LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prato festeggia la riapertura degli affreschi di Filippo Lippi
MARA AMOREVOLI
06 maggio 2007, La Repubblica, Firenze

Sei anni di restauri per riportare allantico splendore il ciclo del Duomo. Nel quale domina la donna amata dallinquieto frate
Lucrezia, la grazia ritrovata


Lunghi studi e tecniche davanguardia: un intervento miracoloso perch invisibile
Le parole dammirazione del ministro per i Beni Culturali



Lucrezia aveva bellissima grazia et aria scrisse Vasari della giovane monaca che infiamm il tanto venereo carmelitano fra Filippo Lippi. Una bellezza che ancora oggi si legge negli affreschi che lartista esegu nel Duomo di Prato, nelle Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista dipinte tra il 1456 e il 1465, durante quellamore che svergogn le monache, tra ritardi, deroghe e interruzioni per tormentate vicende personali del pittore, la nascita di due figli, lintervento del papa per scogliere i voti ai due innamorati e un matrimonio mai celebrato che tuttavia rese Lucrezia musa e modella dei dipinti di Lippi.
Ora quella grazia et aria tornata evidente dopo sei anni di restauri del ciclo di affreschi della cattedrale pratese, e il volto di Lucrezia spunta dolce ed etereo nei tre ritratti di Salom. Eccola giovanissima come Salom in ginocchio che consegna la testa del Battista, quando la conobbe nel 56 nel convento di Santa Margherita, bellissima e luminosa come Salom che balla e infine matura e gi madre dei due figli nella figura di sinistra. Solo cos si spiegano le tre facce diverse che Lippi ha dato a Salom spiega Isabella Lapi Ballerini, la studiosa che ha curato e diretto i difficili interventi sulle superfici pittoriche con Cristina Gnoni Maravelli, illustrando le Storie al ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli, al presidente della Regione Claudio Martini, al sindaco di Prato Marco Romagnoli, al presidente della Provincia Massimo Logli, al vescovo Gastone Simoni, alla presenza dei soprintendenti Cristina Acidini, Bruno Santi e Paola Grifini, del direttore regionale Mario Lolli Ghetti e dei tanti pratesi che hanno affollato ieri la celebrazione che ha restituito alla citt lintero complesso restaurato, sia nella struttura architettonica che nei cicli degli affreschi delle cappelle.
Ed con orgoglio che Prato riscopre la sua storia antica, mette in mostra i suoi tesori darte con il genio e la passione di Filippo Lippi, rispolvera almeno per un giorno la battuta Firenze periferia artistica di Prato, guardando al presente di citt industriale nata su un patrimonio antico di ingegni. Una festa per Prato citt della modernit che ritrova le sue radici di senso spirituale e civile nel "romanzo" affrescato da Lippi, ma anche capitale del collezionismo darte contemporanea e citt dellinnovazione sottolinea il ministro Rutelli, ammirando le scene capolavoro del Rinascimento, gli affreschi tornati carichi di tonalit rosa e rosse, e soprattutto di quel candore o biancheggiare che intride i volumi e li gonfia daria come nellimpalpabile figura di Salom osserva Lapi Ballerini.
Un recupero lenticolare avvenuto dopo lunghi studi, analisi effettuate in collaborazione con i tecnici dellOpificio delle pietre dure, Cnr e vari istituti universitari per mettere a punto le metodologie per curare distacchi di colore e solfatazioni, individuare solventi idonei a rimuovere resine di precedenti restauri. Una complessa operazione di pulitura che ha rimosso strato dopo strato il nerofumo, reso omogenea la superficie pittorica, con il miracolo di un restauro eccezionale proprio perch invisibile, eseguito dagli esperti di Cbc di Roma. Lavori interamente finanziati dal ministero con 950 mila euro, con un contributo della Provincia e della Diocesi di 300 mila euro, di cui 70 mila per allestire il cantiere dautore realizzato dallartista Emilio Farina che ha permesso ai visitatori laccesso sui ponteggi durante gli interventi sui 400 metri quadrati di pittura a secco per poter ammirare ugualmente il ciclo pittorico. Una sorta di ponteggio-opera contemporanea in legno che verr sistemato nella chiesa di Sasseta vicino a Prato.
Purtroppo lintervento di restauro ha premesso di constatare la perdita di alcuni particolari e dettagli di cui sono rimasti solo i fantasmi - aggiunge Lapi Ballerini - Un fenomeno dovuto alla tecnica a secco usata da Lippi, fermata con leganti e non data sullintonaco fresco che assimila il colore, alle stratificazioni e addizioni di colore del suo fare appassionato. E si deve a Lippi, sommo maestro - che prese la mano da Masaccio come scrisse ancora Vasari nelle Vite e fece in questo lavoro le figure maggiori del vivo dove introdusse poi agli altri artifici moderni il modo di dare grandezza alla maniera doggi - se appunto "la grazia" entra nella pittura Rinascimento, proprio per la rappresentazione delle sue figure di donne sognanti e tenere che annunciano lo psicologismo di Leonardo, anticipano Botticelli e la grande pittura narrativa di Benozzo e Ghirlandaio.
Ed a partire dal ciclo di affreschi della Cappella maggiore del Duomo (visitabile da luned al sabato 10-17, domenica 15-17, ingresso 3 euro compresa audioguida), Prato invita ad un itinerario in citt alla scoperta di Filippo Lippi e dei suoi collaboratori che qui realizzarono dipinti in chiese e monasteri (info Apt 0574/24112). Mentre il presidente della Provincia Massimo Logli scommette su turismo e cultura per annunciare una nuova stagione per lo sviluppo del pi grande distretto tessile dEuropa: Stiamo lavorando alla realizzazione nel 2008 di un grande evento internazionale legato al tessuto, che coinvolge anche importanti istituzioni museali come lHermitage e permetter di costituire un centro e un archivio sui tessuti antichi e moderni.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news