LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2002, l'anno in cui Urbani scomparve e il vero ministro fu Giulio Tremont
Maria Serena Palieri
L'Unit 18/12/2002

Affidare i beni ai privati mica significa che li rubano: lo spensierato e illetterato commento di Giuseppe Vegas, sottosegretario all'Economia, all'allarme suscitato dal sub-emendamento alla Finanziaria, in tema di gestione dei beni culturali, presentato dal relatore, senatore di An, Lamberto Grillotti. Il sub-emendamento l'ennesima mina, messa l a brillare dal governo con svagatezza, sotto il tesoro storico-artistico e ambientale del nostro Paese. E la dichiarazione di Vegas sigilla a perfezione, su questo fronte, l'anno che sta per chiudersi: un anno in cui il ministro dei Beni Culturali stato totalmente soppiantato, nelle sue funzioni, dal pi svelto e rapace ministro dell'Economia. Non affatto un caso che Urbani, anche in queste ore, taccia.
Un anno esatto. nella Finanziaria 2002, in discussione a fine 2001, che fa il suo primo ingresso l'idea di cedere ai privati in global service musei e palazzi, castelli e giardini storici, in cambio di un affitto.
E un anno fa venne gi il diluvio: oltre alla mobilitazione delle associazioni di tutela, l'appello dei direttori dei pi grandi musei del mondo. Il centrosinistra riusc a far passare un emendamento e la formulazione definitiva, all'articolo 33 di quella legge 448/2001, cambi da intera gestione del servizio - il global service appunto - a gestione di servizi. Ma quella che si present in scena per la prima volta, dodici mesi fa, fu la strategia di puro sfruttamento economico, e la mentalit arpagonesca, con cui il governo Berlusconi intendeva trattare il nostro patrimonio pubblico.
Il punto grosso lo segna la legge firmata appunto da Tremonti, senza che Urbani emetta un fiato, a giugno del 2002: la famigerata Patrimonio s.p.a. & Infrastrutture s.p.a., che lega lo sfruttamento dei beni culturali e ambientali alla creazione delle grandi opere, dal ponte sullo Stretto alle varianti di valico. la teorizzazione della resa economica che i tesori d'arte e paesistici devono produrre.
L'idea criminale: attraverso la cartolarizzazione questi tesori possono essere dati in garanzia alle banche in cambio di soldi per le grandi opere. E, se la grande opera poi non rende, addio al tesoro artistico o all'isola demaniale incontaminata. E l'idea sovranamente sciocca: perch, come da giugno vanno ripetendo fior di economisti, il bene culturale in s non poi cos appetibile dai privati, perch non rende, anzi costa: gestire un museo non fa guadagnare. A meno che non se ne snaturi la funzione: l'isola di Pianosa da parco naturale diventa un club marino per soli miliardari? Mentre, in termini economici, l'indotto del patrimonio artistico e ambientale che produce ricchezza: dal turismo, all'editoria alla gadgeteria. Naturalmente, la produce se il patrimonio lo tuteli... La legge Tremonti viene firmata da Ciampi, ma accompagnata da una lettera che chiede al parlamento di certificare che la tutela dei nostri beni resta intatta. In termini concreti, l'opposizione chiede che questo si traduca in un richiamo formale, esplicito, al cosiddetto regolamento Melandri sui criteri di inalienabilit dei beni pubblici.
In questi mesi Urbani ha invece avviato il censimento del patrimonio. Un censimento che serve a tutelare meglio o a fare un lista dei pezzi che sono gi all'incanto? Visto il tutto, giudichi il lettore. E ora, il sub-emendamento Grillotti punta, sul tema della gestione (che non ha in senso stretto a che fare con Patrimonio s.p.a.) a riproporre la filosofia tremontiana del profitto. Il bello della situazione, chiamiamolo cos, che, come in altri campi, all'azione devastatrice del governo risponde una reazione vitale della societ civile. C' un sito internet, www.patrimoniosos.it, che la documenta nella sua interezza. A livello istituzionale un prossimo appuntamento di rilievo sar l'indagine conoscitiva. che il Parlamento Europeo avvier su Patrimonio s.p.a. & Infrastrutture s.p.a: primo appuntamento il 17-18 marzo 2003.
E, nel 2002, sono usciti due libri-chiave per capire la vicenda - testi critici anche verso le precedenti gestioni di centrosinistra - di Salvatore Settis, Italia S.p.A. L'assalto al patrimonio culturale (Einaudi) e di Silvia Dell'Orso, Altro che Musei. La questione dei beni culturali in Italia, (Laterza). Mentre sulla questione interviene dal punto di vista del privato Rosanna Cappelli in Politiche e poietiche per l'arte (Electa).



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news