LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VILLANOVA MONDOVI’. SAN BERNARDO L’edificio intralcia l’attività della cava Era già stato ricollocato ma non è sufficiente
03 GIUGNO 2007, LA STAMPA



VILLANOVA MONDOVI’

Una cappella come tante, una storia se non unica, quantomeno singolare. Tutto ha inizio nel ‘95 quando le ditte Giuggia e Saisef, proprietarie di una cava a Villanova Mondovì, al cui interno è situata la cappella di San Bernardo, predispongono uno studio di fattibilità per lo spostamento della cappella dal sito su cui era stata costruita 500 anni prima: la sua collocazione impedisce l'attività della cava, tanto che la struttura viene «impacchettata» e spostata nel corso di una rocambolesca operazione. Ma non basta: San Bernardo dovrà essere di nuovo trasferita. «Allora furono spesi più o meno 500 mila euro, completamente a carico delle ditte proprietarie della cava», specifica l'architetto Pierluigi Blengini della Saisef. Ma un trasloco di 500 metri non basta, visto che la cappella si appresta ad essere nuovamente ricollocata, questa volta, assicurano le ditte, «in via definitiva». Il tragitto è di 300 metri appena, sulla strada che porta al Monte Calvario. «Il Comune di Villanova Mondovì ha di recente espresso parere favorevole. Non appena la Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici si pronuncerà, inizieremo i lavori», conclude Blengini. Soddisfatto il sindaco Giuseppe Boasso: «Attendo con ansia il concludersi di questa tortuosa vicenda. Ora la conservazione della cappella è ottimale, ma per il futuro non si escludono danni. La sua sistemazione definitiva permetterà di arricchire l'offerta culturale e architettonica del nostro Comune». Senza dimenticare che prima si esaurirà la coltivazione delle cave, prima sarà possibile «ripensare» il sito e dare una nuova collocazione a una vasta area all'interno dell'abitato. Conclude: «La cava è stata costruita nell'800, allora l'impatto ambientale era praticamente ininfluente. Oggi si tratta di un sito piuttosto invasivo dal punto di vista paesaggistico. E’ nostro interesse incentivare un nuovo tipo di coltivazione per una riqualificazione ambientale. Lo spostamento della cappella di San Bernardo va in tale direzione».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news