuli, Emilia Romagna, Lombardia. Seguendo un filone di denaro e relazioni, con il peccato originale dell'ignoranza.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news