LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando gli amministratori fanno pi danni dei terremoti
Vittorio Sgarbi
il Giornale 31/8/2003

Cominciano a essere rari, anche in Italia, i luoghi incontaminati, i paesi in cui gli amministratori non abbiano proiettato il loro cattivo gusto, sfigurando muri e pietre in un'orribile rigenerazione funeraria. Migliaia di architetture sono state cancellate con edilizia di sostituzione fino a diventare spazi anonimi e senza identit. Se si escludono le grandi citt e alcuni centri storici, solo in parte risparmiati, molti paesi minori in Calabria come nel Veneto, in Molise come in Lombardia, regioni unite nell'orrore, tutti i paesi ritenuti minori, senza particolari emergenze architettoniche, sono stati devastati.
;
Cos appare un miracolo che, probabilmente grazie alla povert, si sia salvato, per esempio, Morano Calabro; o che Altomonte, grazie alla lontana intuizione del sindaco Costantino Dell'Uscio, o Longiano, o Labro abbiano avuto interventi di recupero, pazienti e corretti, mentre per altre strade siano risorti borghi morti e abbandonati come Civita di Bagnoregio e Montegridolfo, quest'ultimo grazie alla passione di Alberta Ferretti. La bont dei restauri, l'attenta manutenzione, la conservazione dello spirito, ne fanno luoghi sempre pi rari, sommersi, come siamo, dall'orrore. E se alcuni siti appaiono perdutamente romantici, come Ninfe, dove l'opera dell'uomo, come in alcuni templi remoti di Ankorwat, sopraffatta dall'esuberanza della natura, dobbiamo riconoscere che quella misura, quel mantenimento sobrio attestano che una piccola rivoluzione stata compiuta, purtroppo senza benefici effetti a catena.

Pensiamo cos' diventata la piazza di Santa Teresa di Gallura, o quella della gi bellissima San Candido, cui ci si applicati con un gusto a met strada fra un negozio di Armani e una discoteca, distribuendo palle e palline luminose tra la Chiesa romanica e quella barocca, o, poco lontano di l, la piccola citt di Monguelfo dove, non essendo mai arrivato il terremoto, il sindaco ha pensato bene di buttar gi lo storico e solido edificio della Pretura, per rendere l'effetto di un paese terremotato. Terremoti e frane hanno, talvolta, costretto ad abbandonare insediamenti che sono rimasti scenografie di un'altra epoca. A giudicare dalla nessuna considerazione per le mirabili rovine di Noto antica, si direbbe che siti abbandonati di quel tipo siano uno scomodo ingombro, invece del tesoro che sono.

Faccio queste riflessioni pensando a Roscigno Vecchia, sperduto borgo del Cilento nell'entroterra di Paestum, abbandonato gi agli inizi del Novecento. Eppure i fantasmi delle case, e le strade, le piazze, le fontane e la bella chiesa sono l, con i loro profili bassi, le sagome inalterate, e l'ombra di Dorina, ultima custode che si appena allontanata. Difficile immaginare qualcosa di pi prezioso di ci che, nella catastrofe del nostro tempo, documenta un tempo irrimediabilrnente perduto, senza l'artificio della ricostruzione in stile o della sostituzione. Eppure Roscigno in assoluto abbandono. Le autorit dello Stato e della Regione che apargono danaro per inutili imprese dissennate, dalla cancellata di Mendini per la Villa comunale di Napoli alla metropolitana di Gae Aulenti, ai capricci di Bonito Oliva, non capiscono lo spirito che sopravvive in quei muri diruti e che altrove per sempre dissolto. Ci che unico e assoluto, rispetto a
ci che uguale, meccanico, ripetuto, sembra non aver valore in uri fatalistico atteggiamento rinunciatario.

Ha scritto bene Lucia Clemente: Pompei risorta maestosa dalle ceneri, Roscigno, dopo un secolo di lunga agonia, sta esalando l'ultimo respiro, tra l'indifferenza delle autorit competenti, e dei ciarlatani preposti alla cura che, come i medici, disaccordi sulla terapia, continuano a discutere e a litigare mentre il povero ammalato se ne muore [...]. Povera Roscigno mia, e non gi povera "Pompei del duemila". Ed tanto vero, che sono molto meno rari i siti archeologici delle testimonianze integre del secolo scorso, cancellate, imbellettate, stravolte. O dovremo conservarne soltanto l'ipocrita ricordo?



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news