LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scende la parola fine sul cinebusiness della Bnl
Enrico Roddolo
Il Mondo 05/09/2003

Il cinema italiano pronto a dire addio alla Bnl, sua storica cassaforte? Pare di s. Tra poco pi di un anno la gestione del fondo dello Stato per il grande schermo che dal 1927 affidata alla Banca nazionale del lavoro dovrebbe passare a Cinecitt holding spa che, sotto la presidenza del regista Pupi Avati, si data molto da fare per rilanciare una certa idea imprenditoriale di fare cinema. E che a Venezia durante la Mostra del cinema, il 4 settembre, riunir il consiglio di amministrazione. Il passaggio del fondo da Bnl a Cinecitt che, a sua volta, sarebbe decisa ad aprire il mercato del credito cinematografico stipulando successivamente convenzioni con diversi istituti di credito (quattro le banche con le quali ci sarebbe gi un contatto e, ovviamente, tra gli istituti potr esserci anche Bnl) una delle novit che si stanno valutando al ministero dei Beni culturali guidalo da Giuliano Urbani, dove si lavora a una nuova legislazione.
RISPARMIATORI, INVESTITE sui CIAK
Ispirandosi ai fondi Sofica francesi, agli esperimenti irlandesi e tedeschi, il ministro Giuliano Urbani avrebbe in mente anche qualcosa di simile a fondi d'investimento sul cinema. Ma non se ne dovrebbe parlare, in termini concreti, prima del 2004. Tutto fa parte di un progetto per la detassazione degli utili reinvestiti nella produzione ancora da discutere con il ministro Giulio Tremonti. L'obiettivo, da indiscrezioni, sarebbe quello di consentire una detassazione degli utili agli operatori del settore, ma anche a privati o imprese esterne al mondo cinematografico. Questi ultimi potrebbero dunque investire sul cinema tramite fondi specializzati nel settore audiovisivo (o pi probabilmente solo nel cinema). Fondi assimilabili, per funzionamento, ai fondi etici. Che potrebbero chiamarsi Sis: societ di intermediazione dello spettacolo.
Pi impresa. Una prima risposta dovrebbe venire proprio a Venezia dove, in occasione della Mostra del cinema, atteso per fine agosto il ministro per annunciare l'avvio dell'iter che dovrebbe portare a fine anno alla pubblicazione su Gazzetta ufficiale di un nuovo quadro legislativo organico per il cinema. Quadro che ormai manca dal 1965. Obiettivo: una maggior efficienza economica della filiera cinematografica. Per il cinema sembra insomma arrivata l'ora d'essere considerato alla stregua di un'industria. Cos, per rendere pi scientifica la selezione dei film da finanziare con i fondi statali, si pensa all'introduzione del cosiddetto reference System: sulle imprese e di tipo artistico.
Reference System. Verranno premiate le imprese pi solide imprenditorialmente. Un reference artistico far invece s che solo il 50% del valore artistico di un progetto cinematografico dipenda dalla scelta discrezionale dei commissari (l'altro 50% verr valutato in base ad automatismi basati sulle qualit artistiche e sulla solidit commerciale di un'impresa). Al posto di due commissioni (commissione consultiva per il cinema e consultiva per il credito cinematografico) ci sar inoltre una commissione unica articolata in sezioni: una per le opere prime, una per visionare i film finanziati (ed evitare che i fondi siano spesi per produzioni diverse o inesistenti), un'altra ancora per la promozione che si avvarr di esperti di marketing e pubblicit. In pi, se fino a oggi il finanziamento statale bastava per avviare le produzioni, in futuro andr prima trovata (entro un anno) la copertura economica per la quota non a carico dello Stato.
Allo studio pure un contingentamento dei film di interesse culturale solo nazionale (potrebbero essere non pi di 25-30 l'anno) per spingere invece le coproduzioni europee. Cambier anche la distribuzione, modellandosi sul sistema francese con automatismi legati al numero di ingressi per film di
interesse culturale che il distributore ha registrato nell'anno precedente. E il cuore di tutto sar proprio Cinecitt holding.
Devolution. Si pensa di abolire la norma che impedisce allo Stato di finanziare pellicole beneficiane del contributo di una film commission regionale. Potrebbe infine non piacere alle associazioni di tutela dei consumatori, ma servir alla causa imprenditoriale del cinema, l'abolizione del divieto al cosiddetto
product placement. Consentita negli Usa e ormai sdoganata anche in Francia, non sar pi bollata come pubblicit occulta l'esposizione di marchi e prodotti a fini pubblicitari in un film. Il divieto rester per alcol, fumo e farmaci nocivi. E arriveranno incentivi (con contributi in conto interessi e in conto capitale) per chi aprir sale cinematografiche nei centri urbani, per rimediare alla progressiva chiusura dei cinema cittadini.




news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news