LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sagrati vietati ai turisti. Sfida nelle piazze d'Italia
Alessandro Mangiarotti
Corriere della Sera 03/09/2003

MILANO — La guerra non santa e non politica. Non ha credo e non ha colore. Gli amministratori che la combattono, lo fanno solo per una questione di decoro considerato, a seconda dei punti di vista, a rischio oppure no. Dei primi fa parte il non compatto Comune di Milano (centrodestra), che ha chiesto alla Prefettura di rispolverare una vecchia ordinanza per vietare a turisti e non di stare seduti sui gradini del Duomo. Ma anche i Comuni di Capri (lista civica), Venezia e Modena (centrosinistra). Dei secondi fa parte il Comune di Firenze (sempre centrosinistra) che, lo stesso divieto, in vigore per tutto lo scorso mese di agosto, ha deciso di toglierlo. Guai per a parlare di marcia indietro: Passata la tempesta ferragostana, abbiamo deciso di revocare il divieto di stare seduti sugli scalini di Santa Maria del Fiore e degli altri monumenti cittadini. Ma sia chiaro: resta quello di bivacco. Di sdraiarsi, di mangiare, di spogliarsi pi del dovuto. Di stare, insomma, sul sagrato del Duomo come al mare.
Da Firenze a Modena, fino a Mantova e Pavia, il divieto alla seduta selvaggia stato applicato tirando fuori dal cassetto vecchi regolamenti delle polizie municipali. In alcuni casi ritrascritti in ordinanze ad hoc dalle amministrazioni comunali. A Milano l'ordinanza che vieta di sedere sul gradini del Duomo stata firmata nel '95 dall'allora sindaco Marco Formentini. Oggi per lui non ha pi senso, ma uno del suoi successori alla guida di Palazzo Marino, l'assessore alla Sicurezza Guido Manca, l'ha rispolverata e il 21 agosto l'ha inviata alla Prefettura perch venisse applicata per motivi di decoro e di sicurezza. Ma il vicesindaco Riccardo De Corate ribadisce: L'intensificarsi dei controlli dipende dalla questura. Richiami e sanzioni scattano solo per i grandi maleducati: tedeschi e giapponesi potranno continuare a riposare all'ombra della Madonnina.
A Firenze, il cartello vietato sedersi e sdraiarsi tolto dal sagrato di Santa Maria del Fiore, un arrangiamento di un decreto del 1932. Stiamo pensando a un nuovo regolamento, dice l'assessore alla Polizia municipale, Graziano Cloni. Nostalgia di una legge nazionale? Neanche a parlarne: Ogni comune fa a s. E quanto alla marcia indietro che marcia indietro non : Abbiamo smilitarizzato i comportamenti. Seduti sui gradini del Duomo si pu stare. Purch composti. E si pu pure mangiare il gelato. Se si butta per il tovagliolino per terra scatta la sanzione. Cinquanta euro di multa: 55 quelle staccate ad agosto.
A Venezia resta invece affisso in piazza San Marco il cartello in quattro lingue: Vietato sedersi e sdraiarsi. L il regolamento della polizia municipale del 1987 stato trasformato in un'ordinanza comunale ad agosto. Siamo stati noi a fare scuola, rivendica il primato il vicesindaco Michele Mognato. Turisti e veneziani devono capire che Piazza San Marco un museo a ciclo aperto e come in un museo ci si deve comportare. Passi la pausa per riposare o il gelato. Ma per i trasgressori le multe (una decina in agosto), vanno dai 25 ai 500 euro: ora dobbiamo pensare ad estendere l'ordinanza.
Un'altra rivendicazione del primato arriva dal sindaco di Capri, Costantino Federico: Tre anni fa abbiamo affidato a un pensionato volontario il compito di limitare la sosta dei turisti sulla scalinata che porta alla chiesa. Da quest'anno a un'ordinanza che prevede sanzioni da 50 a 500 euro.
Sulla scalinata non solo non si pu bivaccare, ma non ci si pu neppure sedere. Per una questione di decoro e insieme di sopravvivenza: E’ l'unico accesso a due quartieri dove vive un terzo del paese.
C' poi Modena, dove per anni il decoro sul sagrato del Duomo stato fatto rispettare grazie a un regolamento del 1603. Nel '90 ci ha pensato il sindaco Giuliano Barbolini a trasformarlo in un'ordinanza: vietato bivaccare, arrampicarsi sulle pareti e sedersi sugli scalini del Duomo. Ad eccezione di quelli della facciata Sud per non tradire le tradizioni della citt.
Sagrato che vai regolamento che trovi, dice il presidente dell'Anci Lombardia, Giuseppe Torchio. Che elenca: A Mantova il decoro fatto rispettare sulla base di un regio decreto del 1939, cosi anche a Pavia. A Como c' un regolamento che tutela tutti i monumenti, a Lodi uno che vieta di utilizzare gli scalini del Municipio come bar. E nella citt delle chiese e delle cattedrali? Nessun regolamento specifico, dice il comandante della polizia municipale del centro di Roma, Angelo Giuliani. Bivacco punito con sanzioni di 100 euro solo sulla scalinata di Trinit dei Monti. Il problema non si pone invece per il sagrato della chiesa delle chiese: a san Pietro gli scalini sono transennati. Turisti e fedeli per una sosta o un gelato devono cercare l'ombra del colonnato.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news