LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli incentivi fiscali superano il rodaggio
Antonello Cherchi
Il Sole 24 ore rapporti, 13/12/2002

Diciassette milioni di euro, raggranellati nel 2001 grazie alla generosit di 308 aziende ed enti. il bilancio della prima applicazione dei nuovi sconti fiscali in favore della cultura. Gli interventi per far crescere l'arte e lo spettacolo possono, infatti, essere dedotti integralmente dal reddito di impresa. Il primo bilancio stato magro, se si considera che 1’amministrazione finanziaria, per non avere problemi sul fronte delle entrate, aveva fissato il tetto dei contributi a 139,5 milioni di euro. C', per, da tener conto che la novit diventata operativa solo negli ultimi mesi dello
scorso anno. La vera prova del nove circa la bont degli incentivi la si avr, pertanto, quest'anno. Ma i risultati si conosceranno solo a gennaio del 2003, quando il ministero dei Beni culturali disporr di tutti i dati sugli aiuti che i privati hanno destinato all'arte e allo spettacolo. Una novit, per, potrebbe arrivare gi prima di quella data. Ai Beni culturali, infatti, stanno valutando di far "saltare" il tetto delle erogazioni liberali, cos da non dover costringere gli enti beneficiari a restituire, attraverso un calcolo cervellotico, parte dei contributi ricevuti in eccedenza. L'operazione sarebbe resa possibile dal recupero delle risorse gi stanziate nel 2001 a copertura delle minori entrate: si tratta di 90,3 milioni di euro, di cui solo una piccola parte per stata — vista l'esiguit dei contributi — impegnata. L'intenzione di modificare il sistema attraverso un emendamento alla Finanziaria. Al momento la modifica non , per, stata formalizzata.


Gli incentivi. Il nuovo sistema di sconti fiscali stato introdotto dall'articolo 38 della legge 342/2000. La norma prevede che le erogazioni liberali in denaro a favore dello Stato, delle Regioni, degli enti locali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute possano essere dedotte per intero dal reddito di impresa, purch i contributi siano destinati a interventi nel campo dell'arte e dello spettacolo.
Per compensare il minor gettito erariale (conseguenza dell’applicazione delle deduzioni), stato previsto uno stanziamento di 90,3 milioni di euro per il 2002 e di 51,6 milioni di euro a partire dal 2003. Allo stesso tempo, stata calcolata l'entit delle erogazioni compatibile con quegli stanziamenti: per il 2001 i contributi da
raccogliere non potevano superare
i 139,5 milioni di euro. Per gli
anni a venire (dunque, anche per
quello in corso) quel tetto pu
essere modificato, ma al momento
rimasto invariato.
In caso di sforamento del limite, il Fisco autorizzato a recuperare parte delle somme versate in eccedenza. Le modalit sono state
fissate dal decreto del ministero
dei Beni culturali 11 aprile 2001, provvedimento che ha individuato nel dettaglio i soggetti beneficiari delle erogazioni, ha fissato le modalit di versamento e ha stabilito come calcolare la parte di contributi da restituire all'amministrazione finanziaria. La questione riguarda unicamente i beneficiari: non esiste, dunque, un tetto per chi versa. Chi riceve le erogazioni deve, invece, prepararsi a ridare al Fisco il 37% delle somme eccedenti il tetto.


Il nuovo regolamento. Il ministero dei Beni culturali ha voluto ampliare, con il nuovo regolamento che sostituisce quello di aprile 2001, la platea dei beneficiari dei contributi e ha, inoltre, compreso fra le erogazioni liberali quelle per le quali il beneficiario formula pubblico ringraziamento al soggetto erogante. Il resto delle procedure sono, invece, rimaste invariate.


I Mecenate. La lista degli imprenditori che, nel 2001, hanno aiutato l'arte usufruendo degli sconti fiscali variegata: si va dalla fondazione al supermercato, dalla banca all'istituto di assicurazioni, dalla piccola alla grande azienda. Diversificato anche l'elenco dei beneficiari: hanno ricevuto contributi l'Opificio delle pietre dure di Firenze, varie fondazioni (tra cui quella Giorgio Cini e La Fenice di Venezia, Santa Cecilia a Roma, la Scala a Milano), le associazioni culturali, i comuni, gli enti e perfino un coro alpino.
Vari anche gli importi delle erogazioni: si va dalle poche decine alle migliaia e centinaia di migliaia di euro. A beneficiarne sono state soprattutto le strutture della Lombardia (dove sono stati raccolti oltre 6 milioni di euro) e del Veneto (oltre 4 milioni di euro).
Nel Veneto ha dato, per esempio, il suo contributo la Diesel, azienda di abbigliamento per i giovani, che ha contribuito con 20mila euro a una manifestazione di teatro, musica, letteratura, poesia e cinema che si tenuta questa primavera a Bassano del Grappa (Vicenza). Ma — fanno sapere in azienda — l'intervento in campo culturale nel Dna della Diesel, impegnata a promuovere progetti per lanciare nuovi talenti nel mondo dell'arte e del fashion e a permettere a giovani musicisti underground di incidere dischi e farsi conoscere.
L'aiuto dato al Comune di Bassano del Grappa rientra in questi programmi, anche se l'iniziativa ha poi potuto usufruire degli sconti fiscali. Tuttavia, precisano alla Diesel, gli incentivi previsti dall'articolo 38 hanno rappresentato solo "un'argomentazione a supporto" dell'intervento, non la spinta determinante. Proprio perch l'attivit di Molvena (Vicenza) ha sempre adottato questo tipo di politiche.
Per quanto invece riguarda la validit delle agevolazioni fiscali, alla Diesel ritengono che potrebbe essere pensato un meccanismo per cui gli incentivi aumentano nei confronti delle aziende che hanno messo effettivamente mano al portafoglio per far crescere la cultura.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news