LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Velodromo dell'Eur sar abbattuto al suo posto una citt dell'acqua
Marco Laudonio
Stampa, 19/09/2003

Il Velodromo dell'Eur verr abbattuto. Per poi essere ricostruito secondo le vecchie linee architettoniche per ospitare una citt dell'acqua, con ben cinque piscine. Una scelta che fa inorridire lo storico dell'architettura Giorgio Muratore. La struttura dell'Eur, 55.500 metri quadri per 17.760 posti, disegnata nel 1958 per le Olimpiadi del 1960 dai progettisti Ligini, Ortensi e Ricci, ha una storia travagliata. Fu concessa dall'Ente Eur al Coni per 15 anni insieme al Palasport e alla Piscina delle Rose - ricorda Raffaele Ranucci, che guida l'Eur Spa - ma allo scadere dell'accordo ci si accorse che le fondamenta erano precarie. Le avevano scavate su pali di quindici metri, il massimo per l'epoca mentre oggi si scende fino agli ottanta. E il velodromo cominci a sprofondare. Il vecchio Ente Eur fece causa al Coni. Nel 2001 si giunti a un accordo di transazione con cui il Coni si impegnato a garantirci un risarcimento. La paralisi giudiziaria ha per ridotto il velodromo a uno stato di semiabbandono, nessun ciclista entrato nella struttura per decenni. Anche perch erano cambiate le regole e la pista non possedeva pi i requisiti richiesti dalle norme della federazione ciclistica. Ristrutturarlo e renderlo compatibile costerebbe troppo - ammette Ranucci -per questo abbiamo deciso di procedere alla demolizione per poi bandire un concorso internazionale di architettura per la realizzazione della nuova struttura (sul sito dell'Ente Eur si trova un altro progetto) la prima ipotesi a cui abbiamo pensato. Prevedeva la costruzione di un impianto multifunzionale che avrebbe ospitato manifestazioni culturali, attivit sportive indoor e una struttura commerciale. Poi abbiamo visto che quelli gi realizzati a Parigi ed Amsterdam non se la passavano bene. Si erano riciclati come centri congressi, ospitavano concerti e riunioni, addirittura un circo. In somma si rischiava di creare un altro polo fieristico romano, accanto al nuovo centro congressi disegnato da Massimiliano Fuksas, per di pi con un grande esborso finanziario. I diciassettemila posti delle tribune sarebbero andati bene per ospitare concerti. Ma a neanche un chilometro avevamo il Palasport.

Cos i funzionari dell'Eur Spa hanno ripreso a girare il mondo, per poi rendersi conto che Parigi, Sydney e altre due citt nel mondo ospitano degli "acqua centre". Nella capitale francese esiste infatti una vera cittadella del nuoto, con piscine per le attivit agonistiche, dilettantistiche e per le terapie riabilitative. Una parte della struttura ha sempre ospitato delle attivit sportive per disabili. Continueranno.

Il nuovo Velodromo, su modello parigino, ospiterebbe un grande centro di terapie acquatiche riabilitative con cinque piscine, anche una olimpionica, palestre, un centro benessere ed una foresteria. L'Ente Eur, che ha previsto di sborsare per l'opera 70, 80 milioni di euro senza ricorrere al project financing gi utilizzato per il Centro Congressi Italia e per il PalaLottomatica, ha cercato di coinvolgere il Campidoglio offrendo spazi per manifestazioni culturali, una biblioteca ed una ludoteca. L'assessore all'Urbanistica Roberto Morassut sembra interessato. E adesso l'Eur Spa punta a stilare un accordo di programma con la Regione, cos da portare alla luce la nuova opera nel 2006.
Un progetto ambizioso, che lascia amareggiato Giorgio Muratore, docente di Storia dell'Architettura a Roma Tre: Siamo alle solite. Si butta gi tutto salvando solo le facciate, oppure ricostruendole. l'effetto Ambra Jovinelli, spero non si ripeta con gli ex Mercati Generali all'Ostiense. Si fa finta di non vedere la qualit dell'architettura di cui si parla a ogni pi sospinto. Anche se la pista ormai distrutta, il velodromo rispecchia il clima degli anni '60, quando l'architettura era buona. Muratore bolla la ricostruzione come una foglia di fico senza qualit culturale. Sapevo che l'Eur Spa nomin anche una commissione per valutare il da farsi. Spero che tra questi consulenti non ci siano degli architetti romani. Certo gli affari sono affari, ma vorrei sapere cosa ne pensano il ministro Urbani, la Direzione per l'Architettura del suo ministero e l'ordine degli architetti. Anche perch unoperazione fuori dal tempo. Con la legge attuale, che tutela gli edifici con pi di 50 anni, dal 2010 il velodromo sarebbe vincolato, ma Urbani ha proposto il vincolo anche per opere pi recenti.

Ranucci ribatte a Muratore: La copertura ad anello l'unico elemento di un qualche valore architettonico. La salveremo. Ma nella pista abbandonata sono cresciuti anche degli alberi di fico. E le tribune sono sprofondate.



news

21-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news