LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il metr minaccia il Castello Sforzesco
Sabrina Loi
Libero quotidiano Milano 05/09/2003

Il Castello Sforzesco di Milano a rischio. Sembra incredibile ma proprio cos. Pi precisamente sono i muri e le coperture esterne ad essere in pericolo. A minacciare l'imponente struttura voluta da Francesco Sforza e conosciuta in tutto il mondo come uno dei simboli di Milano, sono le vibrazioni provocate dal passaggio della linea uno della metropolitana e l'inarrestabile crescita delle piante di edera. Del problema si sta occupando la Soprintendenza del Castello, istituita nel 1999. Per evitare danni alle strutture interne squadre di operai periodicamente provvedono allo sfoltimento dell'edera e alla sistemazione delle tegole di copertura.
Al momento la situazione sotto controllo ma non certo che con il passare degli anni conseguenze pi gravi possano mettere a rischio l'intero Castello. E' sicuro invece che i soldi utilizzati per queste spese di manuntenzione potrebbero essere impiegati per interventi pi importanti.
Sui danni causati dal transito della metropolitana c' poco da fare. Interrompere o deviare il passaggio dei treni sotto il Castello significherebbe mandare all'aria piazza Cadorna e stanziare cifre esorbitanti per realizzare nuovi percorsi. Il danno purtroppo stato fatto quarant'anni fa, quando la linea uno del metr venne progettata - afferma il soprintendente del Castello, Ermanno Asler - assurdo che nessuno a quell'epoca si preoccup di evitare che le rotaie tranciassero di netto una parte dei sotterranei.Come ingiustificabile - sottolinea Asler - che non si siano cercati percorsi alternativi lontani dalle mura del Castello e dalla possibilit di arrecare danni alle strutture dell'edificio.
Secondo il soprintendente quello compiuto dagli amministratori di quegli anni stato un danno ignobile anche sotto il profilo storico-culturale. E’ inconcepibile che una parte dei sotterranei non sia accessibile a causa dei muri di cemento innalzati per la realizzazione della metropolitana. La galleria che andava verso Piazza Cadorna, utilizzata da Ludovico il Moro per sfuggire ai francesi chiusa e non ci dato a sapere cosa ci sia oltre quei muri. Un vero peccato soprattutto se si considera che i sotterranei del Castello non sono dei cunicoli angusti. Si tratta di vere e proprie strade coperte, sorrette da archi e folte. A confermarlo sono i quarantamila visitatori che fino a oggi hanno usufruito del nuovo servizio istituito dalla Soprintendenza del Castello. Fino a qualche anno fa infatti, nessuno aveva mai sensato di rendere accessibile al pubblico anche quell'area della costruzione. Siamo stati noi a valorizzare i passaggi sotterranei, - spiega il dottor Asler - in passato sono stati sottovalutati e usati spesso come magazzini o peggio ancora discariche. Se non possibile rimediare al danno compiuto quarant'anni fa, con la realizzazione della metropolitana, qualcosa si potrebbe fare per risolvere il secondo problema, quello dell’usura dei muri da parte delle piante di edera. La cosa non semplice. Quando il problema stato affrontato la commissione cultura del Comune di Milano non si trov d'accordo sulla possibilit di eliminare le piante rampicanti.
Il risultato che con costanza le piante devono essere sfoltite e potate prima che raggiungano i merli, in modo da evitare lo spostamento delle tegole di copertura. Dalla Soprintendenza del Castello non nascondono la speranza che la commissione cultura possa ripensarci. Una speranza legittima. Ha senso proteggere una pianta a scapito di un monumento importante come il Castello Sforzesco?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news